Principale Cliniche

Caratteristiche dell'insufficienza vertebrale-basilare

L'insufficienza vertebro-basilare è una condizione patologica che si verifica a causa di una violazione del flusso sanguigno nell'area di tali arterie come quella basilare e vertebrale, che porta a malfunzionamenti del cervello. Di conseguenza, si verificano cambiamenti distruttivi e reversibili nelle funzioni cerebrali. Con una prolungata assenza di normale afflusso di sangue alle aree del cervello, si sviluppano infarto cerebrale e ictus, patologie che portano alla disabilità o alla morte. Le statistiche mostrano che la diagnosi della sindrome basilare nel 30% dei casi precede un ictus, nel 70% dei casi provoca attacchi ischemici transitori (TIA).

Definizione della patologia

Attraverso le arterie vertebrali, fino al 30% del volume totale del sangue entra nel tessuto cerebrale. L'insufficienza vertebro-basilare, che si è verificata negli adulti e nei pazienti pediatrici, è accompagnata da sintomi neurologici, che riflettono l'ischemia del cervello, procedendo in forma acuta. Dopo il completamento del prossimo attacco ischemico (TIA), sono possibili manifestazioni residue dei conseguenti cambiamenti patologici.

La violazione del flusso sanguigno nel pool vertebro-basilare porta a un deterioramento della circolazione cerebrale generale, alla comparsa di focolai di danno ischemico al tessuto. I processi degenerativi si verificano nelle cellule del tessuto nervoso, provocati dall'ipossia (carenza di ossigeno). Le vene rappresentano l'85% del sistema circolatorio del cervello, il che indica la natura decisiva del flusso sanguigno venoso.

Il danno alle vene nel WBD porta allo sviluppo del circolo venoso - una violazione del deflusso di sangue dalle parti posteriori della testa. Un paziente con una lesione su larga scala degli elementi del sistema vascolare mostra contemporaneamente segni di disfunzione venosa e VBI, il che rende difficile differenziare la patologia e determinare i sintomi principali.

Sintomi della malattia

L'insufficienza vertebrale-basilare si manifesta più spesso con diverse sindromi e sintomi. Non è sempre possibile identificare i segni principali. I malfunzionamenti del sistema circolatorio nella zona WBB provocano compromissione della funzione motoria e della sensibilità, emianopsia (cecità in metà della visione visiva), cecità corticale - perdita completa della vista causata da un danno alle strutture cerebrali nella parte posteriore della testa. Il trattamento è necessario se si verificano sintomi:

  1. Atassia, andatura anormale. Disturbo della funzione motoria dovuto a compromissione della coordinazione durante la contrazione muscolare.
  2. Capogiri, disturbi della coscienza.
  3. Squilibrio nel movimento degli occhi.
  4. Nistagmo - frequente movimento involontario della pupilla.
  5. Disartria - un disturbo della funzione del linguaggio a causa della ridotta innervazione degli elementi dell'apparato vocale.
  6. Sindrome di Horner. I sintomi si manifestano principalmente sul viso sul lato della lesione del tessuto cerebrale. Le principali manifestazioni: ptosi (caduta della palpebra a causa di una ridotta innervazione dei muscoli), miosi (riduzione del diametro della pupilla), scarsa reazione della pupilla alla luce, iperemia unilaterale della pelle del viso.
  7. Disfunzione uditiva.

A volte si aggiungono ai sintomi elencati agnosia (alterazione della percezione uditiva, visiva, tattile mantenendo la coscienza), afasia (perdita della funzione della parola parzialmente o completamente), disorientamento nel tempo, luogo, situazione. Il VBI può manifestarsi come un ictus lacunare con i seguenti sintomi: emiparesi (paralisi parziale unilaterale), emiestestesia (perdita unilaterale di sensibilità), ematiaxia (disfunzione motoria su un lato del corpo).

La forma cronica della malattia si manifesta in modo identico nell'encefalopatia discircolatoria con sindrome vestibolo-atattica. Si manifesta come vertigini, sfarfallio di oggetti estranei ("mosche", macchie) davanti agli occhi, andatura anomala, compromissione della coordinazione motoria e nausea. Le vertigini sono un segno caratteristico di una condizione patologica. Con VBI, è necessariamente integrato con altri sintomi: disturbi motori, attacchi di caduta (attacchi improvvisi di caduta senza perdita di coscienza), disfunzione visiva.

