Principale Encefalite

Sindrome di Point On Impact

sintomo di occhiali - la presenza di lividi intorno agli occhi; segno di una frattura della base del cranio dovuta a emorragia nel tessuto periorbitale...

Sintomo di "occhiali" - Emorragia causata da una lesione alla testa nel tessuto periorbitale, sottocongiuntivale e sotto la pelle delle palpebre dopo una lesione alla testa, in particolare con una frattura della base del cranio. Allo stesso tempo, i tessuti intorno agli occhi sono gonfi e cianotici... Dizionario Enciclopedico di Psicologia e Pedagogia

Coma - I Coma (il sonno profondo del kōma greco; sinonimo di coma) è una condizione patologica grave in via di sviluppo acuta caratterizzata da una progressiva inibizione delle funzioni del c.n.s. con perdita di coscienza, risposta alterata a stimoli esterni,...... Enciclopedia medica

Dermatomiosite - I Dermatomiosite (demiatomiosite; derma greco, dermatos skin + miosite è una malattia sistemica con una caratteristica lesione progressiva dei muscoli striati e della pelle; appartiene al gruppo delle malattie diffuse del tessuto connettivo. In assenza di... Enciclopedia medica

Sepsi - I Sepsi La sepsi (putrefazione greca) è una comune malattia infettiva non ciclica causata dalla penetrazione costante o periodica di vari microrganismi e delle loro tossine nel flusso sanguigno in condizioni di resistenza inadeguata...... Enciclopedia medica

Frattura della base del cranio - Ossa del cervello del cranio... Wikipedia

Frattura della base del cranio - Il risultato di una grave lesione craniocerebrale (lesioni da trasporto, caduta da un'altezza, ecc.), Accompagnata da una frattura della base del cranio. In questo caso, le manifestazioni della sindrome meningea sono caratteristiche (vedi), disturbi cerebrali, lesioni craniche...... Dizionario Enciclopedico di Psicologia e Pedagogia

Incidente stradale - La natura delle lesioni che si verificano durante la D., ecc., È particolarmente grave, in genere presentano lesioni multiple di varie parti del corpo, spesso in combinazione con funzioni compromesse degli organi interni e del cervello. A questo proposito, D. tp...... enciclopedia medica

Lividi - Il sanguinamento è l'accumulo di sangue nel tessuto sottocutaneo, nelle cavità del corpo o tra gli strati di tessuto risultante dalla rottura dei vasi sanguigni e dal sanguinamento interno. Lividi nella scienza forense è una sezione del tessuto superficiale del corpo,...... Wikipedia

Lividi - Lividi è l'accumulo di sangue nel tessuto sottocutaneo, nelle cavità del corpo o tra gli strati di tessuto risultante dalla rottura dei vasi sanguigni e sanguinamento interno. Lividi nella scienza forense è una sezione del tessuto superficiale del corpo,...... Wikipedia

Punti sintomo

Sindrome spettacolare (altri nomi - occhi di procione, occhiali traumatici) - la presenza di lividi caratteristici intorno agli occhi.

Sindrome spettacolare (altri nomi - occhi di procione, occhiali traumatici) - la presenza di lividi caratteristici intorno agli occhi.

Questo è uno dei segni di una frattura della base del cranio dovuta all'emorragia nel tessuto periorbitale..

Tuttavia, non sempre accompagna una frattura del cranio; spesso si verifica anche con un trauma al naso, alla fronte e agli archi superciliari..

Con dermatomiosite:

La lesione cutanea è polimorfica: predominano i fenomeni di eritema ed edema, principalmente sulle parti aperte del corpo; con un decorso cronico, vengono rilevate teleangectasie, focolai di pigmentazione, depigmentazione e atrofia (poikilodermatomyositis). Un caratteristico edema paraorbitale lilla ed eritema in questa zona sono caratteristici: un sintomo di occhiali, nonché eritema sulle articolazioni metacarpo-falangee (sindrome di Gottron).

Ferita alla testa

Tutto il contenuto di iLive è monitorato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibili con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Un livido alla testa è una lesione dei tessuti molli del cranio, il più delle volte chiuso. I danni di questa natura sono suddivisi nei seguenti tipi:

  • Contusioni alla testa leggera;
  • Livido con danni alla pelle;
  • Danno alla mascella;
  • Ferita alla testa.

Se la testa è esposta a un livido, la pelle e la fibra sottostante sono solitamente danneggiate. Il tessuto sottocutaneo, in virtù della sua struttura, non consente al sangue di diffondersi da vasi rotti, capillari, quindi il sangue è localizzato nell'area contusa. Appare un dosso caratteristico o ematoma (livido). I lividi tendono a cambiare tonalità a seconda del periodo di tempo..

Il primo stadio è una tonalità rosso-cremisi a causa del sangue versato e dell'emoglobina in esso contenuta. Quindi inizia la scomposizione dell'emoglobina, che viene effettuata dai globuli bianchi. Pertanto, i globuli rossi cambiano gradualmente colore - da cremisi a verde bluastro e giallo. La biliverdina, il prodotto di decadimento dell'emoglobina, è responsabile della tinta verde; la bilirubina porta una tinta gialla. Le caratteristiche dei lividi dovrebbero essere prese in considerazione, specialmente se compaiono nell'area dell'orbita. Il cosiddetto sintomo degli occhiali può indicare un danno grave: una frattura della base del cranio.

Clinicamente, una lesione alla testa in base alla gravità è suddivisa in:

  • Sottocutaneo (in realtà un livido);
  • Ematoma subponeurotico: insorge sotto aponeurotica della galea (aponeurosi). Può causare una grande perdita di sangue a causa di un'ampia zona di deflusso (a volte dall'osso frontale alla parte posteriore della testa) e indicare un trauma alla volta cranica;
  • Cefalogematoma - periostale, che è caratterizzato dalla presenza di sangue tra il periostio e l'osso. È irto di suppurazione e può richiedere un intervento chirurgico locale.

Codice ICD-10

Come si manifesta un livido alla testa?

Una lesione alla testa è spesso accompagnata da un danno alla pelle. Un sanguinamento eccessivo è spiegato dall'aumento dell'afflusso di sangue a questi tessuti. Le ferite si gonfiano molto rapidamente, con la dissezione dell'aponeurosi, la ferita sembra molto profonda. All'inizio delle labbra, di norma, colpiscono la cavità orale interna, la sua mucosa. Tali lesioni sono danni pericolosi ai nervi facciali, alle ghiandole parotidi, al ponte nasale. Le ferite più complesse possono svilupparsi in suppurazione e ascessi..

Molto spesso, una lesione alla testa non è un fenomeno pericoloso per la vita, ma è necessario escludere tutti i rischi di lesioni alla testa più gravi - lesioni alla testa e prestare attenzione ai seguenti sintomi allarmanti:

  • Sanguinamento pesante - in qualsiasi area della testa o del viso;
  • Sangue dal naso, orecchie;
  • Mal di testa, che è peggio;
  • Perdita o compromissione della coscienza per più di 30 secondi;
  • Sintomo di occhiali, lividi dietro le orecchie;
  • Squilibrio, vertigini;
  • Difficoltà a respirare, fermandolo;
  • Mancanza di coordinazione, incapacità di muovere gli arti;
  • vomito
  • Asimmetria degli occhi, diverse larghezze della pupilla,
  • Menomazione del linguaggio;
  • Perdita o diminuzione del polso, della pressione;
  • Sindrome convulsiva;
  • Mancanza di sensibilità agli odori.

Come riconoscere un trauma cranico?

Anche un leggero livido alla testa può rivelarsi una lesione grave, quindi la diagnosi iniziale a volte dipende da dove è localizzata la lesione e da come cambia la lesione. La dinamica dell'aumento e dell'aumento dell'edema, l'espansione degli ematomi può indicare lesioni complesse del cranio chiuso. Qualsiasi livido della testa in un adulto o in un bambino richiede un esame approfondito e la diagnosi corretta per non perdere fratture nascoste e gravi emorragie interne nel cervello. Per specificare e chiarire la localizzazione del danno interno, è necessaria una radiografia e una TAC (tomografia computerizzata), è obbligatorio un esame neurologico.

Una lesione alla testa può essere localizzata in faccia. Tali lesioni sono caratterizzate da edema e rapida impregnazione di fibre di sangue (imbibizione). Gli ematomi sono rari, colpiti principalmente dalla fronte, dalle palpebre superiori e dagli archi superciliari. Palpare con cura e delicatamente l'area contusa per prevenire danni ai seni nasali. Quando si palpa il tessuto sottocutaneo, si sente aria, che può indicare una lesione a un osso importante e fragile - etmoide (l'osso che separa la cavità nasale dalla cavità cranica). Anche i danni nell'area delle orbite devono essere attentamente esaminati per prevenire una frattura nella fossa anteriore della base del cranio. Il sintomo di una lesione così grave è il tipico livido sotto forma di occhiali, inoltre, un accumulo di liquido cerebrospinale nel rinofaringe e una mancanza di sensibilità all'olfatto (anosomia) possono indicare una frattura della base del cranio. Una frattura dello zigomo può essere accompagnata da un esteso edema nell'area del livido, deve anche essere diagnosticata con l'aiuto di una radiografia, altrimenti, dopo il riassorbimento del gonfiore, apparirà l'intera deformità.

