Principale Emicrania

Viene chiamato il contatto specializzato tra due neuroni

Il punto di contatto tra due neuroni o tra un neurone e una cellula effettrice che riceve il segnale. Serve per trasmettere un impulso nervoso tra due cellule e durante la trasmissione sinaptica è possibile regolare l'ampiezza e la frequenza del segnale. La trasmissione degli impulsi viene effettuata chimicamente mediante mediatori o elettricamente facendo passare ioni da una cellula all'altra.

Dal meccanismo di trasmissione di un impulso nervoso.

- la sostanza chimica è un luogo in cui due cellule nervose aderiscono strettamente, per trasmettere un impulso nervoso attraverso il quale la cellula sorgente rilascia una sostanza speciale nello spazio intercellulare, un neurotrasmettitore, la cui presenza nella fessura sinaptica eccita o inibisce la cellula ricevente.

- elettrico (efaps) - un luogo di contatto più stretto di una coppia di cellule, in cui le loro membrane sono collegate usando speciali formazioni proteiche - connessioni (ciascuna connessione è composta da sei subunità proteiche). La distanza tra le membrane cellulari nella sinapsi elettrica è di 3,5 nm (intercellulare normale - 20 nm). Poiché la resistenza del fluido extracellulare è piccola (in questo caso), gli impulsi passano attraverso la sinapsi senza fermarsi. Le sinapsi elettriche sono di solito eccitanti.

- sinapsi miste - Il potenziale d'azione presinaptico crea una corrente che depolarizza la membrana postsinaptica di una tipica sinapsi chimica, in cui le membrane pre e postsinaptica non sono strettamente adiacenti l'una all'altra. Pertanto, in queste sinapsi, la trasmissione chimica funge da meccanismo di rinforzo necessario..

Le sinapsi chimiche più comuni. Per il sistema nervoso dei mammiferi, le sinapsi elettriche sono meno caratteristiche di quelle chimiche..

Per posizione e proprietà delle strutture.

- axo-dendritico - con dendriti, tra cui

- axo-colonna vertebrale - con spine dendritiche, escrescenze su dendriti;

- axo-somatic: con i corpi dei neuroni;

- axo-assonale: tra assoni;

- dendro-dendritico: tra i dendriti;

aminergico, contenente ammine biogeniche (ad es. serotonina, dopamina);

tra cui adrenergico, contenente adrenalina o noradrenalina;

colinergico contenente acetilcolina;

purinergico, contenente purine;

peptidi contenenti peptidi.

Allo stesso tempo, nella sinapsi non viene sempre prodotto solo un mediatore. Di solito il plettro principale viene espulso insieme ad un altro che funge da modulatore.

In segno di azione.

Se il primo contribuisce al verificarsi di eccitazione nella cellula postsinaptica (in essi, a seguito dell'arrivo di un impulso, la membrana viene depolarizzata, il che può causare un potenziale di azione in determinate condizioni), la seconda, al contrario, interrompe o previene la sua comparsa e impedisce un'ulteriore propagazione dell'impulso. Di solito inibitori sono le sinapsi glicinergiche (mediatore - glicina) e GABAergiche (mediatore - acido gamma-aminobutirrico).

Esistono due tipi di sinapsi del freno:

1) sinapsi, nelle terminazioni presinaptiche di cui viene rilasciato un mediatore, iperpolarizzando la membrana postsinaptica e causando la comparsa del potenziale inibitorio postsinaptico;

2) sinapsi axo-assonali, fornendo inibizione presinaptica. Sinapsi colinergiche - sinapsi, in cui l'acetilcolina è un mediatore.

Forme speciali di sinapsi includono apparati a punta in cui brevi sporgenze singole o multiple della membrana dendritica postsinaptica entrano in contatto con l'espansione sinaptica. I dispositivi a spillo aumentano significativamente il numero di contatti sinaptici sul neurone e, quindi, la quantità di informazioni elaborate. Le sinapsi non spinali sono chiamate sessili. Ad esempio, tutte le sinapsi GABA-ergiche sono sedentarie.

Il meccanismo di funzionamento della sinapsi chimica (vedi appendice n. 12).

Una sinapsi tipica è una sostanza chimica axo-dendritica. Tale sinapsi è composta da due parti: la presinaptica, formata dall'estensione clavata dell'assone della cellula trasmittente e la postsinaptica, rappresentata dalla porzione a contatto della membrana plasmatica della cellula ricettiva (in questo caso, la porzione dendritica).

Tra le due parti c'è una fessura sinaptica - uno spazio di 10-50 nm di larghezza tra le membrane postsinaptiche e presinaptiche, i cui bordi sono rafforzati dai contatti intercellulari.

La parte dell'ascolemma a forma di club adiacente alla fessura sinaptica è chiamata membrana presinaptica. Il sito del citolemma della cellula ricettiva, che confina con la fessura sinaptica sul lato opposto, è chiamato membrana postsinaptica, nelle sinapsi chimiche è in rilievo e contiene numerosi recettori.

Nell'espansione sinaptica ci sono piccole vescicole, le cosiddette vescicole sinaptiche, contenenti o un mediatore (un mediatore nella trasmissione dell'eccitazione) o un enzima che distrugge questo mediatore. Sul postsinaptico e spesso sulle membrane presinaptiche sono presenti recettori per l'uno o l'altro mediatore.

Durante la depolarizzazione del terminale presinaptico, i canali del calcio sensibili alla tensione si aprono, gli ioni calcio entrano nel terminale presinaptico e attivano il meccanismo di fusione delle vescicole sinaptiche con la membrana. Di conseguenza, il mediatore entra nella fessura sinaptica e si attacca alle proteine ​​del recettore della membrana postsinaptica, che sono divise in metabotropiche e ionotropiche. I primi sono associati alla proteina G e scatenano una cascata di reazioni di trasmissione del segnale intracellulare. I secondi sono associati ai canali ionici che si aprono quando un neurotrasmettitore è legato a loro, il che porta a un cambiamento nel potenziale di membrana. Il mediatore agisce per un tempo molto breve, dopo di che viene distrutto da un enzima specifico. Ad esempio, nelle sinapsi colinergiche, un enzima che distrugge il mediatore nella schisi sinaptica è l'acetilcolinesterasi. Allo stesso tempo, una parte del mediatore può essere trasportata usando le proteine ​​vettore attraverso la membrana postsinaptica (cattura diretta) e nella direzione opposta attraverso la membrana presinaptica (cattura inversa). In alcuni casi, il mediatore viene anche assorbito dalle cellule di neuroglia vicine..

Sono stati scoperti due meccanismi di rilascio: con la fusione completa delle vescicole con il plasmalemma e il cosiddetto "bacio e corsa" quando la vescicola si collega alla membrana e piccole molecole escono dalla fessura sinaptica, mentre quelle grandi rimangono nella vescicola. Il secondo meccanismo, presumibilmente, è più veloce del primo, con l'aiuto di esso c'è una trasmissione sinaptica con un alto contenuto di ioni calcio nella placca sinaptica.

La conseguenza di questa struttura di sinapsi è la conduzione unilaterale di un impulso nervoso. C'è un cosiddetto ritardo sinaptico: il tempo necessario per trasmettere un impulso nervoso. La sua durata è di circa - 0,5 ms.

Il cosiddetto "principio di Dale" (un neurone - un neurotrasmettitore) è riconosciuto come errato. Oppure, come talvolta si crede, è specificato: non uno ma diversi mediatori possono distinguersi da un'estremità di una cellula e il loro insieme è costante per una data cellula.

Tessuto nervoso

Un gruppo di tessuti nervosi combina tessuti di origine ectodermica, che formano insieme il sistema nervoso e creano le condizioni per l'implementazione delle sue numerose funzioni. Hanno due proprietà principali: eccitabilità e conducibilità.

Neurone

L'unità strutturale e funzionale del tessuto nervoso è un neurone (dall'altro greco: νεῦρον - fibra, nervo) - una cellula con un lungo processo - un assone e uno / più di quelli corti - dendriti.

Mi affretto a riferire che l'idea che il breve processo di un neurone sia un dendrite e quello lungo un assone è fondamentalmente sbagliata. Dal punto di vista della fisiologia, è più corretto dare le seguenti definizioni: il dendrite è un processo di un neurone lungo il quale un impulso nervoso si sposta nel corpo di un neurone, un assone è un processo di un neurone lungo il quale un impulso si sposta da un corpo di un neurone.