Nell'insufficienza vertebro-basilare, si distinguono i sintomi parossistici e permanenti. Nel primo caso, i sintomi compaiono durante l'attacco e scompaiono dopo il suo completamento, nel secondo - rimane tra gli attacchi. La disfunzione venosa nelle pozze carotidea e vertebro-basilare si manifesta con l'acufene. Il paziente ha sintomi: mal di testa, disturbi motori e sensibilità, intorpidimento degli arti.

Ragioni per lo sviluppo

A causa della disfunzione del sistema arterioso vertebro-basilare, che fornisce sangue alle parti posteriori della testa: cervelletto, midollo allungato, parte del talamo, ipotalamo, parti posteriori dei lobi temporali e occipitali, la sindrome si sviluppa. Una delle cause principali è la stenosi (restringimento persistente) delle arterie extracraniche (esterne, situate sul lato esterno del cranio) - succlavia, vertebrale. Altre cause di sviluppo:

  1. Trombosi. Coaguli di sangue che ostruiscono il lume vascolare.
  2. Lesioni aterosclerotiche delle pareti vascolari.
  3. Displasia fibro-muscolare che causa deformità vascolari - aneurismi, stenosi.
  4. Compressione dell'arteria vertebrale associata a malattie come osteocondrosi, ernia del disco intervertebrale, spondilosi, osteofiti (escrescenze ossee) nella colonna vertebrale.
  5. Spasmo muscolare al collo.
  6. Dislocazione delle vertebre.
  7. Forma e posizione anomale delle arterie e delle vene (dissezione dell'arteria, aplasia - difetti dello sviluppo, malformazione - connessione errata degli elementi del sistema circolatorio tra loro), che si trovano nel bacino basilare.
  8. Processi infiammatori (malattia di Takayasu, vasculite, artrite).

Altre cause: mielopatia (violazione della conduttività delle strutture del midollo spinale), lesioni alla testa e al collo, instabilità delle vertebre. Ipertensione arteriosa, diabete mellito e eccesso di peso sono fattori provocatori. Le statistiche mostrano che l'infarto cerebrale causato dalla sindrome da insufficienza vertebro-basilare nel 43% dei pazienti si è sviluppato a causa dell'ostruzione del lume delle arterie principali, del 20% a causa di embolia cerebrale (coagulo di sangue nel sistema circolatorio del cervello) e del 19% a causa di embolia cardiogena ( coagulo di sangue nel sistema circolatorio dell'atrio).

Nel 18% dei pazienti, si sono verificati disturbi dovuti al blocco di piccoli vasi. Uno dei segni caratteristici della sindrome vertebro-basilare - emianopsia (cecità nella metà della visione visiva), sviluppato nel 96% dei casi, a seguito dell'occlusione (blocco) dell'arteria posteriore del cervello. La malattia vertebro-basilare nel 10% dei casi è accompagnata da emorragia cerebrale di tipo locale. Le patologie della colonna vertebrale nella colonna cervicale nel 70% dei casi portano a un flusso sanguigno alterato nelle vene del pool vertebro-basilare, a seguito del quale si sviluppa il circolo venoso.

Diagnostica

La visualizzazione delle strutture del tronco encefalico viene eseguita meglio utilizzando il metodo MRI. La risonanza magnetica consente di vedere i più piccoli focolai di lesioni ischemiche. Le immagini di tomografia computerizzata mostrano chiaramente la natura del tratto. Altri metodi strumentali:

  • Contrasto radiografico e angiografia a risonanza magnetica (studio degli elementi del sistema circolatorio). Mostra aree di danno alle arterie a causa di trombosi, aterosclerosi, effetti meccanici.
  • Scansione triplex. Esame ecografico in combinazione con dopplerografia. Le arterie extracraniche (esterne) sono chiaramente visibili, peggio ancora - elementi intracranici (interni, situati nella cavità cranica) del sistema circolatorio.
  • audiometria Studio dell'acuità uditiva e sensibilità uditiva.

Un esame del sangue mostra i cambiamenti caratteristici del diabete mellito, dell'aterosclerosi e dei processi infiammatori. Quando si effettua una diagnosi, vengono prese in considerazione le relazioni mediche di medici strettamente specializzati - un neurologo, un otoneurologo, un oculista.