Chi contattare?

Cosa fare in caso di lesioni alla testa?

Se uno di questi sintomi è evidente, è necessario cercare urgentemente un aiuto medico. Prima dell'arrivo dei medici, il paziente deve essere posizionato preferibilmente in un luogo buio in posizione orizzontale, sollevare delicatamente la testa leggermente, senza girare e non girare. Se c'è sanguinamento, è necessario fermarlo senza bloccare la ferita, applicare tessuti sterili o semplicemente puliti, una benda. Dovresti prestare attenzione alla lingua della vittima e fare tutto il possibile affinché non deluda.

La lesione alla testa è meglio evitare, poiché tali lesioni con apparente mondanità e curabilità possono influenzare molti anni dopo con aumento della pressione intracranica, compromissione della vista e altri problemi altrettanto gravi. E se la lesione provoca ansia dopo alcuni giorni, non dovresti correre rischi - è meglio consultare un medico in modo tempestivo per ottenere un aiuto qualificato.

Punti sintomo

Concetti correlati

La stomatite allergica e la dermatostomatite, comprese le loro forme autoimmuni, includono le seguenti principali malattie.

Riferimenti in letteratura

Concetti correlati (continua)

Delle lesioni infiammatorie dei tessuti della regione orofacciale, sono più comuni glossite, cheilite e stomatite. La lesione combinata della mucosa della cavità orale e della pelle si chiama dermatostomatite..

Infezioni intrauterine - malattie infettive derivanti da infezione da ante o intrapartum.

Sindrome di Point On Impact

Lesioni alla testa

La lesione cerebrale traumatica (TBI) è un problema molto serio e rilevante. La loro prevalenza è piuttosto ampia, e cadendo da un'altezza, combattimenti, infortuni sportivi e incidenti stradali danno il loro contributo a queste tristi statistiche...

La lesione cerebrale traumatica (TBI) è un problema molto serio e rilevante. La loro prevalenza è piuttosto ampia, e cadono dall'alto, combattimenti, infortuni sportivi e incidenti stradali contribuiscono a queste tristi statistiche..

Nella struttura generale della mortalità, il ruolo della TBI è molto elevato; tra gli adulti, la TBI è la causa dell'1% di tutti i decessi, il che è abbastanza. Nei bambini, il decesso per trauma cranico è stimato al 10% di tutti i decessi. Negli ultimi anni, il numero di lesioni cerebrali traumatiche è in costante aumento, che di solito è associato ad un aumento del numero di automobili (vale a dire, le lesioni automobilistiche sono la causa più comune di danno cerebrale).

Anatomia del cervello e delle sue membrane

Il cervello è un organo vitale e quindi è abbastanza ben protetto dalla natura da danni accidentali. Le ossa del cranio negli adulti sono cresciute saldamente insieme e sono una protezione abbastanza affidabile. Oltre al cranio, il cervello è circondato da tre membrane. La dura madre aderisce dall'interno alle ossa del cranio, al suo interno passa il deflusso di sangue venoso dal cervello. Le meningi morbide e aracnoidi sono adiacenti direttamente al cervello, sono ricche di vasi sanguigni e partecipano al suo apporto di sangue. Inoltre, la membrana aracnoidea produce liquido cerebrospinale, che è essenziale per l'alimentazione e la protezione del cervello. Il cervello galleggia in un liquido cerebrospinale, che svolge il ruolo di ammortizzatore idraulico, proteggendolo ulteriormente dalle lesioni.

Nei bambini del primo anno di vita, la struttura del cranio ha alcune caratteristiche. Il principale è la presenza di fontanelle e suture aperte, che, da un lato, proteggono il cervello del bambino dai danni (le ossa del cranio possono spostarsi leggermente durante il trauma, il che riduce il rischio di fratture; in caso di edema cerebrale, la pressione intracranica aumenta meno a causa delle fontanelle elastiche). D'altra parte, queste stesse caratteristiche rendono i bambini più vulnerabili: anche un piccolo attacco di forza sarà pericoloso se colpisce direttamente la fontanella. Ci sono peculiarità nella struttura del cervello stesso: è l'immaturità funzionale e la scarsa differenziazione dei centri corticali (parti del cervello che sono responsabili della mobilità, della sensibilità, della parola, della lettura, ecc.), Così come un migliore afflusso di sangue rispetto al cervello adulto. A causa di tutto ciò, nei neonati e nei bambini piccoli la prognosi dopo lesioni cerebrali traumatiche anche gravi è molto più favorevole rispetto a una lesione simile in un adulto. È noto che con un trattamento tempestivo e adeguato, i bambini possono riprendersi completamente da lesioni con danni a una parte del cervello che in un adulto porterebbero inevitabilmente a disabilità (paralisi dell'arto, perdita della parola, ecc.)

Va notato che in connessione con queste caratteristiche nei bambini piccoli, anche con lesioni abbastanza gravi, la perdita di coscienza è rara. Secondo le statistiche, il motivo principale per andare dal medico con i bambini del 1 ° anno di vita è un esteso ematoma sottocutaneo ("bump").

Tipi di lesioni alla testa

Concussione

La commozione cerebrale è il danno meno grave in cui non ci sono praticamente cambiamenti organici nel tessuto cerebrale. Le manifestazioni più tipiche di commozione cerebrale sono immediatamente dopo la lesione, una singola perdita a breve termine (per diversi secondi o minuti, non più di mezz'ora) e perdita di memoria per un breve periodo (diversi minuti) immediatamente precedente alla lesione. Successivamente compaiono altri sintomi: nausea, vomito, debolezza generale, vertigini, mal di testa. Il vomito viene ripetuto raramente, di solito viene ripetuto 1-2 volte. C'è maggiore irritabilità, affaticamento, sonnolenza. Luce intensa, suoni acuti sono spiacevoli per la vittima.

Va notato che un sintomo come la perdita di memoria, la vittima non può quasi mai accorgersene da solo. La psiche umana è organizzata in modo tale che anche con una perdita di memoria di 2-3 ore e diversi minuti, la mente subconscia "sporca" questi vuoti con falsi ricordi. E spesso l'esistenza di un guasto alla memoria può essere stabilita solo da un interrogatorio dettagliato della vittima, eventualmente confrontando le sue risposte con il resoconto dei testimoni oculari. In molti casi, una persona non può giudicare da sola se ha perso conoscenza, questi dati possono essere ottenuti solo dai testimoni dell'incidente..

Di norma, tutta questa sintomatologia si normalizza entro 1-2 settimane.

Nei bambini piccoli, in particolare il primo anno di vita, la perdita di coscienza è molto rara. Sintomi come un pallore acuto (in particolare un viso evidentemente più pallido) sono caratteristici dei neonati, quindi si sviluppano debolezza e sonnolenza (meno spesso, al contrario, ansia, irritabilità, disturbi del sonno). Spesso ci sono rigurgiti durante l'alimentazione. Con uno sviluppo favorevole degli eventi, questi sintomi scompaiono dopo 2-3 giorni. Nei bambini piccoli (1-3 anni), il sintomo più frequente e significativo è il vomito ripetuto..

Anche gli anziani hanno una rara perdita di coscienza, ma ci sono spesso episodi di disorientamento (quando la vittima ha difficoltà a capire dove si trova, cosa sta facendo, quanti anni ha e cosa sta accadendo in giro), che dura da alcune ore a 2-3 giorni dopo l'infortunio.

Commozione cerebrale (livido) del cervello

Questa è la prossima lesione cerebrale più grave, in cui vengono identificate le lesioni nel tessuto cerebrale. Clinicamente, questo si manifesta con la presenza, oltre ai sintomi di commozione cerebrale, dei cosiddetti sintomi focali. A seconda della posizione della lesione, questa può essere una paralisi completa o parziale del braccio o della gamba, disturbi del linguaggio, meno comunemente disturbi della vista o dell'udito. La perdita di coscienza è più lunga rispetto a una commozione cerebrale (nei casi più gravi, da 2 ore a 1 giorno). Nausea, vertigini e mal di testa sono molto più pronunciati. Vomito, di regola, ripetuto, a volte indomabile. Si verifica una perdita di memoria sia per il periodo immediatamente precedente alla lesione sia per gli eventi successivi. Nei casi più gravi, è possibile che si verifichi una ripetuta perdita di coscienza, che si verifica qualche tempo dopo che la vittima è tornata in sé. Si nota una varietà di "sintomi oculari", da una leggera differenza nelle dimensioni delle pupille (anisocoria) per contusioni lievi a strabismo divergente e bulbi oculari "galleggianti" per gravi.