I processi dei neuroni conducono gli impulsi nervosi generati e li trasmettono ad altri neuroni, effettori (muscoli, ghiandole), grazie ai quali i muscoli si contraggono o si rilassano e la secrezione delle ghiandole aumenta o diminuisce.

Guaina mielinica

I processi dei neuroni sono ricoperti da una sostanza simile al grasso: la guaina mielinica, che fornisce una conduzione isolata di un impulso nervoso lungo il nervo. Se non ci fosse una guaina mielinica (immagina!), Gli impulsi nervosi si propagerebbero casualmente e quando volevamo fare un movimento della mano, la gamba si muoveva.

Esiste una malattia in cui i propri anticorpi distruggono la guaina mielinica (si verificano anche tali malfunzionamenti nel lavoro del corpo). Questa malattia è la sclerosi multipla, mentre progredisce, distrugge non solo la guaina mielinica, ma anche i nervi - il che significa che si verifica l'atrofia muscolare e la persona gradualmente diventa immobilizzato.

nevroglia

Hai già visto quanto siano importanti i neuroni, la loro alta specializzazione porta alla nascita di un ambiente speciale: i neuroglia. Neuroglia è una parte ausiliaria del sistema nervoso, che svolge una serie di importanti funzioni:

  • Supporto: supporta i neuroni in una posizione specifica
  • Isolamento: limita i neuroni dal contatto con l'ambiente interno del corpo
  • Rigenerativo - in caso di danni alle strutture nervose, la neuroglia favorisce la rigenerazione
  • Trofico: con l'aiuto di neuroglia, viene effettuata la nutrizione dei neuroni: i neuroni non entrano direttamente in contatto con il sangue

Diverse cellule fanno parte della neuroglia; sono dieci volte più degli stessi neuroni. Nella parte periferica del sistema nervoso, la guaina mielinica studiata da noi è formata proprio dalle cellule neuroglia - Schwann. Le intercettazioni di Ranvier sono chiaramente visibili tra loro - aree prive della guaina mielinica tra due cellule di Schwann adiacenti.

Classificazione dei neuroni

I neuroni sono funzionalmente divisi in sensoriali, motori e intercalari.

I neuroni sensibili sono anche chiamati afferenti, centripeti, sensoriali, sensoriali - trasmettono l'eccitazione (impulso nervoso) dai recettori al sistema nervoso centrale. Il recettore è l'estremità terminale delle fibre nervose sensoriali che percepiscono lo stimolo..

I neuroni da inserzione sono anche chiamati intermedi, associativi: forniscono una connessione tra neuroni sensoriali e motori, trasmettono l'eccitazione a varie parti del sistema nervoso centrale.

I motoneuroni sono anche chiamati efferenti, centrifughi, motoneuroni - trasmettono un impulso nervoso (eccitazione) dal sistema nervoso centrale all'effettore (corpo di lavoro). L'esempio più semplice di interazione neuronale è il riflesso del ginocchio (tuttavia, in questo diagramma non è presente alcun neurone da inserimento). Studieremo gli archi riflessi e i loro tipi in modo più dettagliato nella sezione sul sistema nervoso.

Sinapsi

Nel diagramma sopra, probabilmente hai notato un nuovo termine: sinapsi. La sinapsi è il punto di contatto tra due neuroni o tra un neurone e un effettore (organo bersaglio). Nella sinapsi, l'impulso nervoso viene "convertito" in uno chimico: c'è un rilascio di sostanze speciali - i neurotrasmettitori (il più famoso - acetilcolina) nella fessura sinaptica.

Analizziamo la struttura della sinapsi nel diagramma. È composto dalla membrana presinaptica degli assoni, accanto alla quale sono vescicole (lat. Vesicula - vescicola) con un neurotrasmettitore interno (acetilcolina). Se un impulso nervoso raggiunge il terminale (estremità) dell'assone, le vescicole iniziano a fondersi con la membrana presinaptica: l'acetilcolina entra nella fessura sinaptica.

Una volta nella fessura sinaptica, l'acetilcolina si lega ai recettori sulla membrana postsinaptica, in modo che l'eccitazione venga trasmessa a un altro neurone e generi un impulso nervoso. Ecco come funziona il sistema nervoso: il percorso di trasmissione elettrica è sostituito dal prodotto chimico (alla sinapsi).

Cura del veleno

È molto più interessante studiare qualsiasi argomento usando esempi, quindi cercherò di farti piacere con loro il più spesso possibile;) Non posso nascondere la storia del curara avvelenata, che gli indiani hanno usato per la caccia fin dai tempi antichi.

Questo veleno blocca i recettori dell'acetilcolina sulla membrana postsinaptica e, di conseguenza, diventa impossibile il trasferimento chimico dell'eccitazione da un neurone all'altro. Ciò porta al fatto che gli impulsi nervosi cessano di fluire verso i muscoli del corpo, compresi i muscoli respiratori (intercostali, diaframma), a seguito dei quali la respirazione si interrompe e l'animale muore..

Nervi e nodi nervosi

Riunendosi, gli assoni formano fasci nervosi. I fasci nervosi sono combinati in nervi coperti da una guaina del tessuto connettivo. Se i corpi delle cellule nervose sono concentrati in un punto al di fuori del sistema nervoso centrale, i loro gruppi sono chiamati nodi nervosi - o gangli (dall'altro greco. Γάγγλιον - nodo).

Nel caso di connessioni complesse tra le fibre nervose, parlano di plessi nervosi. Uno dei più famosi è il plesso brachiale..

Malattie del sistema nervoso

Le malattie neurologiche possono svilupparsi in qualsiasi parte del sistema nervoso: il quadro clinico dipenderà da questo. In caso di danno al percorso sensibile, il paziente smette di sentire dolore, freddo, calore e altre sostanze irritanti nella zona di innervazione del nervo interessato, mentre i movimenti sono completamente preservati.

Se l'unità motore è danneggiata, il movimento dell'arto interessato sarà impossibile: si verifica una paralisi, ma la sensibilità può persistere.

Esiste una grave malattia muscolare - miastenia grave (dall'altro greco. Μῦς - "muscolo" e ἀσθένεια - "impotenza, debolezza"), in cui i propri anticorpi distruggono i motoneuroni.

A poco a poco, qualsiasi movimento muscolare diventa più difficile per il paziente, diventa difficile parlare a lungo, la fatica aumenta. Un sintomo caratteristico è l'omissione della palpebra superiore. La malattia può portare alla debolezza del diaframma e dei muscoli respiratori, rendendo impossibile la respirazione.

© Bellevich Yuri Sergeevich 2018-2020

Questo articolo è stato scritto da Bellevich Yuri Sergeyevich ed è la sua proprietà intellettuale. La copia, la distribuzione (inclusa la copia su altri siti e risorse su Internet) o qualsiasi altro uso di informazioni e oggetti senza il previo consenso del detentore del copyright è punibile dalla legge. Per i materiali dell'articolo e il permesso di usarli, si prega di contattare Bellevich Yuri.

Neuroni cerebrali: struttura, classificazione e percorsi

Struttura del neurone

Ogni struttura nel corpo umano è costituita da tessuti specifici inerenti a un organo o sistema. Nel tessuto nervoso c'è un neurone (neurocita, nervo, neurone, fibra nervosa). Cosa sono i neuroni cerebrali? Questa è un'unità strutturale e funzionale del tessuto nervoso che fa parte del cervello. Oltre alla definizione anatomica di un neurone, ne esiste anche una funzionale: si tratta di una cellula eccitata da impulsi elettrici, in grado di elaborare, archiviare e trasmettere informazioni ad altri neuroni utilizzando segnali chimici ed elettrici.

La struttura della cellula nervosa non è così complicata, rispetto alle cellule specifiche di altri tessuti, determina anche la sua funzione. Un neurocita è costituito da un corpo (un altro nome è soma) e da processi: assone e dendrite. Ogni elemento del neurone svolge la sua funzione. Soma è circondato da uno strato di tessuto adiposo, che passa solo sostanze liposolubili. Il nucleo e altri organelli si trovano all'interno del corpo: ribosomi, reticolo endoplasmatico e altri.

Oltre ai neuroni stessi, nel cervello predominano le seguenti cellule, vale a dire le cellule gliali. Sono spesso chiamati colla cerebrale per la loro funzione: la glia svolge una funzione ausiliaria per i neuroni, fornendo loro un ambiente. Il tessuto gliale consente al tessuto nervoso di rigenerarsi, nutrire e aiuta a creare impulsi nervosi..