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

Come trattare la malattia dirà al neurologo dopo aver ricevuto i risultati di un esame diagnostico. La terapia viene effettuata tenendo conto dei sintomi, della natura e delle cause prevalenti del danno al tessuto cerebrale. Se la malattia coronarica si sviluppa a causa dell'ostruzione del lume vascolare da parte di un trombo, vengono prescritti farmaci per prevenire la formazione di edema. Principalmente diuretici di tipo osmotico (glicerolo, mannitolo). Quando il VBI ha provocato un TIA o un ictus ischemico, è indicato l'uso prolungato di agenti antipiastrinici (clopidogrel, dipiridamolo, ticlopidina), che impedisce l'adesione piastrinica.

Terapia farmacologica

Nel trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare, i trombolitici sono usati raramente a causa dell'elevato rischio di emorragie e altre complicazioni. Se il paziente ha pronunciato cambiamenti aterosclerotici nella parete vascolare, sono indicati gli anticoagulanti (prevenire la formazione di coaguli di sangue) di azione indiretta (Dikumarin, Warfarin). Durante il trattamento, viene monitorato l'indice di protrombina. Altri gruppi di droghe:

  • Destrani a basso peso molecolare (Reomacrodex, Reopoliglyukin). Ridurre la viscosità e migliorare le proprietà reologiche del sangue.
  • Correttori di bozze di accidente cerebrovascolare (vinpocetina). Regola la microcircolazione, normalizza il deflusso venoso.
  • Sedativi (Betagistin, Bellataminal). Ridurre i sintomi neurologici, eliminare le vertigini.
  • Farmaci nootropici (Piracetam). Normalizza i processi metabolici nelle strutture cerebrali a livello cellulare.
  • Antagonisti del calcio (cininnarizina, verapamil). Ridurre l'eccitabilità dell'apparato vestibolare, avere un effetto vasodilatatore, contribuire al miglioramento del flusso sanguigno cerebrale.

Se vengono rilevati segni di carenza di ossigeno nei tessuti, vengono prescritti in parallelo antiipossanti (Actovegin, Citoflavina). I farmaci e il regime sono selezionati individualmente, tenendo conto dei fattori e delle malattie che hanno provocato la condizione patologica.

Intervento chirurgico

In casi urgenti, quando un disturbo del flusso sanguigno minaccia la vita del paziente, viene eseguita la decompressione chirurgica delle strutture cerebrali o degli elementi del sistema circolatorio. Quando la terapia farmacologica fallisce, viene indicato l'intervento chirurgico:

  1. Microdisectomy. Chirurgia mini-invasiva per rimuovere un disco intervertebrale con un'ernia formata.
  2. Endoarteriectomia. Intervento chirurgico per ripristinare il normale flusso sanguigno rimuovendo un'area della parete vascolare con danno aterosclerotico.
  3. Ricostruzione del disco intervertebrale.
  4. Angioplastica arteriosa. Installazione di uno stent all'interno di un vaso danneggiato per espandere artificialmente il lume.

La trombectomia meccanica comporta la rimozione di coaguli di sangue che impediscono il movimento del sangue nei vasi. Il tipo di operazione viene scelta dal neurochirurgo in base ai risultati dell'esame, tenendo conto delle cause della patologia.

Fisioterapia

Il programma di trattamento completo mostra esercizi terapeutici, massaggi e fisioterapia:

  • fotocromoterapia (in caso di disabilità visiva);
  • elettroforesi;
  • magnetoterapia;
  • terapia laser;
  • micropolarizzazione transcranica.

Ricette di medicina tradizionale

Il trattamento con rimedi popolari è efficace nelle prime fasi. I guaritori tradizionali raccomandano tinture, decotti preparati da piante medicinali con proprietà vasodilatanti, antinfiammatorie, immunomodulanti, antiipertensive. Le preparazioni domestiche a base di frutti di biancospino, rosa canina, melissa, veronica, motherwort, valeriana, vinca, menta espandono il lume vascolare, tonificano e rafforzano le pareti dei vasi sanguigni.

previsione

La previsione è favorevole. Se viene fatta la diagnosi corretta e vengono identificate le cause delle violazioni, la patologia è curabile. Se la malattia non viene curata, le condizioni del paziente peggiorano costantemente, aumenta il numero di attacchi ischemici temporanei (TIA), che possono successivamente portare a ictus, disabilità, morte.