Compressione cerebrale (ematomi subdurali, epidurali e intracerebrali)

Con un colpo sufficientemente forte, la vittima può rompere i vasi sanguigni sopra o sotto la dura madre e meno spesso nel tessuto cerebrale stesso. In questo caso, il sangue viene versato dal vaso di scoppio e poiché il volume della cavità cranica è invariato, ciò porta alla compressione di alcune parti del cervello. Si sviluppa un danno grave, manifestato da sintomi come depressione della coscienza da sonnolenza al coma, forte mal di testa sul lato interessato, espansione unilaterale della pupilla e vomito. Sono possibili sintomi focali (paralisi degli arti). Nel decorso "classico" della malattia, si verifica una ripetuta perdita di coscienza attraverso il "gap luminoso" (periodo di benessere esterno), che dura diverse ore o giorni. Ecco come appare la clinica dell'ematoma subdurale (accumulo di sangue sotto la dura madre) in 1/3 di tutti i casi. Un "intervallo luminoso" lungo "fino a 2 settimane" è caratteristico degli anziani e dei pazienti con alcolismo. Nei casi più gravi, non si verifica una completa normalizzazione del benessere nel "gap luminoso", le condizioni della vittima rimangono gravi, sebbene si osservi qualche miglioramento. In tali casi, parlano di un "gap luminoso" abortivo.

Con l'ematoma epidurale, quando si verifica un'emorragia tra la dura madre e il cranio, il "gap luminoso" è in qualche modo meno comune. Si sviluppa più velocemente del subdurale. I loro sintomi sono molto simili, sebbene l'ematoma epidurale sia generalmente più grave..

Le manifestazioni di ematoma intracerebrale sono simili alle manifestazioni di un ictus (che essenzialmente è).

Frattura della base e volta cranica

Tutti i danni cerebrali sopra descritti possono verificarsi entrambi senza violare l'integrità delle ossa del cranio ed essere accompagnati da fratture..

La frattura della volta cranica è lineare e depressa. Le fratture lineari si verificano all'impatto con un'ampia area di contatto (ad esempio, quando si cade da un'altezza su una superficie piana). Se l'area della superficie di impatto è piccola, si verifica una frattura rientrata quando il frammento osseo è immerso nella cavità cranica. Inoltre, la forma della frattura, di regola, corrisponde alla forma dello strumento di lesione. Nei bambini del primo anno di vita, a volte si notano particolari fratture della volta cranica. Pertanto, i bambini con suture non completamente ossificate possono presentare fratture lineari a causa della divergenza delle suture, le cosiddette fratture diastatiche. Le fratture depresse nei neonati differiscono anche nella loro originalità: si tratta delle fratture della cosiddetta "palla da ping-pong", un'impressione di un osso senza rompere la sua integrità, a causa della flessione. Tali fratture non richiedono un trattamento chirurgico, esclusa la localizzazione, in cui ciò porta a difetti estetici.

Uno dei sintomi più famosi di una frattura della base del cranio è un ematoma paraorbitale ("sintomo di occhiali"). Va ricordato che questo sintomo ha un valore diagnostico solo se la vittima non ha avuto lesioni alla regione periorbitale o al ponte del naso. Si osserva anche il deflusso dell'utero o del liquido cerebrospinale dal naso e dalle orecchie. Un segno caratteristico di una frattura della base del cranio è il cosiddetto "sintomo della teiera" - quando il deflusso del sacro o il liquido limpido incolore dal naso si intensifica quando la testa è inclinata in avanti, dall'orecchio quando è inclinato nella direzione corrispondente. Il deflusso di sangue puro parla più di una lesione all'orecchio o al naso che di una frattura del cranio. Inoltre, con una frattura della base del cranio, i nervi cranici possono essere danneggiati. A seconda della posizione della frattura, si possono osservare disturbi dell'olfatto, della vista, dell'udito e dell'asimmetria facciale. Tra le complicazioni di una frattura della base del cranio, le complicanze associate a contrarre un'infezione dal rinofaringe, dall'orecchio medio o dai seni nasali: gli ascessi (ascessi) del cervello e la meningite sono molto pericolosi.

Le fratture delle ossa del cranio sono di solito combinate con varie lesioni cerebrali. Non esiste una correlazione diretta tra la gravità del danno cerebrale e il tipo di frattura. Tuttavia, di norma, le fratture rientrate sono accompagnate da un danno più grave rispetto a quelli lineari, spesso sviluppano ematomi epiteliali e subdurali, mentre nelle fratture lineari, il danno cerebrale può essere limitato alla commozione cerebrale o persino alla commozione cerebrale.

Apri TBI

Si dice che la lesione craniocerebrale aperta sia se i tessuti molli della testa e delle ossa del cranio vengono danneggiati allo stesso tempo. Se in questo caso la dura madre è danneggiata, la lesione si chiama penetrazione. Una lesione cerebrale traumatica aperta è più pericolosa di una chiusa, principalmente a causa di un alto rischio di infezione. Inoltre, frammenti di ossa o corpi estranei possono penetrare nel tessuto cerebrale con esso..

Aiuto con TBI

La prima e principale cosa da fare con un trauma cranico con perdita di coscienza, nausea e vomito è vedere un medico. Non dovresti esitare qui, una diagnosi tempestiva e corretta aumenta significativamente le possibilità della vittima di uscire dalla situazione con conseguenze minime. È consigliabile che un'ambulanza venga consegnata alla struttura medica della vittima e, prima del suo arrivo, dovrebbe rimanere il più calmo possibile. Se per qualche motivo la vittima in gravi condizioni, incosciente, deve essere trasportata da sola, allora dovresti ricordare che è consigliabile farlo sdraiati sulla schiena, se possibile su una base dura (poiché in tali casi è anche possibile escludere lesioni alla colonna cervicale colonna vertebrale). Nel caso più estremo (trasporto in un'autovettura), la colonna cervicale dovrebbe essere riparata (ad esempio, fissando le spalle e il collo della vittima con una coperta, vestiti piegati, ecc.).

In caso di danni ai tessuti molli della testa, la ferita deve essere coperta con una medicazione sterile.

La vittima in stato di incoscienza non deve essere lasciata sola, perché in qualsiasi momento le sue condizioni possono peggiorare. È necessario monitorarlo costantemente al fine di escludere la possibilità di aspirazione (entrare nel tratto respiratorio) dal vomito e in qualsiasi momento essere pronti per la rianimazione (respirazione artificiale).

Se il paziente è cosciente e in condizioni generali soddisfacenti, può andare in ospedale da solo. Ma anche in questo caso, è consigliabile non lasciarlo incustodito e accompagnato, in vista di un possibile deterioramento.

Diagnosi di lesioni alla testa

La prima cosa che dovrebbe iniziare con l'esame di una vittima con una ferita alla testa è un esame da un neurologo. In questa fase, è possibile diagnosticare una commozione cerebrale (ricordo che non ci sono cambiamenti nel tessuto cerebrale durante la commozione cerebrale e quindi i metodi strumentali sono inefficaci, è l'esame del medico che svolge un ruolo importante nella diagnosi), nonché sospettare danni più gravi e decidere su ulteriori esami.

In tali casi è obbligatorio anche un esame radiografico del cranio, che nella maggior parte dei casi consente di identificare una frattura delle ossa del cranio. Tuttavia, va ricordato che in alcuni casi la frattura non è visibile ai raggi X e che può verificarsi anche un danno cerebrale grave mantenendo l'integrità delle ossa del cranio.

EchoEG (esame ecografico del cervello) consente di identificare lo spostamento delle cosiddette "strutture intermedie", che consente di assumere la presenza di una formazione asimmetrica nel cranio (in caso di lesione - ematoma). Il valore di questo metodo non è molto grande, ma a causa della sua economicità e accessibilità è ampiamente utilizzato..

L'oftalmoscopia (esame del fondo oculare) consente di identificare un fenomeno come i dischi stagnanti, che è un segno indiretto di un aumento della pressione intracranica (anche a causa dell'ematoma).

Il massimo valore diagnostico sono metodi come la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (MRI). Consentono di rilevare in modo affidabile la presenza di un ematoma, di distinguere i focolai di danno con un livido. Sfortunatamente, questo studio è costoso e non sempre disponibile. Tuttavia, in casi complessi e poco chiari, l'imaging del cervello diventa assolutamente necessario..

Trattamento di pazienti con trauma cranico

Il trattamento di pazienti con gravi danni cerebrali si verifica, di regola, nel reparto neurochirurgico. Con ematomi sub ed epidurali, è spesso necessario un intervento chirurgico, i lividi e gli ematomi intracerebrali sono trattati in modo medico.

I pazienti con commozione cerebrale sono soggetti a ricovero in ospedale nel dipartimento neurologico. Tuttavia, in alcuni casi, il trattamento per una lieve commozione cerebrale può avvenire a casa sotto la supervisione di un neurologo. La cosa principale di cui un tale paziente ha bisogno è la pace. Entro pochi giorni (fino a 7-10 giorni), è necessario osservare il riposo a letto. Si consiglia di evitare forti irritanti: luce intensa, musica ad alto volume, conversazioni spiacevoli. Va ricordato che guardare la TV, leggere libri non è una vacanza! I farmaci di solito si riducono ai farmaci che migliorano il metabolismo nel tessuto cerebrale (nootropil, picamilon) e ai farmaci vascolari (cavinton, stugeron). Se necessario, viene anche prescritta una terapia sintomatica - antidolorifici (analgin, sedalgin, maxigan), sedativi (estratto di valeriana o di motherwort, elenium, fenazepam), farmaci che riducono le vertigini (betaserk, bellaspon, tanakan). Per superare i fenomeni astenici durante il periodo di recupero, si raccomandano preparazioni multivitaminiche (neuromultivite, milgamma).