Il numero di neuroni nel cervello ha sempre interessato i ricercatori nel campo della neurofisiologia. Quindi, il numero di cellule nervose variava da 14 miliardi a 100. Recenti studi condotti da esperti brasiliani hanno rivelato che il numero di neuroni è in media 86 miliardi di cellule.

Germogli

Lo strumento nelle mani del neurone sono i germogli, grazie ai quali il neurone è in grado di adempiere alla sua funzione di trasmettitore e custode di informazioni. Sono i processi che formano l'ampia rete nervosa, che consente alla psiche umana di rivelare in tutta la sua gloria. C'è un mito secondo cui le capacità mentali di una persona dipendono dal numero di neuroni o dal peso del cervello, ma non è così: quelle persone i cui campi e sottocampi del cervello sono altamente sviluppati (più volte) diventano geni. Per questo motivo, i campi responsabili di determinate funzioni saranno in grado di svolgere queste funzioni in modo più creativo e veloce..

Axon

Un assone è un lungo processo di un neurone che trasmette gli impulsi nervosi dal soma nervoso ad altre cellule o organi che sono innervati da una parte specifica della colonna nervosa. La natura ha dotato i vertebrati di un bonus - la fibra di mielina, nella cui struttura sono cellule di Schwann, tra le quali ci sono piccole aree vuote - intercette di Ranvier. Su di loro, come su una scala, gli impulsi nervosi saltano da una sezione all'altra. Questa struttura consente più volte di accelerare il trasferimento di informazioni (fino a circa 100 metri al secondo). La velocità di movimento di un impulso elettrico lungo una fibra che non ha mielina è in media 2-3 metri al secondo.

dendriti

Un altro tipo di processi delle cellule nervose sono i dendriti. A differenza di un assone lungo e solido, un dendrite è una struttura corta e ramificata. Questo processo non è coinvolto nella trasmissione di informazioni, ma solo nella sua ricezione. Quindi, l'eccitazione arriva al corpo di un neurone usando brevi rami di dendriti. La complessità delle informazioni che un dendrite è in grado di ricevere è determinata dalle sue sinapsi (recettori nervosi specifici), ovvero dal diametro della sua superficie. I dendriti, a causa dell'enorme numero di spine, sono in grado di stabilire centinaia di migliaia di contatti con altre cellule.

Metabolismo in un neurone

Una caratteristica distintiva delle cellule nervose è il loro metabolismo. Il metabolismo in un neurocita si distingue per l'alta velocità e la predominanza dei processi aerobici (a base di ossigeno). Questa caratteristica della cellula è spiegata dal fatto che il lavoro del cervello è estremamente dispendioso in termini energetici e la sua richiesta di ossigeno è grande. Nonostante il fatto che il peso del cervello sia solo il 2% del peso corporeo totale, il suo consumo di ossigeno è di circa 46 ml / min, e questo è il 25% del consumo corporeo totale.

La principale fonte di energia per il tessuto cerebrale, oltre all'ossigeno, è il glucosio, dove subisce complesse trasformazioni biochimiche. Alla fine, una grande quantità di energia viene rilasciata dai composti dello zucchero. Pertanto, si può rispondere alla domanda su come migliorare le connessioni neurali del cervello: utilizzare alimenti contenenti composti del glucosio.

Funzione dei neuroni

Nonostante la struttura relativamente semplice, il neurone ha molte funzioni, le principali delle quali sono le seguenti:

  • percezione di irritazione;
  • elaborazione dello stimolo;
  • trasmissione di impulsi;
  • formazione della risposta.

Funzionalmente, i neuroni sono divisi in tre gruppi:

Inoltre, un altro gruppo è funzionalmente isolato nel sistema nervoso - i nervi inibitori (responsabili dell'inibizione dell'eccitazione delle cellule). Tali cellule contrastano la diffusione del potenziale elettrico..

Classificazione dei neuroni

Le cellule nervose sono diverse in quanto tali, quindi i neuroni possono essere classificati sulla base di vari parametri e attributi, vale a dire:

  • La forma del corpo. In diverse parti del cervello sono presenti neurociti di varie forme di soma:
    • stellate;
    • fusiforme;
    • piramidale (cellule di Betz).
  • Per il numero di processi:
    • unipolare: avere un processo;
    • bipolare: due processi si trovano sul corpo;
    • multipolare: sul pesce gatto di tali cellule sono presenti tre o più processi.
  • Caratteristiche di contatto della superficie del neurone:
    • axo-somatica. In questo caso, l'assone è in contatto con il soma della cellula adiacente del tessuto nervoso;
    • axo-dendritica. Questo tipo di contatto comporta la combinazione di un assone e un dendrite;
    • axo-assonale. L'assone di un neurone ha connessioni con l'assone di un'altra cellula nervosa.

Tipi di neuroni

Per eseguire movimenti coscienti, è necessario che l'impulso formato nelle convoluzioni motorie del cervello possa raggiungere i muscoli necessari. Pertanto, si distinguono i seguenti tipi di neuroni: motoneurone centrale e periferico.

Il primo tipo di cellule nervose proviene dal giro centrale anteriore situato di fronte al solco più grande del cervello - il solco di Roland, vale a dire, dalle cellule piramidali di Betz. Inoltre, gli assoni del neurone centrale si approfondiscono negli emisferi e passano attraverso la capsula interna del cervello.

I neurociti motori periferici sono formati dai motoneuroni delle corna anteriori del midollo spinale. I loro assoni raggiungono varie formazioni, come i plessi, i cluster di nervi spinali e, soprattutto, i muscoli performanti.

Lo sviluppo e la crescita dei neuroni

Una cellula nervosa ha origine da una cellula progenitrice. In via di sviluppo, i primi iniziano a crescere assoni, i dendriti maturano un po 'più tardi. Alla fine dell'evoluzione del processo neurocitario, nel soma della cellula si forma una piccola compattazione di forma irregolare. Tale formazione è chiamata cono di crescita. Contiene mitocondri, neurofilamenti e tubuli. I sistemi recettoriali della cellula maturano gradualmente e le regioni sinaptiche del neurocita si espandono.

pathways

Il sistema nervoso ha le sue sfere di influenza in tutto il corpo. Con l'aiuto di fibre conduttive, viene effettuata la regolazione nervosa di sistemi, organi e tessuti. Il cervello, grazie ad un ampio sistema di percorsi, controlla completamente lo stato anatomico e funzionale di qualsiasi struttura corporea. I reni, il fegato, lo stomaco, i muscoli e altri - tutto ciò ispeziona il cervello, coordinando e regolando attentamente e scrupolosamente ogni millimetro di tessuto. E in caso di guasto, corregge e seleziona un modello di comportamento adeguato. Pertanto, grazie ai percorsi, il corpo umano si distingue per autonomia, autoregolazione e adattabilità all'ambiente esterno..

Vie del cervello

Il percorso è l'accumulo di cellule nervose la cui funzione è quella di scambiare informazioni tra le diverse parti del corpo.

  • Fibre nervose associative. Queste cellule collegano diversi centri nervosi che si trovano nello stesso emisfero..
  • Fibre commissioni. Questo gruppo è responsabile dello scambio di informazioni tra centri cerebrali simili.
  • Fibre nervose di proiezione. Questa categoria di fibre articola il cervello con il midollo spinale..
  • Percorsi esterocettivi. Trasportano impulsi elettrici dalla pelle e altri sensi al midollo spinale..
  • Propriocettiva. Questo gruppo di percorsi trasporta segnali da tendini, muscoli, legamenti e articolazioni.
  • Percorsi intercettivi. Le fibre di questo tratto provengono da organi interni, vasi e mesenterie intestinali.

Interazione con neurotrasmettitori

I neuroni di luoghi diversi comunicano tra loro usando impulsi elettrici di natura chimica. Allora, qual è la base della loro educazione? Esistono i cosiddetti neurotrasmettitori (neurotrasmettitori) - composti chimici complessi. Sulla superficie dell'assone è la sinapsi del nervo - la superficie di contatto. C'è una fessura presinaptica da un lato e una fessura post-sinaptica dall'altro. C'è un divario tra loro - questa è la sinapsi. Sulla parte presinaptica del recettore sono presenti sacche (vescicole) contenenti un certo numero di neurotrasmettitori (quantistico).