Prevenzione

Per prevenire lo sviluppo della malattia, i medici raccomandano di sbarazzarsi di cattive abitudini, normalizzare il peso corporeo e organizzare la dieta giusta. Dosaggio utile, esercizio fisico regolare, passeggiate all'aria aperta. Le persone sopra i 50 anni hanno bisogno di un monitoraggio costante della pressione arteriosa e della glicemia.

Il VBI è una delle varianti del disturbo del flusso sanguigno cerebrale che si sviluppa a seguito di un danno agli elementi del sistema arterioso. La patologia rilevata nelle prime fasi è curabile.

Insufficienza vertebro-basilare: sintomi, trattamento

La sindrome da insufficienza vertebro-basilare (VBI) comporta un complesso di sintomi caratteristici dell'insufficienza di afflusso di sangue a determinate parti del cervello alimentate dai vertebrati e dall'arteria principale. Inoltre, le ragioni del suo sviluppo possono essere diverse.

La sindrome è comune, ha, di regola, una forma cronica, mentre gli attacchi acuti procedono come attacchi e colpi ischemici. Come si manifesta l'insufficienza vertebro-basilare, i suoi sintomi e il trattamento, più avanti nell'articolo.

Qual è il sistema vertebro-basilare

Al cervello viene fornito sangue da due arterie principali: la carotide interna (carotide) e la vertebrale (vertebrale). La maggior parte del cervello (emisfero) è alimentato dal bacino dell'arteria carotide.

L'arteria vertebrale rappresenta circa il 30% del flusso sanguigno cerebrale. Parte dall'arteria succlavia, passa nel canale formato dalle aperture dei processi trasversali delle vertebre cervicali. Penetrando nello spazio cranico, entrambe le arterie vertebrali (destra e sinistra) si fondono l'una con l'altra e formano l'arteria basilare (principale). Si trova sulla superficie inferiore del midollo allungato, i rami che alimentano il cervelletto, il ponte, il mesencefalo, il tubercolo ottico, i lobi occipitali, l'ipotalamo e il talamo, ne lasciano la colonna cervicale.

Di conseguenza, in caso di disturbi del flusso sanguigno nelle arterie vertebrali o principali, le funzioni di cui sono responsabili queste parti del cervello: coordinazione, udito, visione, deglutizione, sensibilità e movimenti degli arti superiori, memoria, attenzione ne risentiranno.

Le ragioni

  • Aterosclerosi con sviluppo di stenosi delle arterie succlavia o vertebrale.
  • Trombosi dell'arteria vertebrale o principale.
  • Osteocondrosi del rachide cervicale (un'arteria può essere compressa dagli osteofiti, un'ernia del disco, una vertebra scivolosa (spondilolistesi).
  • Anomalie nello sviluppo dei vasi sanguigni - ipoplasia, tortuosità patologica, ramo atipico.
  • Arterite - una malattia vascolare infiammatoria (ad es. Sindrome di Takayasu).

L'osteocondrosi del rachide cervicale è una delle cause del VBI

Fattori di rischio per lo sviluppo di VBI

Se una persona ha un'anomalia congenita nello sviluppo dei vasi sanguigni o osteocondrosi del rachide cervicale, ciò non significa affatto che svilupperà necessariamente insufficienza circolatoria in questo pool. Ma con alcuni fattori di rischio, la probabilità di questo aumenta.

  • Dislipidemia: colesterolo alto e violazione del rapporto lipoproteine.
  • Ipertensione arteriosa non trattata.
  • Aumento della viscosità del sangue.
  • Diabete.
  • Abuso di alcool.
  • fumo.
  • Disturbi del ritmo cardiaco.
  • Cardiopatia valvolare con un aumentato rischio di trombosi.

Per provocare l'insorgenza di un attacco ischemico nel letto vertebro-basilare può:

  • Crisi ipertensiva.
  • Un forte calo della pressione sanguigna.
  • Posizione della testa scomoda prolungata.
  • Una curva acuta o collo oversize.
  • Fatica.
  • Massaggio non professionale o terapia manuale.
  • Lesioni alla testa o al collo.

Gli occhi raddoppiati e sfocati, l'acufene, le vertigini sono alcuni dei sintomi del VBI.