Conseguenze di TBI

Anche se durante il trattamento di una vittima con un trauma cranico, è stata evitata un'evidente disabilità (paralisi, riduzione dell'intelligenza, disturbi del linguaggio), lungi dall'essere sempre in futuro sarà possibile parlare di una guarigione completa.

Gli effetti a lungo termine delle lesioni traumatiche al cervello possono essere molto diversi. Il fenomeno più tipico è l'astenizzazione, che si manifesta con una diminuzione della capacità lavorativa, una rapida affaticabilità e stanchezza. Abbastanza spesso, si osserva ipersensibilità all'alcol, quando anche una piccola dose di alcol porta a una reazione inadeguata, fino a intossicazione patologica e psicosi alcoliche. Una delle conseguenze più comuni è la sensibilità agli agenti atmosferici, quando una persona reagisce dolorosamente ai cambiamenti della pressione atmosferica e ai disturbi vasomotori (violazione del tono dei vasi sanguigni), manifestati da mal di testa persistente e prolungato e una tendenza a vertigini, specialmente durante lo sforzo fisico e quando si cambia la posizione del corpo. Dopo lesioni gravi o ripetute, possono svilupparsi convulsioni epilettiche (epilessia post-traumatica). Relativamente rari possono essere i cambiamenti della personalità: labilità emotiva (rapido cambio di umore), irritabilità, pianto. Varie nevrosi e psicosi sono ancora meno frequentemente osservate. La demenza traumatica è considerata un evento molto raro..

La probabilità di effetti residui pronunciati dopo una lesione è maggiore, maggiore è la lesione stessa. Nella maggior parte dei casi, l'esito di una commozione cerebrale è un completo recupero, si osservano effetti residui pronunciati nel 3% delle vittime, mentre dopo lesioni cerebrali la loro frequenza raggiunge, secondo varie fonti, fino al 18-30%. Il rischio di effetti residui aumenta anche se le lesioni, anche minori, si verificano ripetutamente (un esempio di questo è il noto fenomeno dell'encefalopatia nei pugili).

Per domande di carattere medico, assicurati di consultare prima il medico.

Sintomo di occhiali per trauma cranico: cosa è successo al figlio di Tutta Larsen

I lettori interessati del blog della conduttrice televisiva e radiofonica Tutta Larsen sono preoccupati per la salute di suo figlio Vani. Nei social network, Tutta ha pubblicato la storia dell'infortunio di suo figlio con le foto. Sul primo, il ragazzo ha un enorme bernoccolo sulla fronte, sull'ultimo - gli stessi grandi lividi intorno ad entrambi gli occhi, il cosiddetto sintomo degli occhiali. Agli abbonati è stata immediatamente diagnosticata una lesione cerebrale traumatica, molto probabilmente una frattura della base del cranio. La diagnosi è davvero seria e minaccia di molteplici conseguenze, tra cui la morte. La mamma ha reagito con calma ai commenti. Vediamo se Tutta Larsen ha ragione e in quali casi devi farti prendere dal panico?

"L'urto più grande della mia vita"

Vanja di tre anni, mentre passeggiava con sua nonna, cadde giù dalla collina e colpì la testa sul ghiaccio nascosto nella neve. I genitori esperti lo sanno: per proteggere il bambino da tutti gli infortuni, devi essere almeno Superman e allo stesso tempo tenere il bambino in una stanza con pavimento e pareti morbidi. Fortunatamente, Tutta è una madre di tre figli e sa cosa fare con una ferita alla testa nei bambini.

"Non sono una madre timida, ma poi l'ho afferrato immediatamente sotto l'ascella e a Roshal, presso l'Istituto di ricerca di traumatologia pediatrica, danno a tutti loro un Dio della salute. Grazie a Dio, l'immagine è pulita (abbiamo un forte frammento), una persona sta già mangiando un gelato e sta guardando un cartone animato. Ma osserviamo 48 ore. C'è il sospetto di uno shock. "

I colpi alla testa (e qualsiasi altra parte del corpo) nei bambini non fanno eccezione. Un'infanzia attiva passa proprio così - in allenamento per padroneggiare il tuo corpo e studiare sui tuoi coni. Ma gli infortuni sono diversi. Cosa dovrebbe allertare anche un genitore risoluto?

Se dopo la caduta c'è anche una perdita di coscienza a breve termine, nausea, vertigini, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza o andare in ospedale da solo. I bambini piccoli che sanno già parlare possono dire vertigini "tutto non è così", "confuso, disturbato, gira". Nei neonati, l'appetito cambia, il rigurgito può diventare più frequente, il bambino diventa lunatico e lamentoso e il pianto dura più a lungo rispetto al dolore quando cade. Letargia, sonnolenza, comportamento insolito, agitazione eccessiva sono sintomi gravi dopo un trauma cranico. È importante sapere: tali segni potrebbero non apparire immediatamente dopo un infortunio, ma entro due giorni interi, quindi è necessario guardare il bambino.

I "coni", ematomi sottocutanei con accumulo di liquidi, differiscono per una semplice lesione dei tessuti molli e una crepa o frattura delle ossa del cranio.

Un urto quando il tessuto molle è ferito di solito appare immediatamente dopo un infortunio, è abbastanza denso, con contorni chiari, è chiaramente visibile dove finisce.

Un urto nel sito del livido che ha danneggiato il tessuto osseo del cranio può apparire un giorno dopo, non è difficile da toccare, come una palla, con contorni sfocati. Se hai questi sintomi, hai bisogno di un medico immediatamente.!

Durante l'esame iniziale, Vanja ha avuto una lesione dei tessuti molli, che è stata confermata dai medici. Tuttavia, le fotografie mostrano che dopo un paio di giorni, quando i dossi diminuiscono, si formano dei lividi scuri e grandi intorno agli occhi del bambino - un sintomo degli occhiali. Molte persone sanno che questo è un segno di frattura delle ossa del cranio e grave. Allora perché il ragazzo non è stato immediatamente portato in ospedale subito dopo la comparsa di un nuovo sintomo allarmante??

Sintomo di occhiali per trauma cranico

In linguaggio scientifico, il sintomo degli occhiali è chiamato impregnazione simmetrica diffusa bilaterale del tessuto sottocutaneo delle palpebre con sangue, accompagnata da edema. Ma i medici stessi preferiscono il lungo nome al capiente "sintomo degli occhiali", in quanto sembra occhiali scuri intorno agli occhi. O, più semplicemente, lividi quasi neri.

L'ematoma parassorbitale è un altro nome per il sintomo degli occhiali - uno dei sintomi più famosi di una frattura della base del cranio. Nella maggior parte dei casi, con una tale lesione, c'è un altro sintomo importante: un fluido chiaro, un anemone o un liquido cerebrospinale scorre dalle orecchie e dal naso. Questo è accompagnato da un altro segno, "un sintomo della teiera": quando la testa è inclinata verso il basso, il liquido scorre più forte dal naso, lateralmente - dall'orecchio. Se il sangue scorre, allora questo è un segno di lividi dell'orecchio o del naso, sebbene possano esserci lesioni combinate. Inutile dire quanto sia pericolosa una frattura della base del cranio. Oltre alle conseguenze di una tale lesione cerebrale traumatica al midollo spinale e al cervello, i nervi sono danneggiati, il che porta a visione alterata, udito, olfatto, asimmetria dei muscoli facciali e questo può provocare ipertensione ed epilessia in futuro. La penetrazione di infezione nel cervello dal rinofaringe o dalle orecchie porta ad ascessi cerebrali e meningite..

Con fratture semplici e cure di emergenza, la prognosi è favorevole. E qui è importante ricordare: il sintomo di occhiali con una frattura del cranio si sviluppa almeno un giorno dopo. Non puoi aspettare.

Punti sintomo

Sintomo di occhiali (occhiali traumatici, occhi di procione) - lividi intorno agli occhi.

Soddisfare

Le ragioni

Esistono cause traumatiche e non traumatiche del sintomo degli occhiali. Il primo gruppo comprende varie lesioni alle ossa del viso e del cranio: naso ponte, fronte, sopracciglia. La situazione più pericolosa è se si osserva il sintomo di occhiali in assenza di lividi diretti delle ossa facciali. Ciò può indicare una frattura della base del cranio..

La principale causa non traumatica del sintomo degli occhiali è la dermatomiosite. Questa malattia è accompagnata da un'infiammazione diffusa delle fibre muscolari, della pelle e dei piccoli vasi. Le sue manifestazioni sono l'edema periorbitale lilla (tessuti blu e gonfi attorno agli occhi), nonché un'eruzione cutanea macchiata di eritematoso sulle palpebre superiori.

patogenesi

La patogenesi della sindrome degli occhiali nelle lesioni è una violazione dell'integrità dei vasi sanguigni, seguita dal sangue che entra nella retina periorbitale, sotto la congiuntiva e la pelle delle palpebre. Coperture blu a causa di un'alta concentrazione di emoglobina nel sangue versato. A poco a poco, si decompone e viene eliminato dal corpo, a seguito del quale cambia l'ombra dei lividi.