Quando l'impulso si avvicina alla prima parte della sinapsi, viene avviato un complesso meccanismo a cascata biochimica, a seguito del quale le sacche con mediatori si aprono e i quanti delle sostanze intermedie fluiscono uniformemente nello spazio. In questa fase, l'impulso scompare e appare di nuovo solo quando i neurotrasmettitori raggiungono la schisi post-sinaptica. Quindi i processi biochimici con aperture di gate per mediatori vengono nuovamente attivati ​​e quelli che agiscono sui recettori più piccoli vengono convertiti in un impulso elettrico che va oltre nelle profondità delle fibre nervose.

Nel frattempo, si distinguono diversi gruppi di questi stessi neurotrasmettitori, vale a dire:

  • Neurotrasmettitori frenanti: un gruppo di sostanze che inibiscono l'azione dell'eccitazione. Questi includono:
    • acido gamma-aminobutirrico (GABA);
    • glicina.
  • Neurotrasmettitori emozionanti:
    • acetilcolina;
    • dopamina;
    • serotonina;
    • noradrenalina;
    • adrenalina.

Le cellule nervose si riprendono

Per molto tempo si pensava che i neuroni non fossero in grado di dividersi. Tuttavia, questa affermazione, secondo la ricerca moderna, si è rivelata falsa: in alcune parti del cervello, si verifica il processo di neurogenesi dei precursori dei neurociti. Inoltre, il tessuto cerebrale ha eccezionali capacità di neuroplasticità. Ci sono molti casi in cui una parte sana del cervello assume la funzione di un danneggiato.

Molti esperti nel campo della neurofisiologia si sono chiesti come ripristinare i neuroni cerebrali. Nuove ricerche condotte da scienziati americani hanno rivelato che per la rigenerazione tempestiva e corretta dei neurociti, non è necessario utilizzare farmaci costosi. Per fare questo, devi solo fare il corretto regime di sonno e mangiare bene con l'inclusione di vitamine del gruppo B e cibi ipocalorici nella dieta.

Se si verifica una violazione delle connessioni neurali del cervello, sono in grado di recuperare. Tuttavia, ci sono gravi patologie delle connessioni e dei percorsi nervosi, come la malattia dei motoneuroni. Quindi è necessario rivolgersi a cure cliniche specializzate, in cui i neurologi possono scoprire la causa della patologia e fare il trattamento giusto.

Le persone che hanno precedentemente consumato o bevono alcolici spesso chiedono come ripristinare i neuroni cerebrali dopo l'alcol. Lo specialista risponderebbe che per questo è necessario lavorare sistematicamente sulla tua salute. La gamma di attività comprende una dieta equilibrata, esercizio fisico regolare, attività mentale, camminare e viaggiare. È dimostrato: le connessioni neurali del cervello si sviluppano attraverso lo studio e la contemplazione di informazioni assolutamente nuove per l'uomo..

In condizioni di sovrasaturazione con informazioni in eccesso, l'esistenza di un mercato di fast food e uno stile di vita sedentario, il cervello è suscettibile di vari danni. Aterosclerosi, formazione trombotica sui vasi, stress cronico, infezioni: tutto questo è un percorso diretto per l'intasamento del cervello. Nonostante ciò, ci sono farmaci che ripristinano le cellule cerebrali. Il gruppo principale e più popolare sono i nootropi. I farmaci di questa categoria stimolano il metabolismo dei neurociti, aumentano la resistenza alla carenza di ossigeno e hanno un effetto positivo su vari processi mentali (memoria, attenzione, pensiero). Oltre ai nootropi, il mercato farmaceutico offre farmaci contenenti acido nicotinico, rafforzando le pareti dei vasi sanguigni e altri. Va ricordato che il ripristino delle connessioni neurali del cervello durante l'assunzione di vari farmaci è un lungo processo..

L'effetto dell'alcool sul cervello

L'alcol ha un effetto negativo su tutti gli organi e sistemi, in particolare sul cervello. L'alcol etilico penetra facilmente nelle barriere protettive del cervello. Il metabolita dell'alcool - acetaldeide - è una grave minaccia per i neuroni: l'alcool deidrogenasi (un enzima che elabora l'alcool nel fegato) nel processo di elaborazione da parte del corpo assorbe più liquido, compresa l'acqua dal cervello. Pertanto, i composti alcolici semplicemente asciugano il cervello, estraendo l'acqua da esso, a seguito della quale le strutture cerebrali si atrofizzano e le cellule muoiono. Nel caso di un singolo uso di alcol, tali processi sono reversibili, il che non si può dire dell'uso cronico di alcol, quando, oltre ai cambiamenti organici, si formano caratteristiche patologiche stabili dell'alcolista. Maggiori dettagli su come si verifica "Effetto dell'alcool sul cervello"..

Dendrite, assone e sinapsi, struttura delle cellule nervose

Dendrite, assone e sinapsi, struttura delle cellule nervose

Membrana cellulare

Questo elemento fornisce una funzione barriera, separando l'ambiente interno dall'esterno della neuroglia. Il film più sottile è costituito da due strati di molecole proteiche e fosfolipidi situati tra di loro. La struttura della membrana di un neurone suggerisce la presenza nella sua struttura di recettori specifici responsabili del riconoscimento degli stimoli. Hanno una sensibilità selettiva e, se necessario, si accendono in presenza di una controparte. La connessione degli ambienti interni ed esterni avviene attraverso i tubuli che passano attraverso ioni calcio o potassio. Allo stesso tempo, si aprono o si chiudono sotto l'azione dei recettori proteici.

Grazie alla membrana, la cellula ha il suo potenziale. Quando lo trasmette lungo la catena, si verifica l'innervazione del tessuto eccitabile. Il contatto della membrana dei neuroni adiacenti si verifica alle sinapsi. Il mantenimento di un ambiente interno costante è un componente importante della vita di qualsiasi cellula. E la membrana regola finemente la concentrazione nel citoplasma di molecole e ioni carichi. In questo caso, vengono trasportati nelle quantità richieste affinché le reazioni metaboliche procedano al livello ottimale.

Classificazione

Classificazione strutturale

In base al numero e alla posizione dei dendriti e degli assoni, i neuroni sono divisi in non-assoni, neuroni unipolari, neuroni pseudo-unipolari, neuroni bipolari e neuroni multipolari (molti tronchi dendritici, solitamente efferenti).

I neuroni liberi da assoni sono piccole cellule raggruppate vicino al midollo spinale nei gangli intervertebrali, che non hanno segni anatomici della divisione dei processi in dendriti e assoni. Tutti i processi nella cellula sono molto simili. Lo scopo funzionale dei neuroni privi di assoni è poco compreso..

Neuroni unipolari - neuroni con un processo, sono presenti, ad esempio, nel nucleo sensoriale del nervo trigemino nel mesencefalo. Molti morfologi credono che i neuroni unipolari non si verificano nel corpo umano e nei vertebrati superiori..

I neuroni bipolari sono neuroni che hanno un assone e un dendrite situati in organi sensoriali specializzati: la retina, l'epitelio olfattivo e il bulbo, i gangli uditivi e vestibolari.

I neuroni multipolari sono neuroni con un assone e diversi dendriti. Questo tipo di cellula nervosa predomina nel sistema nervoso centrale..

I neuroni pseudo-unipolari sono unici nel loro genere. Un processo lascia il corpo, che immediatamente T-divide. L'intero singolo tratto è coperto da una guaina mielinica e rappresenta strutturalmente un assone, sebbene l'eccitazione lungo uno dei rami non provenga, ma al corpo del neurone. Strutturalmente, i dendriti sono rami alla fine di questo processo (periferico). La zona trigger è l'inizio di questa ramificazione (ovvero, situata all'esterno del corpo cellulare). Tali neuroni si trovano nei gangli spinali..

Classificazione funzionale

Secondo la posizione nell'arco riflesso, distinguono i neuroni afferenti (neuroni sensibili), i neuroni efferenti (alcuni di essi sono chiamati neuroni motori, a volte questo non è un nome molto preciso si applica all'intero gruppo di efferenti) e gli interneuroni (neuroni intercalari).

Neuroni afferenti (sensibili, sensoriali, recettori o centripeti). Le cellule primarie degli organi di senso e le cellule pseudo-unipolari, in cui i dendriti hanno terminazioni libere, sono neuroni di questo tipo..