Sintomi

  • Capogiri, spesso accompagnati da nausea, vomito.
  • Squilibrio (insicurezza, instabilità quando si cammina).
  • Dolori gravi localizzati nella regione occipitale.
  • Visione doppia.
  • Visione offuscata, sensazione di pulsazione davanti agli occhi, intolleranza a colori vivaci.
  • Perdita dell'udito.
  • Rumore nelle orecchie.
  • Una netta restrizione dei campi visivi fino alla cecità a breve termine.
  • Distrazione, disorientamento.
  • svenimenti.
    Attacchi di caduta (cadute senza perdita di coscienza).
  • Disturbo della deglutizione.
  • Neurite facciale (asimmetria facciale).
  • Non molto pronunciato, ma possono anche apparire disturbi motori: una sensazione di debolezza degli arti, insicurezza nei movimenti.
  • La violazione della sensibilità, più spesso bilaterale, ad esempio, l'intera faccia può essere insensibile.

In base alla gravità dei sintomi, sono possibili le seguenti opzioni VBI:

  1. Un inizio acuto, che dura da alcuni minuti a diverse ore - attacchi ischemici transitori (TIA). È caratterizzato da uno sviluppo molto rapido dei sintomi e dalla loro scomparsa nel giro di un giorno. Circa il 70% di tutta la TIA si sviluppa nel bacino vertebro-basilare. Il 30% può portare a ictus ischemico.
  2. Se i sintomi persistono per più di un giorno, ma regrediscono in 3 settimane, dicono un piccolo ictus ischemico.
  3. I casi in cui i sintomi del deficit neurologico rimangono per più di 3 settimane sono definiti come un ictus ischemico completato nel pool di bilanciamento del bianco.
  4. Il decorso cronico di VBI si manifesta con attacchi ripetuti, ma tra i sintomi persistono alcuni sintomi di insufficienza vertebro-basilare. Ad esempio, una persona può essere disturbata da persistenti mal di testa nella regione occipitale, compromissione della coordinazione (atassia), vertigini, acufene, perdita dell'udito, compromissione della memoria.

Insufficienza vertebrobasillare nei bambini

In precedenza si credeva che questa patologia si riscontra solo nelle persone anziane e di mezza età. Tuttavia, oggi è stato stabilito che VBI si verifica spesso nei bambini. I più colpiti da questa malattia sono i bambini di 3-4 anni, 7-10 e 12-14 anni.

Molto spesso, la causa sono anomalie congenite delle arterie vertebrali e principali. Sintomi di VBI nei bambini:

  • Mal di testa compressivo con seduta prolungata, eccitazione.
  • Affaticamento, ridotta attenzione e perdita di memoria.
  • Sonnolenza.
  • Svenimento, vertigini con nausea.

Tali bambini, di regola, soffrono di postura compromessa, scoliosi.

Diagnosi di VBN

  • È possibile sospettare VBI da lamentele e sintomi, soprattutto se si sono sviluppati in modo acuto.
  • All'esame, un neurologo può identificare:
    • Nistagmo - movimenti oscillatori involontari dei bulbi oculari quando si guarda di lato.
    • Lesioni del nervo cranico (asimmetria facciale, strabismo).
    • Verifica test di coordinazione, sensibilità.
    • Confronta la forza dell'arto.
    • Identificare i riflessi patologici.
  • Esame ecografico dei vasi sanguigni (USDG) - scansione duplex delle arterie vertebrali e intracerebrali. Consente di ottenere dati sulla loro pervietà, grado di stenosi, presenza di placche aterosclerotiche, velocità del flusso sanguigno. L'USDG può essere eseguito con test funzionali (curve e inclinazioni della testa).
  • La radiografia del rachide cervicale aiuterà a identificare le cause del VBI spondylogenic: osteocondrosi, spondiloartro, spondilolistesi, anomalie delle strutture ossee. Eseguito anche con test funzionali..
  • Risonanza magnetica della colonna cervicale.
  • Risonanza magnetica - l'angiografia è meno accessibile, ma fornisce informazioni chiare sulle condizioni delle arterie principali della testa.
  • L'angiografia a contrasto di raggi X viene eseguita quando si pianificano interventi chirurgici o trombolisi (dissoluzione di un trombo).

Tattica nell'identificazione di VBN

I pazienti con VBI acuto con sospetto attacco ischemico transitorio devono essere ricoverati al più presto nel centro vascolare.