Le cause del sintomo degli occhiali con dermatomiosite sono spiegate da un meccanismo autoimmune: a seguito di una mutazione genetica o dell'azione di virus, il sistema immunitario inizia a produrre anticorpi diretti contro proteine ​​e acidi che compongono le fibre muscolari. Di conseguenza, si verifica un processo infiammatorio nei muscoli e nella pelle, che porta al loro progressivo danno..

Sintomi

Il sintomo degli occhiali è il seguente. Tutta la pelle nell'area delle orbite acquisisce una tonalità lilla o blu e diventa edematosa, la congiuntiva diventa rossa. Il tempo per il sintomo degli occhiali per lesioni può variare da alcune ore a 2-3 giorni. Con colpi diretti sul viso, si forma immediatamente un livido, con una frattura della base del cranio - dopo un giorno o più.

Altri segni patologici dipendono dall'essenza della malattia di base:

  • frattura della base del cranio - ecchimosi nella regione ossea temporale, flusso di liquido cerebrospinale e sangue dal naso o dalle orecchie, perdita dell'udito, vomito, nistagmo, perdita di coscienza;
  • dermatomiosite - debolezza muscolare, dermatite, linguaggio alterato e deglutizione, sintomo di Gottron (macchie traballanti sulle dita).

Diagnostica

Quando appare un sintomo di occhiali dopo una lesione, viene eseguita una radiografia della testa. Sulla base dei risultati e dei segni clinici generali, viene determinata la gravità delle condizioni del paziente.

La dermatomiosite viene diagnosticata sulla base di una combinazione caratteristica di manifestazioni esterne, nonché di esami del sangue, elettromiogrammi e radiografie del polmone.

Trattamento

Se si osserva un sintomo di occhiali, le tattiche della terapia sono determinate dai dettagli della patologia sottostante. Con la dermatomiosite, vengono prescritti corticosteroidi, citostatici, derivati ​​della 4-aminochinolina, proserina, immunoglobuline, plasmaferesi e così via.

Sintomo di occhiali in caso di frattura della base del cranio è una ragione per le cure di emergenza. Una persona con un infortunio deve essere appoggiata sulla schiena, girando la testa di lato e slacciandosi gli abiti stretti. Se necessario, viene sottoposto a respirazione artificiale, nonché a farmaci cardiaci, glucosio, suprastina, cordiamina, antibiotici (con ferite aperte) e così via. Nei casi più gravi, viene eseguita la chirurgia.

previsione

La prognosi per la comparsa di "occhi di procione" dipende dalle caratteristiche della malattia principale. Con lievi danni alle ossa facciali, nonché con una frattura della base del cranio senza spostamento e complicazioni purulente, è favorevole. Se la lesione ha portato a sanguinamenti massicci, può verificarsi la morte. Effetti a lungo termine di lesioni craniocerebrali - ipertensione, epilessia, mal di testa.

La mortalità nella dermatomiosite in assenza di un trattamento adeguato è del 40%. Fornendo tempestivamente l'inizio della terapia, è possibile ottenere un costante miglioramento delle condizioni del paziente.

Prevenzione

Il modo principale per prevenire il sintomo degli occhiali è prevenire lesioni alle ossa del viso e del cranio. Non sono state sviluppate misure preventive efficaci contro la dermatomiosite, poiché l'eziologia della malattia non è stata stabilita.

Lesione cerebrale traumatica: caratteristiche, conseguenze, trattamento e riabilitazione

Le lesioni traumatiche al cervello occupano il primo posto tra tutte le lesioni (40%) e molto spesso si verificano nelle persone di età compresa tra 15 e 45 anni. La mortalità tra gli uomini è 3 volte superiore rispetto alle donne. Nelle grandi città, ogni anno su un migliaio di persone, sette subiscono lesioni cerebrali traumatiche, mentre il 10% muore prima di raggiungere un ospedale. In caso di una lesione lieve, il 10% delle persone rimane disabile, in caso di una lesione moderata - 60%, grave - 100%.

Cause e tipi di lesioni alla testa

Un complesso di lesioni al cervello, alle sue membrane, alle ossa del cranio, ai tessuti molli del viso e della testa - questa è la lesione traumatica del cervello (TBI).

Molto spesso, i partecipanti a un incidente soffrono di lesioni alla testa: guidatori, passeggeri dei trasporti pubblici, pedoni colpiti da veicoli. Al secondo posto in frequenza si verificano infortuni domestici: cadute accidentali, protuberanze. Successivamente ci sono gli infortuni subiti sul posto di lavoro e lo sport.

I giovani sono più inclini alle lesioni in estate - queste sono le cosiddette lesioni criminali. Gli anziani hanno maggiori probabilità di contrarre un TBI in inverno e la causa principale sta cadendo da un'altezza.

Una delle prime a classificare le lesioni alla testa fu proposta dal chirurgo e anatomista francese del XVIII secolo, Jean-Louis Petit. Oggi ci sono diverse classificazioni di infortuni..

  • per gravità: lieve (commozione cerebrale, leggero livido), moderato (livido grave), grave (grave livido cerebrale, compressione cerebrale acuta). La scala del coma di Glasgow viene utilizzata per determinare la gravità. Le condizioni della vittima vengono valutate da 3 a 15 punti a seconda del livello di confusione, della capacità di aprire gli occhi, della parola e delle reazioni motorie;
  • per tipo: aperto (ci sono ferite sulla testa) e chiuso (non ci sono violazioni della pelle della testa);
  • per tipo di danno: isolato (il danno colpisce solo il cranio), combinato (il cranio e altri organi e sistemi sono danneggiati), combinato (la lesione è stata ricevuta non solo meccanicamente, il corpo è stato anche influenzato da radiazioni, energia chimica, ecc.);
  • dalla natura del danno:
    • commozione cerebrale (trauma minore con conseguenze reversibili, caratterizzato da perdita di coscienza a breve termine - fino a 15 minuti, la maggior parte delle vittime non ha bisogno di ricovero in ospedale, dopo l'esame, il medico può prescrivere una TC o una risonanza magnetica);
    • livido (c'è una violazione del tessuto cerebrale a causa di un ictus cerebrale sulla parete del cranio, spesso accompagnato da emorragia);
    • danno assonale diffuso al cervello (gli assoni sono danneggiati - i processi delle cellule nervose conducono impulsi, il tronco cerebrale soffre, le emorragie microscopiche sono annotate nel corpo calloso del cervello; tale danno si verifica più spesso negli incidenti stradali - al momento di improvvisa inibizione o accelerazione);
    • compressione (si formano ematomi nella cavità cranica, lo spazio intracranico è ridotto, si osservano lesioni da schiacciamento; è necessario un intervento chirurgico di emergenza per salvare la vita di una persona).

La classificazione si basa sul principio diagnostico, sulla base del quale viene formulata una diagnosi dettagliata, in base alla quale viene prescritto il trattamento.

Sintomi di TBI

Le manifestazioni di lesioni traumatiche al cervello dipendono dalla natura del danno..

La diagnosi di "commozione cerebrale" viene fatta sulla base della storia. Di solito la vittima riferisce che si è verificato un colpo alla testa, che è stato accompagnato da una perdita di coscienza a breve termine e un singolo vomito. La gravità della commozione cerebrale è determinata dalla durata della perdita di coscienza - da 1 minuto a 20 minuti. Al momento dell'esame, il paziente è in condizioni chiare, può lamentare mal di testa. Di solito non vengono rilevate anomalie diverse dal pallore della pelle. In rari casi, la vittima non ricorda gli eventi che hanno preceduto la lesione. Se non vi è stata perdita di conoscenza, la diagnosi è resa dubbia. Entro due settimane dopo una commozione cerebrale, possono verificarsi debolezza, affaticamento, sudorazione, irritabilità e disturbi del sonno. Se questi sintomi non scompaiono per molto tempo, vale la pena rivedere la diagnosi..

Con un cervello contuso, il grado è lieve e la vittima può perdere conoscenza per un'ora, quindi lamentarsi di mal di testa, nausea e vomito. Contrazioni degli occhi quando si guarda di lato, si nota l'asimmetria dei riflessi. I raggi X possono mostrare una frattura delle ossa della volta cranica, nel liquido cerebrospinale - una miscela di sangue.

Una lesione cerebrale di moderata gravità è accompagnata da una perdita di coscienza per diverse ore, il paziente non ricorda gli eventi che hanno preceduto la lesione, la lesione stessa e ciò che è accaduto dopo, si lamenta di mal di testa e vomito ripetuto. Si può notare: pressione sanguigna e polso alterati, febbre, brividi, dolori muscolari e articolari, crampi, disturbi visivi, dimensioni irregolari delle pupille, disturbi del linguaggio. Studi strumentali mostrano fratture dell'arco o della base del cranio, emorragia subaracnoidea.