Neuroni efferenti (effettori, motori, motori o centrifughi). I neuroni di questo tipo includono neuroni finiti - ultimatum e penultimo - non ultimatum.

Neuroni associati (inserimento o interneuroni): un gruppo di neuroni comunica tra efferente e afferente.

I neuroni secretori sono neuroni che secernono sostanze altamente attive (neuroormoni). Hanno un complesso Golgi ben sviluppato, l'assone termina con sinapsi axovasali.

Classificazione morfologica

La struttura morfologica dei neuroni è diversa. Quando si classificano i neuroni, si applicano diversi principi:

  • prendere in considerazione le dimensioni e la forma del corpo del neurone;
  • il numero e la natura della ramificazione dei processi;
  • lunghezza degli assoni e presenza di membrane specializzate.

Nella forma della cellula, i neuroni possono essere sferici, granulari, a forma di stella, piramidali, a forma di pera, a mandrino, irregolari, ecc. Le dimensioni del corpo di un neurone variano da 5 μm in piccole cellule granulari a 120-150 μm in neuroni piramidali giganti.

I seguenti tipi morfologici di neuroni si distinguono per il numero di processi:

  • neurociti unipolari (con un processo) presenti, ad esempio, nel nucleo sensoriale del nervo trigemino nel mesencefalo;
  • cellule pseudo-unipolari raggruppate vicino al midollo spinale nei gangli intervertebrali;
  • neuroni bipolari (hanno un assone e un dendrite) situati in organi sensoriali specializzati: retina, epitelio olfattivo e bulbo, gangli uditivi e vestibolari;
  • neuroni multipolari (hanno un assone e diversi dendriti), prevalenti nel sistema nervoso centrale.

La struttura dei neuroni

Corpo cellulare

Il corpo di una cellula nervosa è costituito da protoplasma (citoplasma e nucleo), delimitato esternamente da una membrana lipidica a doppio strato. I lipidi sono composti da teste idrofile e code idrofobiche. I lipidi si trovano code idrofobiche tra loro, formando uno strato idrofobo. Questo strato consente il passaggio solo di sostanze liposolubili (ad es. Ossigeno e anidride carbonica). Ci sono proteine ​​sulla membrana: sotto forma di globuli sulla superficie, su cui possono essere osservate crescite di polisaccaridi (glicocalice), a causa delle quali la cellula percepisce irritazione esterna e proteine ​​integrali che penetrano attraverso la membrana, in cui sono presenti canali ionici.

Un neurone è costituito da un corpo con un diametro da 3 a 130 micron. Il corpo contiene un nucleo (con un gran numero di pori nucleari) e organelli (incluso un ESR ruvido altamente sviluppato con ribosomi attivi, l'apparato del Golgi), nonché dai processi. Si distinguono due tipi di processi: dendriti e assone. Il neurone ha un citoscheletro sviluppato che penetra nei suoi processi. Il citoscheletro mantiene la forma della cellula, i suoi filamenti fungono da "rotaie" per il trasporto di organelli e sostanze imballate in vescicole di membrana (ad esempio neurotrasmettitori). Il citoscheletro neuronale è costituito da fibrille di diverso diametro: microtubuli (D = 20-30 nm) - sono costituiti da proteine ​​tubuliniche e si estendono dal neurone lungo l'assone, fino alle terminazioni nervose. I neurofilamenti (D = 10 nm) - insieme ai microtubuli forniscono il trasporto intracellulare di sostanze. I microfilamenti (D = 5 nm) - sono costituiti da proteine ​​di actina e miosina, sono espressi in particolare nei processi nervosi in crescita e nella neuroglia (Neuroglia, o semplicemente glia (di altri greci. un insieme di cellule ausiliarie del tessuto nervoso. Rappresenta circa il 40% del sistema nervoso centrale. Il numero di cellule gliali nel cervello è approssimativamente uguale al numero di neuroni).

Un apparato sintetico sviluppato viene rivelato nel corpo del neurone, il reticolo endoplasmatico granulare del neurone è colorato basofilo ed è noto come il "tigroid". Il tigroide penetra nelle sezioni iniziali dei dendriti, ma si trova a una distanza notevole dall'inizio dell'assone, che funge da segno istologico dell'assone. I neuroni variano in forma, numero di processi e funzioni. A seconda della funzione, si distinguono sensibili, effettori (motore, secretoria) e intercalari. I neuroni sensibili percepiscono le irritazioni, le convertono in impulsi nervosi e le trasmettono al cervello. Effettore (dal lat. Effectus - azione) - sviluppa e invia comandi agli organi di lavoro. Inserzione: comunica tra neuroni sensoriali e motori, partecipa all'elaborazione delle informazioni e alla generazione di comandi.

Si distingue il trasporto di assoni Anterograd (dal corpo) e retrogrado (al corpo).

Dendriti e assoni

Articoli principali: Dendrite e Axon

La struttura del neurone

Axon è un lungo processo di un neurone. È adattato per condurre l'eccitazione e le informazioni dal corpo di un neurone a un neurone o da un neurone a un organo esecutivo.
I dendriti sono processi brevi e altamente ramificati di un neurone, che servono come luogo principale per la formazione di sinapsi eccitatorie e inibitorie che colpiscono il neurone (diversi neuroni hanno un diverso rapporto tra assone e lunghezza del dendrite) e che trasmettono eccitazione al corpo del neurone. Un neurone può avere diversi dendriti e di solito solo un assone. Un neurone può avere connessioni con molti (fino a 20 mila) altri neuroni.

I dendriti si dividono dicotomicamente, mentre gli assoni producono collaterali. Ai nodi del ramo, i mitocondri sono generalmente concentrati..

I dendriti non hanno una guaina mielinica, ma gli assoni possono averla. Il luogo di generazione dell'eccitazione nella maggior parte dei neuroni è la collinetta degli assoni - formazione nel sito di scarica degli assoni dal corpo. Per tutti i neuroni, questa zona è chiamata il trigger.

Sinapsi

Articolo principale: Synapse

Sinapsi (greco: σύναψις, da συνάπτειν - abbraccio, afferrare, stringere la mano) - il luogo di contatto tra due neuroni o tra un neurone e una cellula effettrice che riceve il segnale. Serve per trasmettere un impulso nervoso tra due cellule e durante la trasmissione sinaptica è possibile regolare l'ampiezza e la frequenza del segnale. Alcune sinapsi causano la depolarizzazione dei neuroni e sono eccitatorie, mentre altre causano iperpolarizzazione e sono inibitorie. Di solito, la stimolazione di un neurone richiede irritazione da diverse sinapsi eccitatorie.

Il termine fu introdotto dal fisiologo inglese Charles Sherrington nel 1897..

Letteratura

  • Polyakov G.I., Sui principi dell'organizzazione neurale del cervello, M: Moscow State University, 1965
  • Microstruttura di Kositsyn N.S. di dendriti e connessioni axodendritiche nel sistema nervoso centrale. M.: Nauka, 1976, 197 p..
  • Nemecek S. et al. Introduzione alla neurobiologia, Avicennum: Praga, 1978, 400 c.
  • Il cervello (raccolta di articoli: D. Hubel, C. Stevens, E. Kandel, ecc. - numero di Scientific American (settembre 1979)). M.: World, 1980
  • Savelyeva-Novosyolova N.A., Savelyev A.V. Un dispositivo per modellare un neurone. Come. 1436720, 1988
  • Savelyev A.V.Fonti di variazioni delle proprietà dinamiche del sistema nervoso a livello sinaptico // Journal of Artificial Intelligence, NAS of Ukraine. - Donetsk, Ucraina, 2006. - No. 4. - S. 323—338.

Struttura del neurone

La figura mostra la struttura del neurone. Consiste nel corpo principale e nel nucleo. Dal corpo cellulare c'è un ramo di numerose fibre chiamate dendriti.

I dendriti potenti e lunghi sono chiamati assoni, che in realtà sono molto più lunghi rispetto all'immagine. La loro lunghezza varia da pochi millimetri a più di un metro.

Gli assoni svolgono un ruolo di primo piano nel trasferimento di informazioni tra i neuroni e garantiscono il funzionamento dell'intero sistema nervoso.

La giunzione del dendrite (assone) con un altro neurone è chiamata sinapsi. I dendriti in presenza di stimoli possono crescere così tanto che iniziano a raccogliere impulsi da altre cellule, il che porta alla formazione di nuove connessioni sinaptiche.