Le tattiche di primo soccorso sono le stesse del colpo sospetto:

  • Il paziente deve essere disteso con la testa leggermente sollevata (circa 30 gradi).
  • Ridurre al minimo i movimenti della testa.
  • Non è possibile ridurre drasticamente la pressione sanguigna (se si sospetta un ictus, la pressione sanguigna deve essere ridotta gradualmente e solo con numeri superiori a 200 mm r.s.)
  • Masticare o frantumare 10 compresse (1 g) di glicina in polvere.

I pazienti con insufficienza vertebro-basilare cronica vengono esaminati e osservati da un neurologo. I sintomi caratteristici di questa patologia possono essere osservati in molte malattie, quindi un'attenta diagnosi differenziale è molto importante qui..

Trattamento

  • Con un'esacerbazione della malattia, è necessario garantire la massima pace con movimenti della testa limitati. In caso di instabilità nella regione cervicale, è possibile utilizzare un collare con gambo..
  • Terapia neuroprotettiva. Ha lo scopo di ridurre l'ischemia cerebrale e l'attivazione della riserva cerebrovascolare. I farmaci usati sono:
    • Una soluzione di solfato di magnesio per via endovenosa.
    • Glycine.
    • Mexidol.
    • Cytoflavin.
    • Cerebrolysin.
    • Cortexin.
    • citicolina.
    • Actovegin.
  • Farmaci vasodilatatori.
    • Vinpocetine.
    • Cinnarizina.
    • Pentoxifylline.
  • Nootropi - Piracetam, Phenotropil, Phenibut, Picamilon, ecc..
  • Trattamento sintomatico.
    • Betagistin, Vertichogel, Meklosin, Diazepam sono usati per fermare le vertigini..
    • Con nausea e vomito, viene prescritto Metoclopramide, Domperidone.
  • Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare, finalizzata all'eliminazione delle cause e dei fattori provocatori.
    • L'uso di farmaci che abbassano il colesterolo nell'aterosclerosi.
    • Selezione di farmaci antiipertensivi per eliminare le cadute di pressione.
    • Trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco.
    • Secondo le indicazioni - assunzione di farmaci per fluidificare il sangue e prevenzione della trombosi.
    • Selezione di un'adeguata terapia ipoglicemizzante per il diabete.
    • Con VBI spondylogenic (associato a patologia del rachide cervicale), vengono anche utilizzati possibili metodi di trattamento non farmacologico: massaggio, terapia manuale, agopuntura, trattamento magnetico e laser, fonoforesi, ecc..

Trattamento chirurgico

In quali casi vengono eseguite operazioni con la sindrome VBI??

Il trattamento chirurgico darà un chiaro effetto quando è possibile rimuovere un'ostruzione meccanica al flusso sanguigno. Un tale ostacolo può essere una placca aterosclerotica nel lume della nave, negli osteofiti o in un'ernia intervertebrale che comprime l'arteria vertebrale dall'esterno.

I principali tipi di operazioni utilizzate nella patologia del flusso sanguigno vertebro-basilare:

  • Endarterectomia - rimozione di una placca aterosclerotica dal lume di un'arteria.
  • Microdisectomia - rimozione del disco intervertebrale.
  • Nucleoplastica - rimozione del nucleo di polpa sporgente.
  • Resezione di osteofiti (sporgenze ossee vertebrali invase).
  • Angioplastica dell'arteria vertebrale - stabilire uno stent speciale per espandere il suo lume.

Insufficienza vertebro-basilare (VBI) - che cos'è? Cause, manifestazioni, diagnosi, trattamento

L'insufficienza vertebro-basilare (VBI) è una violazione del funzionamento del cervello che è reversibile e causata da una violazione del suo afflusso di sangue nelle arterie vertebrali e basilari (principali).

Come risultato della formazione della sindrome da insufficienza vertebro-basilare, quasi ogni terzo paziente ha un ictus (incidente cerebrovascolare acuto).

E nel 70% dei casi, i disturbi circolatori transitori compaiono periodicamente.

Sistema circolatorio vertebro-basilare - che cos'è?

Le arterie vertebrali e principali accoppiate formano il cosiddetto pool o sistema vertebro-basilare. Sono responsabili dell'afflusso di sangue al midollo spinale cervicale e a diverse parti del cervello - tronco cerebrale, cervelletto, lobo occipitale, nonché alcune parti del lobo temporale, talamo e ipotalamo.