Con una grave lesione cerebrale, la vittima può perdere conoscenza per 1-2 settimane. Allo stesso tempo, si rivelano in lui gravi violazioni delle funzioni vitali (frequenza del polso, livello di pressione, frequenza respiratoria e ritmo, temperatura). I movimenti dei bulbi oculari non sono coordinati, il tono muscolare viene modificato, il processo di deglutizione è disturbato, la debolezza delle braccia e delle gambe può raggiungere convulsioni o paralisi. Di norma, questa condizione è una conseguenza delle fratture dell'arco e della base del cranio e dell'emorragia intracranica.

Con un danno assonale diffuso al cervello, si verifica un coma prolungato moderato o profondo. La sua durata va da 3 a 13 giorni. La maggior parte delle vittime ha disturbi del ritmo respiratorio, diversa posizione orizzontale delle pupille, movimenti involontari della pupilla, braccia con le mani abbassate piegate ai gomiti.

Con la compressione del cervello, si possono osservare due quadri clinici. Nel primo caso, si osserva un "periodo luminoso", durante il quale la vittima riacquista conoscenza e poi lentamente entra in uno stato di stupore, che generalmente assomiglia a stupore e intorpidimento. In un altro caso, il paziente cade immediatamente in coma. Ogni condizione è caratterizzata da movimenti oculari incontrollati, strabismo e paralisi incrociata degli arti..

La compressione prolungata della testa è accompagnata da gonfiore dei tessuti molli, che raggiunge un massimo di 2-3 giorni dopo il suo rilascio. La vittima è in uno stress emotivo, a volte in uno stato di isteria o amnesia. Palpebre gonfie, visione alterata o cecità, gonfiore asimmetrico del viso, mancanza di sensibilità al collo e al collo. La tomografia computerizzata mostra edema, ematomi, fratture delle ossa del cranio, focolai di contusione cerebrale e schiacciamento.

Conseguenze e complicanze della lesione alla testa

Dopo aver subito una lesione cerebrale traumatica, molti diventano disabili a causa di disturbi mentali, movimenti, linguaggio, memoria, epilessia post-traumatica e altri motivi..

Una lesione cerebrale traumatica influisce anche lievemente sulle funzioni cognitive: la vittima sperimenta confusione e una diminuzione delle capacità mentali. Nelle lesioni più gravi, è possibile diagnosticare amnesia, disturbi della vista e dell'udito, capacità di parlare e deglutire. Nei casi più gravi, il linguaggio diventa inarticolato o addirittura completamente perso.

Le violazioni del motore e le funzioni del sistema muscoloscheletrico sono espresse in paresi o paralisi degli arti, perdita di sensibilità corporea, mancanza di coordinazione. In caso di lesioni gravi e moderate, la chiusura della laringe è insufficiente, a seguito della quale il cibo si accumula nella faringe ed entra nel tratto respiratorio.

Alcuni malati di TBI soffrono di una sindrome del dolore - acuta o cronica. La sindrome del dolore acuto persiste per un mese dopo aver ricevuto una lesione ed è accompagnata da vertigini, nausea e vomito. Il mal di testa cronico accompagna una persona per tutta la vita dopo aver ricevuto una lesione alla testa. Il dolore può essere acuto o sordo, pulsante o pressante, localizzato o donando, ad esempio, agli occhi. Gli attacchi di dolore possono durare da alcune ore a diversi giorni, intensificandosi durante i momenti di stress emotivo o fisico.

I pazienti manifestano un grave deterioramento e perdita delle funzioni corporee, una perdita parziale o completa delle prestazioni, quindi soffrono di apatia, irritabilità, depressione.

Trattamento TBI

Una persona che ha subito un trauma cranico ha bisogno di cure mediche. Prima che arrivi l'ambulanza, il paziente deve essere steso sulla schiena o su un fianco (se è incosciente), applicare una benda sulle ferite. Se la ferita è aperta, fascia i bordi della ferita, quindi applica una fasciatura.

Il team di ambulanze porta la vittima al dipartimento di traumatologia o all'unità di terapia intensiva. Lì il paziente viene esaminato, se necessario, viene eseguita una radiografia del cranio, del collo, del torace e della colonna vertebrale lombare, del torace, del bacino e delle estremità, viene eseguita un'ecografia del torace e dell'addome, il sangue e l'urina vengono analizzati. Un ECG può anche essere prescritto. In assenza di controindicazioni (stato di shock), viene eseguita una TAC del cervello. Quindi il paziente viene esaminato da un traumatologo, un chirurgo e un neurochirurgo e viene diagnosticato.

Un neurologo esamina un paziente ogni 4 ore e valuta le sue condizioni su scala di Glasgow. In caso di compromissione della coscienza, al paziente viene mostrata l'intubazione della trachea. A un paziente in stato di stupore o coma viene prescritta la ventilazione meccanica. La pressione intracranica viene regolarmente misurata in pazienti con ematomi ed edema cerebrale..

Alle vittime viene prescritta una terapia antisettica e antibatterica. Se necessario - anticonvulsivanti, analgesici, magnesia, glucocorticoidi, sedativi.

I pazienti con ematoma hanno bisogno di un intervento chirurgico. Il ritardo nella chirurgia per le prime quattro ore aumenta il rischio di morte fino al 90%.

Previsioni per il recupero da trauma cranico di gravità variabile

In caso di commozione cerebrale, la prognosi è favorevole, a condizione che i feriti rispettino le raccomandazioni del medico curante. Il recupero completo è stato osservato nel 90% dei pazienti con lieve trauma cranico. Il 10% di loro rimane compromessa funzione cognitiva, un brusco cambiamento di umore. Ma questi sintomi di solito scompaiono entro 6-12 mesi..

La prognosi per la TBI da moderata a grave si basa sul numero di punti sulla scala di Glasgow. L'aumento dei punti indica una dinamica positiva e un esito favorevole della lesione..

Nei pazienti con TBI moderato, è anche possibile ottenere un ripristino completo delle funzioni del corpo. Ma spesso ci sono mal di testa, idrocefalo, disfunzione vegetovascolare, disturbi di coordinazione e altri disturbi neurologici.

Nel grave TBI, il rischio di morte aumenta al 30–40%. Tra i sopravvissuti, quasi il 100% di disabilità. Le sue cause sono gravi disturbi mentali e del linguaggio, epilessia, meningite, encefalite, ascessi cerebrali, ecc..

Di grande importanza per il ritorno alla vita attiva del paziente è il complesso di misure riabilitative fornite in relazione a lui dopo il sollievo della fase acuta.

Indicazioni di riabilitazione dopo trauma cranico

Le statistiche mondiali mostrano che oggi $ 1 investito nella riabilitazione farà risparmiare $ 17 per garantire la vita della vittima domani. La riabilitazione dopo una lesione cerebrale traumatica viene eseguita da un neurologo, riabilitologo, fisioterapista, terapista occupazionale, massaggiatore, psicologo, neuropsicologo, logopedista e altri specialisti. Le loro attività, di regola, mirano a riportare il paziente ad una vita socialmente attiva. Il lavoro per ripristinare il corpo del paziente determina in gran parte la gravità della lesione. Quindi, con una grave lesione, gli sforzi dei medici mirano a ripristinare le funzioni di respirazione e deglutizione e a migliorare il funzionamento degli organi pelvici. Gli specialisti lavorano anche sul ripristino di funzioni mentali superiori (percezione, immaginazione, memoria, pensiero, parola) che potrebbero andare perse.

Fisioterapia:

  • La terapia di Bobat prevede di stimolare i movimenti del paziente modificando le posizioni del suo corpo: i muscoli corti si allungano, i muscoli deboli si rafforzano. Le persone con restrizioni sui movimenti hanno l'opportunità di apprendere nuovi movimenti e di apprendere il perfezionamento.
  • La terapia Vojta aiuta a collegare l'attività cerebrale e i movimenti riflessi. Il fisioterapista irrita varie parti del corpo del paziente, spingendolo in tal modo a compiere determinati movimenti.
  • La terapia con Mulligan aiuta ad alleviare la tensione muscolare e anestetizza i movimenti.
  • Installazione "Exarta" - sistemi di sospensione, con i quali è possibile alleviare il dolore e ripristinare i muscoli atrofizzati.
  • Classi sui simulatori. Le lezioni sono mostrate su attrezzature cardiovascolari, simulatori con biofeedback e su una piattaforma stabile - per l'allenamento del coordinamento dei movimenti.

L'ergoterapia è una direzione di riabilitazione che aiuta una persona ad adattarsi alle condizioni ambientali. Un terapista occupazionale insegna a un paziente a servirsi nella vita di tutti i giorni, migliorando così la sua qualità di vita, permettendogli di tornare non solo alla vita sociale, ma anche al lavoro.

Kinesioterapia: l'applicazione di speciali nastri adesivi su muscoli e articolazioni danneggiati. La cinesiterapia aiuta a ridurre il dolore e ad alleviare il gonfiore, senza limitare i movimenti.

La psicoterapia è parte integrante del recupero di alta qualità dopo un trauma cranico. Lo psicoterapeuta esegue una correzione neuropsicologica, aiuta a far fronte all'apatia e all'irritabilità caratteristiche dei pazienti nel periodo post-traumatico..