Le connessioni sinaptiche svolgono un ruolo significativo nel modellare la personalità di una persona. Quindi, una persona con un'esperienza positiva consolidata guarderà la vita con amore e speranza, una persona che ha connessioni neurali con una carica negativa diventerà un pessimista nel tempo.

fibre

Le membrane gliali si trovano indipendentemente attorno ai processi nervosi. Nel complesso, formano le fibre nervose. I rami in essi sono chiamati cilindri assiali. Bezmyelinovye e fibre mieliniche. Differiscono nella struttura della membrana gliale. Le fibre prive di mielina hanno un dispositivo abbastanza semplice. Il cilindro assiale che si avvicina alla cellula gliale piega il suo citolemma. Il citoplasma si chiude sopra di esso e forma un mesaxon - una doppia piega. Una cella gliale può contenere diversi cilindri assiali. Queste sono fibre "cavo". I loro rami possono passare nelle cellule gliali vicine. L'impulso passa a una velocità di 1-5 m / s. Fibre di questo tipo si trovano durante l'embriogenesi e nelle aree postganglioniche del sistema autonomo. I segmenti di mielina sono spessi. Si trovano nel sistema somatico innervando la muscolatura dello scheletro. I limmociti (cellule gliali) passano in sequenza, in una catena. Formano un cavo. Al centro è un cilindro assiale. Nella membrana gliale sono presenti:

  • Lo strato interno delle cellule nervose (mielina). È considerato il principale. In alcune aree tra gli strati di citolemma, ci sono estensioni che formano tacche di mielina.
  • Strato periferico. Contiene organelli e nucleo: il neurilema.
  • Membrana seminterrata spessa.

La struttura interna dei neuroni

Nucleo del neurone
di solito grande, arrotondato, con fine
cromatina, 1-3 grandi nucleoli. esso
riflette alta intensità
processi di trascrizione nel nucleo di un neurone.

Membrana cellulare
il neurone è in grado di generare e condurre
impulsi elettrici. È raggiunto
cambiamento nella permeabilità locale
i suoi canali ionici per Na + e K +, cambiando
potenziale elettrico e veloce
spostandolo lungo il citolemma (onda
depolarizzazione, impulso nervoso).

Nel citoplasma dei neuroni
tutti gli organoidi del comune sono ben sviluppati
destinazione. Mitocondri
numerosi e fornire alti
fabbisogno energetico del neurone,
associato a un'attività significativa
processi sintetici di
impulsi nervosi, lavoro ionico
pompe. Sono caratterizzati da veloce
usura (Figura 8-3).
Complesso
Golgi è molto
ben sviluppato. Non è un caso che questo organello
è stato descritto e dimostrato per la prima volta
nel corso della citologia nei neuroni.
Con la microscopia ottica, viene rilevato
sotto forma di anelli, fili, grani,
situato intorno al nucleo (dictiosomi).
Numerosi lisosomi
fornire costante intensivo
distruzione di componenti soggetti ad usura
citoplasma di un neurone (autofagia).

P è.
8-3. Organizzazione ultrastrutturale
corpi dei neuroni.

1. Il nucleo (nucleolo
mostrato dalla freccia).

4. Chromatophilic
sostanza (aree granulari
reticolo citoplasmatico).

7. Neurotubuli,
neurofilamenti.

Per normale
strutture funzionanti e di aggiornamento
il neurone in essi deve essere ben sviluppato
apparato di sintesi proteica (riso.
8-3). Granulare
reticolo citoplasmatico
nel citoplasma dei neuroni forma ammassi,
che sono ben macchiati di base
coloranti e visibili alla luce
microscopia di grumi cromatografica
sostanza
(sostanza basofila o tigre,
Sostanza Nissl). Il termine "sostanza"
Nisslya
conservato in onore dello scienziato Franz
Nissl, che per primo l'ha descritta. Granuli
si trovano sostanze cromatografiche
in pericarioni di neuroni e dendriti,
ma mai trovato negli assoni,
dove viene sviluppato un apparato di sintesi proteica
debolmente (Fig. 8-3). Con irritazione prolungata
o danno a un neurone questi ammassi
reticolo citoplasmatico granulare
spezzarsi in elementi separati che
appare a livello ottico
la scomparsa della sostanza di Nissl
(cromatolisi,
tigrolysis).

citoscheletro
i neuroni sono ben sviluppati, forme
rete tridimensionale rappresentata
neurofilamenti (6-10 nm di spessore) e
neurotubuli (diametro 20-30 nm).
Neurofilamenti e neurotubuli
collegati tra loro trasversali
i ponti, una volta riparati, si uniscono
in travi spesse 0,5-0,3 micron, che
dipinto con sali d'argento.
livello ottico-ottico sono descritti sotto
chiamato neurofibrille.
Si formano
rete nei pericarioni dei neurociti e in
i processi si trovano in parallelo (Fig. 8-2).
Il citoscheletro supporta la forma cellulare,
e fornisce anche il trasporto
funzione - coinvolto nel trasporto di sostanze
dal pericarione ai processi (assonale
trasporto).

inclusioni
nel citoplasma del neurone sono rappresentati
gocce lipidiche, granuli
lipofuscina
- "pigmento
invecchiamento "- giallo-marrone
natura delle lipoproteine. Loro rappresentano
corpi residui (telolisosomi)
con prodotti di strutture non digerite
neurone. Apparentemente lipofuscina
può accumularsi in giovane età,
con funzionamento intensivo e
danno ai neuroni. Inoltre, in
citoplasma dei neuroni della sostantia nigra
e sono disponibili macchie blu del tronco encefalico
inclusioni pigmentate di melanina.
In molti neuroni cerebrali
si verificano inclusioni di glicogeno.

I neuroni non sono capaci di divisione e con
la loro età diminuisce gradualmente
a causa della morte naturale. A
malattie degenerative (malattia
Alzheimer, Huntington, Parkinsonismo)
aumenta il tasso di apoptosi e
il numero di neuroni in certo
aree del sistema nervoso bruscamente
diminuisce.

Cellule nervose

Per fornire connessioni multiple, il neurone ha una struttura speciale. Oltre al corpo, in cui sono concentrati i principali organelli, ci sono processi. Alcuni di essi sono corti (dendriti), di solito diversi, l'altro (assone) è uno e la sua lunghezza nelle singole strutture può raggiungere 1 metro.

La struttura della cellula nervosa neuronale ha la forma per garantire il miglior scambio di informazioni. I dendriti si ramificano fortemente (come la corona di un albero). Con i loro finali, interagiscono con i processi di altre cellule. Il luogo della loro giunzione è chiamato sinapsi. C'è ricezione e trasmissione di slancio. La sua direzione: recettore - dendrite - corpo cellulare (pesce gatto) - assone - organo o tessuto che reagisce.

La struttura interna del neurone nella composizione degli organelli è simile ad altre unità strutturali dei tessuti. Contiene un nucleo e un citoplasma delimitati da una membrana. All'interno ci sono mitocondri e ribosomi, microtubuli, reticolo endoplasmatico, apparato del Golgi.

Sinapsi

Con il loro aiuto, le cellule del sistema nervoso sono interconnesse. Esistono diverse sinapsi: axo-somatic, -dendritic, -axonal (principalmente tipo inibitorio). Anche elettrici e chimici sono isolati (i primi vengono rilevati raramente nel corpo). Nelle sinapsi si distinguono le parti post e presinaptiche. Il primo contiene una membrana in cui sono presenti recettori proteici (proteine) altamente specifici. Rispondono solo a determinati mediatori. Un divario si trova tra le parti pre e post-sinaptica. Un impulso nervoso raggiunge il primo e attiva vescicole speciali. Passano alla membrana presinaptica e cadono nel vuoto. Da lì, influenzano il recettore del film post-sinaptico. Ciò provoca la sua depolarizzazione, trasmessa, a sua volta, attraverso il processo centrale della cellula nervosa successiva. Nella sinapsi chimica, le informazioni vengono trasmesse in una sola direzione..

Sviluppo

La posa del tessuto nervoso avviene nella terza settimana del periodo embrionale. In questo momento, si forma un piatto. Da esso si sviluppa:

  • oligodendrociti.
  • Gli astrociti.
  • Ependymocytes.
  • macroglia.

Durante un'ulteriore embriogenesi, la piastra neurale si trasforma in un tubo. Nello strato interno della sua parete si trovano elementi ventricolari dello stelo. Proliferano ed escono. In quest'area, parte delle cellule continua a dividersi. Di conseguenza, sono divisi in spongioblasti (componenti di microglia), glioblasti e neuroblasti. Le cellule nervose si formano da quest'ultima. 3 strati spiccano nella parete del tubo:

  • Interno (ependimale).
  • Medio (impermeabile).
  • Esterno (marginale) - rappresentato dalla sostanza cerebrale bianca.

A 20-24 settimane nel segmento cranico del tubo inizia la formazione di vesciche, che sono la fonte della formazione del cervello. Le restanti sezioni servono per lo sviluppo del midollo spinale. Dai bordi della grondaia neurale, le cellule che partecipano alla formazione della cresta partono. Si trova tra l'ectoderma e il tubo. Le placche gangliari sono formate da queste cellule, che servono come base per i mielociti (elementi della pelle pigmentati), i nodi nervosi periferici, i melanociti del tegumento e i componenti del sistema APUD.

Classificazione

I neuroni sono divisi in tipi a seconda del tipo di mediatore (mediatore dell'impulso conduttore) secreto alle estremità dell'assone. Questo può essere colina, adrenalina, ecc. Dalla posizione nel sistema nervoso centrale, possono riferirsi a neuroni somatici oa quelli vegetativi. Distingue tra cellule recettive (afferenti) e segnali inversi in trasmissione (efferenti) in risposta all'irritazione. Tra loro potrebbero esserci interneuroni responsabili dello scambio di informazioni all'interno del sistema nervoso centrale. In base al tipo di risposta, le cellule possono inibire l'eccitazione o, al contrario, aumentarla.

Secondo il loro stato di prontezza, si distinguono: "silenzioso", che iniziano ad agire (trasmettono un impulso) solo se c'è un certo tipo di irritazione, e quelli di sottofondo che monitorano costantemente (generazione continua di segnali). A seconda del tipo di informazione percepita dai sensori, cambia anche la struttura del neurone. A questo proposito, sono classificati in bimodali, con una risposta relativamente semplice all'irritazione (due forme interconnesse di sensazione: un'iniezione e, di conseguenza, dolore e multimodale. Questa è una struttura più complessa - neuroni polimodali (reazione specifica e ambigua).

Cos'è una connessione neuronale neuronale

Tradotto dal neurone greco, o come viene anche chiamato un neurone, significa "fibra", "nervo". Un neurone è una struttura specifica nel nostro corpo che è responsabile della trasmissione di qualsiasi informazione al suo interno, chiamata cellula nervosa nella vita di tutti i giorni.

I neuroni lavorano con l'aiuto di segnali elettrici e aiutano il cervello a elaborare le informazioni in arrivo per un ulteriore coordinamento delle azioni eseguite dal corpo.

Queste cellule sono parte integrante del sistema nervoso umano, il cui scopo è quello di raccogliere tutti i segnali provenienti dall'esterno o dal proprio corpo e decidere la necessità di un'azione particolare. Sono i neuroni che aiutano a far fronte a tale compito..

Ognuno dei neuroni ha una connessione con un numero enorme di stesse cellule, viene creata una sorta di "rete", che si chiama rete neurale. Attraverso questa connessione, gli impulsi elettrici e chimici vengono trasmessi nel corpo, portando l'intero sistema nervoso a uno stato di riposo o, al contrario, ad eccitazione.

Ad esempio, una persona si trova ad affrontare un evento significativo. Sorge una spinta elettrochimica (impulso) dei neuroni, che porta all'eccitazione di un sistema irregolare. Il cuore di una persona inizia a battere più spesso, le mani sudano o si verificano altre reazioni fisiologiche.

Siamo nati con un determinato numero di neuroni, ma le connessioni tra loro non sono ancora state formate. Una rete neurale viene costruita gradualmente a seguito di impulsi provenienti dall'esterno. Nuovi shock formano nuovi percorsi neurali, è lungo queste linee che informazioni simili correranno per tutta la vita. Il cervello percepisce l'esperienza individuale di ogni persona e reagisce ad essa. Ad esempio, un bambino ha afferrato un ferro caldo e gli ha tolto la mano. Quindi ha ottenuto una nuova connessione neurale.

Una rete neurale stabile è costruita in un bambino all'età di due anni. Sorprendentemente, da questa età in poi, quelle cellule che non vengono utilizzate iniziano a indebolirsi. Ma ciò non interferisce con lo sviluppo dell'intelligenza. Al contrario, il bambino impara il mondo attraverso connessioni neurali già stabilite e non analizza senza scopo tutto ciò che lo circonda.

Anche un bambino del genere ha un'esperienza pratica che ti consente di tagliare le azioni non necessarie e di cercare quelle utili. Pertanto, ad esempio, è così difficile svezzare un bambino dal seno - ha sviluppato una forte connessione neurale tra l'applicazione al latte materno e il piacere, la sicurezza, la tranquillità.

La conoscenza di una nuova esperienza nel corso della vita porta ad appassire le connessioni neurali non necessarie e la formazione di nuove e utili. Questo processo ottimizza il cervello nel modo più efficiente per noi. Ad esempio, le persone che vivono in paesi caldi imparano a vivere in un determinato clima e i nordici hanno bisogno di un'esperienza completamente diversa per sopravvivere..

componenti

I glicociti nel sistema sono 5-10 volte più delle cellule nervose. Svolgono diverse funzioni: supporto, protezione, trofico, stromale, escretore, aspirazione. Inoltre, i gliociti hanno la capacità di proliferare. Gli ependimociti sono prismatici. Costituiscono il primo strato, allineano le cavità cerebrali e la sezione spinale centrale. Le cellule sono coinvolte nella produzione di liquido cerebrospinale e hanno la capacità di assorbirlo. La parte basale degli ependimociti ha una forma troncata conica. Passa in un processo lungo e sottile che penetra nel midollo. Sulla sua superficie, forma una membrana delimitante gliale. Gli astrociti sono rappresentati da celle multi-processo. Loro sono:

  • Protoplasmic. Si trovano nel midollo grigio. Questi elementi si distinguono per la presenza di numerosi rami corti, estremità larghe. Parte di quest'ultimo circonda i vasi sanguigni capillari, è coinvolto nella formazione della barriera emato-encefalica. Altri processi sono diretti ai corpi neurali e attraverso di essi viene effettuato il trasferimento di nutrienti dal sangue. Forniscono inoltre protezione e isolano le sinapsi..
  • Fibroso (fibroso). Queste cellule sono nella sostanza bianca. Le loro terminazioni sono debolmente ramificate, lunghe e sottili. Alle estremità, hanno rami e si formano membrane perimetrali.

Gli oliodendrociti sono piccoli elementi con code corte in uscita situate attorno ai neuroni e alle loro terminazioni. Formano la membrana gliale. Attraverso di esso, gli impulsi vengono trasmessi. Alla periferia, queste cellule sono chiamate mantello (lemmociti). Microglia fa parte del sistema dei macrofagi. È presentato sotto forma di piccole cellule mobili con processi brevi scarsamente ramificati. Gli elementi contengono un nucleo luminoso. Possono formarsi da monociti nel sangue. La microglia ripristina la struttura delle cellule nervose danneggiata.

nevroglia

I neuroni non sono in grado di dividersi, motivo per cui è apparso l'asserzione che le cellule nervose non vengono ripristinate. Ecco perché dovrebbero essere protetti con particolare attenzione. Neuroglia affronta la funzione principale della "tata". Si trova tra le fibre nervose.

Queste piccole cellule separano i neuroni gli uni dagli altri, li tengono in posizione. Hanno un lungo elenco di funzionalità. Grazie a neuroglia, viene mantenuto un sistema costante di connessioni stabilite, viene fornita la posizione, l'alimentazione e il ripristino dei neuroni, vengono secreti i singoli mediatori, fagocitati geneticamente alieni.

Pertanto, neuroglia svolge una serie di funzioni:

  1. supporto;
  2. demarcazione;
  3. rigenerativa,
  4. trofico;
  5. secretoria;
  6. protettivo ecc.

Nel sistema nervoso centrale, i neuroni formano la materia grigia e, oltre i confini del cervello, si accumulano in composti speciali e nodi - gangli. Dendriti e assoni creano sostanza bianca. Alla periferia, è grazie a questi processi che le fibre di cui sono composti i nervi.