Fisioterapia:

  • L'elettroforesi medicinale combina l'introduzione nel corpo del farmaco interessato con la corrente continua. Il metodo consente di normalizzare lo stato del sistema nervoso, migliorare la circolazione del sangue ai tessuti, alleviare l'infiammazione.
  • La terapia laser combatte efficacemente il dolore, il gonfiore dei tessuti, ha effetti antinfiammatori e riparativi.
  • L'agopuntura aiuta a ridurre il dolore. Questo metodo è incluso nel complesso delle misure terapeutiche nel trattamento della paresi e ha un effetto psicostimolante generale.

La terapia farmacologica ha lo scopo di prevenire l'ipossia cerebrale, migliorare i processi metabolici, ripristinare l'attività mentale attiva, normalizzare lo sfondo emotivo di una persona.

Dopo lesioni cerebrali traumatiche di grado moderato e grave, è difficile per le vittime tornare al loro solito modo di vivere o sopportare cambiamenti forzati. Al fine di ridurre il rischio di sviluppare gravi complicazioni dopo un trauma cranico, è necessario seguire semplici regole: non rifiutare il ricovero in ospedale, anche se sembra che tu stia bene, e non trascurare vari tipi di riabilitazione, che con un approccio integrato può mostrare risultati significativi.

A quale centro di riabilitazione dopo un trauma cranico posso andare?

"Sfortunatamente, dopo un trauma cranico traumatico non esiste un programma di riabilitazione che consenta di riportare il paziente alle sue condizioni precedenti con una garanzia del 100%", afferma uno specialista del centro di riabilitazione Three Sisters. - La cosa principale da ricordare: con la TBI, molto dipende da quanto presto iniziano le misure di riabilitazione. Ad esempio, "Three Sisters" accetta le vittime immediatamente dopo l'ospedale, forniamo assistenza anche ai pazienti con stomia, piaghe da decubito e lavoro con i pazienti più piccoli. Accettiamo pazienti 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, e non solo da Mosca, ma anche dalle regioni. Dedichiamo 6 ore al giorno a lezioni di riabilitazione e monitoriamo costantemente le dinamiche del recupero. Il nostro centro ha neurologi, cardiologi, neuroscienziati, fisioterapisti, terapisti occupazionali, neuropsicologi, psicologi, logopedisti: sono tutti esperti di riabilitazione. Il nostro compito è migliorare non solo le condizioni fisiche della vittima, ma anche quella psicologica. Aiutiamo una persona a ottenere la certezza che, anche dopo aver subito un grave infortunio, può essere attivo e felice. ".

Licenza per attività medica LO-50-01-009095 del 12 ottobre 2017 rilasciata dal Ministero della Salute della Regione di Mosca

La riabilitazione medica per un paziente con trauma cranico può aiutare a velocizzare il recupero e prevenire potenziali complicazioni..

I centri di riabilitazione possono offrire servizi di riabilitazione medica per un paziente che ha subito un trauma cranico al fine di eliminare:

  • compromissione motoria;
  • disturbi del linguaggio;
  • deterioramento cognitivo ecc.

Maggiori informazioni sui servizi.

Alcuni centri di riabilitazione offrono un costo fisso di soggiorno e servizi medici..

È possibile ottenere una consulenza, saperne di più sul centro di riabilitazione e anche prenotare il tempo di trattamento utilizzando il servizio online.

Il recupero da lesioni craniocerebrali è necessario in centri di riabilitazione specializzati con una vasta esperienza nel trattamento delle patologie neurologiche..

Alcuni centri di riabilitazione sono ricoverati in ospedale 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e possono accettare pazienti costretti a letto, pazienti in condizioni acute e con scarsa coscienza.

Se c'è il sospetto di un trauma cranico, in nessun caso dovresti cercare di far atterrare la vittima o allevarlo. Non lasciarlo incustodito e rifiutare le cure mediche.

Fratture nei bambini: tipi, caratteristiche, trattamento, recupero e riabilitazione dei bambini dopo le fratture

Lesioni spinali: tipi, trattamento e successiva riabilitazione

Riabilitazione dopo un ictus: metodi, programmi e termini di recupero

© 2017 Argumenty i Fakty Direttore Generale JSC Ruslan Novikov. Caporedattore del settimanale Argumenty i Fakty Igor Chernyak. Denis Khalaimov, direttore dello sviluppo digitale e dei nuovi media di AiF.ru. Il caporedattore del sito AiF.ru Vladimir Shushkin.

Sindrome di Point On Impact

Come identificare il sanguinamento interno: i principali sintomi

Per molti anni ha combattuto senza successo l'ipertensione.?

Capo dell'Istituto: “Sarai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione prendendo ogni giorno.

Una delle condizioni più insidiose di pericolo di vita acuta è il sanguinamento interno. Sono una condizione patologica, accompagnata dal rilascio di sangue dai vasi nella cavità addominale libera, nello spazio retroperitoneale o negli organi cavi (stomaco e intestino). L'intera complessità della situazione è che di solito la maggior parte delle malattie provoca preoccupazione nell'uomo in relazione alla segnalazione della sindrome del dolore. Con qualsiasi sanguinamento, non ci sono tali segni. Questo lascia inosservato questo problema per molto tempo. Cominciano a prestargli attenzione solo quando le condizioni dei pazienti peggiorano drasticamente. Ma ci sono sintomi specifici di sanguinamento interno, la cui conoscenza può aiutare nella diagnosi tempestiva di questo problema complesso.

Segni di sanguinamento interno

Attraverso un'attenta attenzione a tutti i cambiamenti nel corpo, a prima vista, si possono notare cambiamenti ordinari. Nel tempo, gradualmente peggiorano. Segni immediati di sanguinamento interno:

I nostri lettori hanno usato con successo ReCardio per curare l'ipertensione. Vista la popolarità di questo prodotto, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

  1. Cattiva salute e debolezza generale;
  2. Capogiri e svenimenti;
  3. Sonnolenza e apatia (mancanza di interesse per qualsiasi cosa);
  4. Pallore innaturale della pelle;
  5. Abbassare la pressione sanguigna al di sotto di quei numeri che sono tipici di una determinata persona in orari normali (ipotensione arteriosa);
  6. Palpitazioni (tachicardia).

Tutti i sintomi elencati sono generali. Sono caratteristici di qualsiasi tipo di sanguinamento interno. C'è un altro gruppo di manifestazioni cliniche che si riferiscono ai segni specifici di un particolare tipo di questa malattia. Saranno discussi in altre sezioni dell'articolo..

L'unica cosa su cui vale la pena fermarsi è la velocità di sviluppo e progressione dei sintomi. A volte tutti i segni crescono così rapidamente e spontaneamente che né gli stessi malati né le persone intorno a loro possono capire cosa sta succedendo. Ma accade che la situazione si sviluppi gradualmente con una violazione graduale delle condizioni generali e un aggravamento dei sintomi. Questa variante del decorso clinico del sanguinamento interno è più favorevole, poiché consente di notare sintomi minacciosi e cercare aiuto in modo tempestivo.

Tipi di sanguinamento interno e loro manifestazioni

Se consideriamo questo problema a livello globale, possiamo dire che il sanguinamento interno è uno in cui il sangue versato non ha un contatto diretto con l'ambiente esterno. Pertanto, molti non attribuiscono il sanguinamento dallo stomaco e dall'intestino a quelli interni. Ma dato che potrebbero non causare sintomi specifici per lungo tempo, è consigliabile considerarli nel contesto di quelli interni. Dopotutto, la cosa principale è sospettare il problema il prima possibile e tutto il resto sarà chiarito nel processo di osservazione e diagnosi in un'istituzione medica.

Tutti i tipi di sanguinamento interno e i corrispondenti sintomi specifici sono mostrati in una tabella visiva.

Tipo di sanguinamentoCome identificare il sanguinamento interno
Sanguinamento nella cavità addominale libera (rotture degli organi interni: fegato, milza)
  1. Sintomi generali (debolezza, vertigini, pallore della pelle, ipotensione arteriosa e tachicardia);
  2. Pesantezza allo stomaco;
  3. Il sintomo di "Vanka-stand up" è la comparsa di dolore alla spalla destra o sinistra, collo in posizione orizzontale. Il dolore seduto scompare, ma si verificano vertigini;
  4. Palpazione della parte superiore dell'addome.
Emorragie dagli organi pelvici (rotture delle ovaie, dell'utero e delle tube di Falloppio)
  1. Sintomi generali;
  2. Dolore e disagio nell'addome inferiore;
  3. Pressione sull'ano;
  4. Dolore al seno dopo la palpazione;
  5. Il sintomo di "Vanka-vstanyka" si verifica solo con sanguinamenti massicci e gravi condizioni generali dei pazienti.
Sanguinamento nello spazio retroperitoneale (rotture dell'aorta addominale, reni e ghiandole surrenali)
  1. Sintomi di natura generale. Sempre moderatamente espresso;
  2. Mal di schiena lombare;
  3. Un sintomo positivo di thrashing: picchiettare sulla parte bassa della schiena provoca un aumento del dolore.
Sanguinamento gastrointestinale (malattie dello stomaco, intestino tenue e crasso, che porta all'esposizione dei vasi sanguigni)
  1. Vividi sintomi generali;
  2. Vomito di sangue o contenuti bruni (fondi di caffè);
  3. Diarrea sanguinolenta, amarena o feci nere;
  4. L'assenza di qualsiasi dolore addominale.