Struttura del neurone

Plasma
la membrana circonda la cellula nervosa.
È costituito da proteine ​​e lipidi
componenti situati in
stato a cristalli liquidi (modello
membrana a mosaico): doppio strato
le membrane sono create dalla formazione di lipidi
matrice, in cui parzialmente o completamente
i complessi proteici vengono spediti.
La membrana plasmatica regola
metabolismo tra la cellula e il suo ambiente,
e funge anche da base strutturale
attività elettrica.

Kernel separato
dal citoplasma con due membrane, una
di cui confina con il nucleo e l'altro a
citoplasma. Entrambi convergono in alcuni punti,
formando pori nella membrana nucleare, servendo
per il trasporto di sostanze tra il nucleo e
citoplasma. Il kernel controlla
differenziazione di un neurone nel suo finale
una forma che può essere molto complessa
e determina la natura dell'intercellulare
connessioni. Nel nucleo del neurone si trova di solito
nucleolo.

Figura. 1. Edificio
neurone (con cambiamenti in):

1 - corpo (pesce gatto), 2 -
dendrite, terminale a 3 assi, 4 assi,
5 core,

6 - nucleolo, 7 -
membrana plasmatica, 8 - sinapsi, 9 -
ribosomi,

10 - sgangherata
(granulare) endoplasmatico
reticolo,

11 - sostanza
Nissl, 12 - mitocondri, 13 - agranulari
reticolo endoplasmatico, 14 -
microtubuli e neurofilamenti,

15
- formata guaina mielinica
Cellula di Schwann

I ribosomi producono
elementi dell'apparato molecolare per
la maggior parte delle funzioni cellulari:
enzimi, proteine ​​portatrici, recettori,
trasduttori, contrattili e di supporto
elementi, proteine ​​di membrana. Porzione ribosoma
è nel citoplasma in libero
condizione, l'altra parte è allegata
all'estesa membrana intracellulare
sistema di continuazione
nucleo centrale e divergente in tutto
pesce gatto sotto forma di membrane, canali, vasche
e vescicole (endoplasmatico ruvido
reticolo). Nei neuroni vicino al nucleo
si forma un cluster caratteristico
endoplasmatico ruvido
reticolo (sostanza Nissl),
sintesi vigorosa
scoiattolo.

Apparato del Golgi
- un sistema di sacchetti appiattiti, o
carri armati - ha un interno, formando,
lato ed esterno, evidenziando. A partire dal
le bolle si spengono per ultime,
formando granuli secretori. Funzione
L'apparato del Golgi nelle cellule consiste in
conservazione, concentrazione e imballaggio
proteine ​​secretorie. Nei neuroni lui
rappresentato da cluster più piccoli
carri armati e la sua funzione è meno chiara.

Lisosomi - strutture incorporate nella membrana, no
avendo una forma costante - forma
sistema digestivo interno. A
si formano adulti nei neuroni
e accumula lipofuscina
granuli originati da lisosomi. A PARTIRE DAL
vincolano i processi di invecchiamento e
anche alcune malattie.

Mitocondri
hanno un esterno liscio e pieghettato
membrana interna e sono il posto
sintesi di acido trifosforico di adenosina
(ATP) - la principale fonte di energia
per processi cellulari - in un ciclo
ossidazione del glucosio (nei vertebrati).
Manca la maggior parte delle cellule nervose
capacità di conservazione del glicogeno (polimero
glucosio), che aumenta la loro dipendenza
per quanto riguarda l'energia dal contenuto in
ossigeno nel sangue e glucosio.

fibrillare
strutture: microtubuli (diametro
20-30 nm), neurofilamenti (10 nm) e microfilamenti (5 nm). I microtubuli
e sono coinvolti i neurofilamenti
trasporto intracellulare di vari
sostanze tra il corpo cellulare e l'estroverso
processi. I microfilamenti abbondano
nei processi nervosi in crescita e,
apparentemente controllano i movimenti
membrane e fluidità
citoplasma.

Sinapsi - una connessione funzionale di neuroni,
attraverso quale trasmissione
segnali elettrici tra celle. Contatto a fessura fornisce
meccanismo di collegamento elettrico tra
neuroni (sinapsi elettrica).

Figura. 2. Costruzione
contatti sinaptici:

e
- contatto gap, b - prodotto chimico
sinapsi (come modificato da):

1 - connessione,
composto da 6 subunità, 2 extracellulari
spazio,

3 - sinaptico
vescicola 4 - membrana presinaptica,
5 - sinaptico

fessura, 6 -
membrana postsinaptica, 7 - mitocondri,
8 - microtubulo,

La sinapsi chimica è differenziata dall'orientamento delle membrane in
direzione da neurone a neurone che
si manifesta in vari gradi
densità di due membrane adiacenti e
la presenza di un gruppo di piccole vescicole vicino alla fessura sinaptica. Come
la struttura fornisce la trasmissione del segnale
dal mediatore dell'esocitosi
vescicola.

Sinapsi anche
classificato qualunque,
come si formano: axo-somatic,
axo-dendritico, axo-assonale e
dendrodendritic.

dendriti

I dendriti sono estensioni simili ad alberi all'inizio dei neuroni che servono ad aumentare la superficie della cellula. Molti neuroni ne hanno un gran numero (tuttavia, ci sono quelli che hanno un solo dendrite). Queste piccole sporgenze ricevono informazioni da altri neuroni e le trasmettono sotto forma di impulsi al corpo del neurone (soma). Il punto di contatto delle cellule nervose attraverso cui vengono trasmessi gli impulsi - chimicamente o elettricamente - è chiamato sinapsi.

  • La maggior parte dei neuroni ha molti dendriti.
  • Tuttavia, alcuni neuroni possono avere un solo dendrite.
  • Corto e molto ramificato
  • Partecipa al trasferimento di informazioni al corpo cellulare

Il soma, o il corpo di un neurone, è il luogo in cui i segnali dai dendriti vengono accumulati e trasmessi ulteriormente. Il soma e il nucleo non svolgono un ruolo attivo nella trasmissione dei segnali nervosi. Queste due formazioni hanno maggiori probabilità di mantenere l'attività vitale delle cellule nervose e mantenerne l'efficienza. I mitocondri, che forniscono energia alle cellule, e l'apparato del Golgi, che mostra i prodotti dell'attività vitale delle cellule al di fuori della membrana cellulare, hanno lo stesso scopo..

Axon Hill

Il tumulo di assoni - il sito del soma da cui parte l'assone - controlla la trasmissione degli impulsi da parte del neurone. È quindi, quando il livello complessivo del segnale supera il valore di soglia della collinetta, invia un impulso (noto come potenziale d'azione) ulteriormente lungo l'assone verso un'altra cellula nervosa.

Axon

L'assone è un processo neuronale allungato che è responsabile della trasmissione del segnale da una cellula all'altra. Più grande è l'assone, più velocemente trasmette informazioni. Alcuni assoni sono rivestiti con una sostanza speciale (mielina), che funge da isolante. Gli assoni rivestiti con guaina mielinica possono trasmettere informazioni molto più velocemente.

  • La maggior parte dei neuroni ha un solo assone.
  • Partecipa al trasferimento di informazioni dal corpo cellulare
  • Può o meno avere una guaina mielinica

Filiali terminali

Alla fine di Axon ci sono rami terminali - formazioni che sono responsabili della trasmissione di segnali ad altri neuroni. Alla fine dei rami del terminale, ci sono esattamente le sinapsi. In essi, speciali sostanze chimiche biologicamente attive - i neurotrasmettitori, servono a trasmettere un segnale ad altre cellule nervose..

Tag: cervello, neurone, sistema nervoso, struttura

Hai qualcosa da dire? Lascia un commento !:

Produzione

La fisiologia umana colpisce per la sua coerenza. Il cervello è diventato la più grande creazione dell'evoluzione. Se immagini il corpo sotto forma di un sistema coerente, i neuroni sono fili lungo i quali passa il segnale dal cervello e viceversa. Il loro numero è enorme, creano una rete unica nel nostro corpo. Migliaia di segnali lo attraversano ogni secondo. Questo è un sistema straordinario che consente non solo al corpo di funzionare, ma anche di comunicare con il mondo esterno..

Senza i neuroni, il corpo semplicemente non può esistere, quindi dovresti costantemente prenderti cura dello stato del tuo sistema nervoso

È importante mangiare bene, evitare il superlavoro, lo stress, curare le malattie in tempo

Leggi Vertigini