Cause immediate

Le seguenti malattie e condizioni possono portare a sanguinamento interno:

  1. Lesioni addominali chiuse e aperte con danni agli organi interni (fegato, milza, mesentere dell'intestino tenue);
  2. Apoplessia ovarica (rotture ovariche);
  3. Rottura della cisti ovarica o pelvica (il più delle volte si verifica durante il rapporto sessuale);
  4. Attività fisica attiva (può provocare rotture di ovaie cistiche o organi interni ingrossati);
  5. Lesioni lombari;
  6. Aneurismi aortici che iniziano a delaminarsi;
  7. Ulcera peptica del duodeno e dello stomaco;
  8. Lacrime della mucosa dell'esofago (sindrome di Malory-Weiss);
  9. Vene varicose dell'esofago e dello stomaco;
  10. Tumori in decomposizione del tratto gastrointestinale, cavità addominale e spazio retroperitoneale.

Qual è il pericolo e cosa fare

È molto importante sapere come comportarsi correttamente in caso di sanguinamento interno. Dopotutto, la vita umana dipende spesso da questo. La tattica indifferenziata si riduce alle seguenti attività:

  1. Posare il paziente con il minimo segno di sanguinamento interno. Tutte le ulteriori azioni devono essere eseguite rigorosamente in una posizione orizzontale del paziente;
  2. Raffreddamento dell'addome (un impacco di ghiaccio o una piastra riscaldante fredda sulla parte inferiore dell'addome, ipocondrio o regione lombare, a seconda della presunta posizione della fonte di sanguinamento);
  3. Trasporto del paziente in questa posizione all'istituto medico più vicino.

Se si trascurano le regole del primo soccorso, questo può portare ad un aumento del sanguinamento e una massiccia perdita di sangue. Tali condizioni sono sempre molto pericolose e rappresentano una minaccia diretta per la vita umana..

Nelle condizioni di un ospedale chirurgico, gli specialisti possono scegliere le seguenti tattiche.

SituazioneQuali azioni
Sanguinamento lieve con segni di arresto indipendente e moderata perdita di sangue. Durante la diagnosi, non sono state rilevate lesioni gravi e non vi è stato un accumulo significativo di sangue nella cavità addominaleOsservazione, terapia infusionale con somministrazione endovenosa di soluzioni saline (Ringer, soluzione salina, reosorbilatto, reftan), farmaci emostatici (acido aminocaproico, etamsilato).
Grave perdita di sangue di qualsiasi origine, indipendentemente dalle cause e dai danni agli organiChirurgia di emergenza con terapia di infusione parallela per mantenere i parametri vitali più importanti.

Cosa fare in caso di sanguinamento dall'ano?

Sintomi di emorragia polmonare e pronto soccorso

Sindrome di Point On Impact

Nelle lesioni da combattimento del cranio e del cervello, spesso si verificano cambiamenti da parte dell'organo della visione. Si verificano sulla base del danno diretto alla sezione corticale dell'analizzatore visivo, delle vie ottiche e dei nervi cranici, degli occhi innervanti e delle sue appendici, o in modo secondario, a seguito di disturbi riflessi della circolazione cerebrale causati da un trauma del sistema nervoso centrale, aumento della pressione intracranica, processi infiammatori nella sostanza cerebrale e le sue conchiglie, ecc..

I cambiamenti possono essere accertati da parte di vari reparti dell'organo della visione: palpebre, orbite, apparato oculomotore, fondo oculare, vie ottiche. Possono verificarsi al momento dell'infortunio o qualche tempo dopo..

Sulle palpebre dopo fratture del cranio, a volte compaiono emorragie sotto la pelle a volte conosciute come "occhiali". Sono particolarmente caratteristici per le fratture della base del cranio. Tale lividi di solito si verifica un giorno dopo e dopo un danno e può avere un importante valore diagnostico..

Le emorragie orbitali dovute a fratture del cranio possono essere accompagnate dalla comparsa di esoftalmo, spostamento o limitazione della mobilità del bulbo oculare. Soggettivamente, questi spostamenti sono talvolta espressi nella comparsa di diplopia, che non si adatta al solito schema di diplopia muscolare.

Le fratture della base del cranio talvolta si diffondono sotto forma di crepe nel canale ottico; le fratture delle squame frontali si estendono fino alla parete superiore dell'orbita; fratture della mascella superiore - sulla parete inferiore dell'orbita.

Sulla base della rottura traumatica dell'arteria carotide interna nel seno cavernoso e della conseguente anastomosi, può formarsi un esoftalmo pulsante tra di loro. In questo caso, oltre a sporgere il bulbo oculare, puoi trovare vasi dilatati e contorti delle palpebre e del bulbo oculare, nonché la sua pulsazione, visibile o palpabile dal dito.

Con uno stetoscopio attaccato alle palpebre, è possibile ascoltare il rumore del soffio. Nell'angolo interno superiore dell'orbita, a volte è possibile sondare la vena orbitale superiore ispessita e pulsante.

L'esoftalmo pulsante disturba la vittima con un rumore lancinante nella testa e disturbi estetici. In tali casi, è necessario ricorrere al trattamento chirurgico (torsione e legatura della vena orbitale superiore secondo S. S. Golovin; legatura dell'arteria carotide comune sul collo). La tecnica per questi interventi è descritta in speciali manuali di chirurgia oculare..

Cambiamenti nell'apparato motorio, sensibilità e trofismo dell'occhio con lesioni cerebrali traumatiche

In caso di lesioni al cranio, si possono osservare vari disturbi motori, sensoriali e trofici dal lato dell'organo della visione. Molto spesso si tratta di paralisi o paresi associate alla diffusione di fratture e fessure delle ossa del cranio nell'orbita.

Ma insieme a tali disturbi nelle lesioni del cranio, la paralisi può verificarsi a causa di lesioni intracraniche dei tronchi e dei nuclei nervosi corrispondenti. Ciò include la paralisi dei muscoli esterni dell'occhio, i movimenti associati alterati, la ptosi paralitica e il lagoftalmo, i disturbi della pupilla. Il motivo principale per loro sono le fratture della base del cranio e le emorragie nella sostanza del cervello (principalmente nella parte inferiore del ventricolo IV).

Dei nervi motori, il nervo del rapimento è spesso influenzato da lesioni del cranio e, un po 'meno spesso, dal blocco, dai nervi oculomotori e facciali. La paralisi risultante può essere isolata o combinata..

Il danno più frequente al nervo del rapimento è spiegato dalle sue caratteristiche anatomiche: confina strettamente con la piramide dell'osso temporale, che è facilmente vulnerabile alle fratture della base del cranio.

Le lesioni del nervo oculomotore possono essere localizzate in qualsiasi punto lungo la sua lunghezza. A seconda della posizione del danno, verranno osservati alcuni sintomi: midriasi, strabismo paralitico, ptosi o una loro combinazione. Con la paralisi traumatica dei muscoli oculari, la diplopia viene osservata raramente. E. Zh. Tron lo spiega con una concomitante diminuzione della vista dovuta a cambiamenti di contusione nei nervi ottici e nel fondo.

Con lievi lesioni al cranio, si osserva spesso una dilatazione unilaterale della pupilla senza reazione alla luce. La causa è una frattura della base del cranio, gonfiore del cervello, emorragie subdurali o epidurali, che porta ad un aumento locale della pressione intracranica. La patogenesi dell'espansione unilaterale delle pupille con trauma contusivo al cranio rimane poco chiara.
Di solito, si osserva l'espansione della pupilla sul lato interessato, ma in alcuni casi può verificarsi l'espansione bilaterale della pupilla senza reazione alla luce.

L'espansione unilaterale della pupilla senza reazione alla luce dopo una lesione cranica è considerata un sintomo importante dell'aumento della compressione del cervello, che indica il lato della lesione. Le condizioni degli alunni di tali feriti devono essere sistematicamente e attentamente monitorate. Per non perdere la comparsa di questo sintomo, l'uso di agenti midriatici dovrebbe essere evitato in tali casi.
Disturbi pupillari persistenti nelle lesioni al cranio più di 20-30 giorni fa suggeriscono un danno cerebrale significativo (V. A. Smirnov).

Per distinguere la paralisi del muscolo oculare di origine basale dalla paralisi della localizzazione orbitale è possibile solo con sintomi concomitanti. L'origine oculare della paralisi è indicata da segni a volte evidenti di danno all'orbita, esoftalmo, enoftalmo e cambiamenti oftalmoscopici. A favore della natura basale della paralisi dei muscoli oculari, può parlare la presenza di danno unilaterale simultaneo a un numero di nervi cranici.

Con lesioni e lesioni contundenti del cranio, a volte possono verificarsi vari disturbi di sensibilità e trofismo a causa di danni al nervo trigemino. Sono caratterizzati da iperestesia, ipestesia, anestesia o parestesia della pelle delle palpebre, congiuntiva e cornea; distorsioni dei riflessi congiuntivali e corneali. A causa di danni al nervo trigemino, può svilupparsi una cheratite neuroparalitica.

Leggi Vertigini