Ciò che costituisce il sistema vertebro-basilare?

L'arteria vertebrale (a. Vertebralis) è una coppia. Si ramifica da una delle arterie principali della metà superiore del corpo - l'arteria succlavia, che inizia nella cavità toracica. Entrambe le arterie vertebrali attraversano i lati della colonna cervicale (SHOP) e vengono inviate al cervello. Si trovano nel canale osseo, che è formato da buchi nei processi trasversali delle vertebre cervicali.

Inoltre, quando le arterie vertebrali si fondono, si forma un'arteria principale o basilare non accoppiata (a. Basillaris), situata nell'omonimo solco del ponte cerebrale.

Ragioni per lo sviluppo di VBN

L'insufficienza vertebro-basilare è congenita e acquisita. Il VBI congenito è il risultato di varie patologie durante la gravidanza e durante il parto.

Il VBI acquisito si verifica a causa di disturbi nei processi della normale circolazione sanguigna o dei vasi sanguigni. E anche con cambiamenti organici nella normale struttura della parete vascolare delle arterie vertebrali e / o principali. Le cause più comuni di tali cambiamenti sono:

  • osteocondrosi.
  • Infortuni in negozio.
  • Aterosclerosi.
  • Trombosi.
  • Lesioni infiammatorie della parete vascolare.
  • Ipertensione e altri.

L'osteocondrosi del rachide cervicale è la causa dello sviluppo della malattia in quasi la metà dei casi di tutto il VBI acquisito. Pertanto, ha senso considerare le sfumature della formazione di VBI sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale in modo più dettagliato.

Cosa succede con VBI e osteocondrosi cervicale?

Con lo sviluppo dell'osteocondrosi OST, si trovano spesso vari cambiamenti patologici nei corpi, negli archi e nei processi delle vertebre, nonché nell'apparato legamentoso della colonna vertebrale.

Molto spesso, la formazione di compressione (compressione) dell'arteria vertebrale è influenzata dagli osteofiti - escrescenze ossee sulle superfici articolari delle vertebre. Con l'instabilità dei segmenti vertebrali cervicali, il processo articolare della vertebra può spremere l'arteria.

Lo sviluppo di VBI sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale è anche chiamato sindrome dell'arteria vertebrale (o sindrome di Barre-Lieu), che tiene conto del livello di danno ai vasi sanguigni.

Manifestazioni di VBN

I sintomi dell'insufficienza vertebro-basilare nell'osteocondrosi cervicale sono piuttosto numerosi. Inoltre, la maggior parte di essi non è specifica per il VBI, il che complica in modo significativo la diagnosi.

Vertigini

Si verificano capogiri sistemici. Si manifesta con l'illusione della rotazione del proprio corpo o degli oggetti circostanti in una certa direzione nello spazio. Può essere causato da molte ragioni e non solo da VBN. Tuttavia, con la sindrome da insufficienza vertebro-basilare, sono spesso presenti deficit uditivi e visivi e altri sintomi neurologici non sono determinati.

Di solito si sviluppa parossisticamente. La sua durata va da alcuni secondi a diversi giorni. Provocare lo sviluppo di un attacco può:

  • inclinazione della testa, particolarmente acuta o all'indietro;
  • la posizione forzata del collo, ad esempio, con una postura scomoda durante il sonno, ecc..

L'attacco a volte è accompagnato da nausea e vomito, svenimento..

Squilibrio

Sensazione di squilibrio in piedi o camminando. Spesso combinato con vertigini. Inoltre, a volte ci possono essere attacchi di una forte caduta o improvvisa immobilità ("attacchi di caduta").

Problema uditivo

Di solito manifestato da una sensazione di acufene, che si verifica per la prima volta periodicamente, con posizioni forzate o errate della testa e del collo. Il rumore diventa costante nel tempo. Perdita dell'udito, si nota spesso dolore all'orecchio..

Deficit visivo

La lamentela più comune è la visione offuscata, così come la comparsa di "mosche" davanti agli occhi. A volte appare la diplopia: il raddoppio degli oggetti, mentre il paziente vede oggetti con un contorno sfocato o doppio. L'acuità visiva può diminuire..

Altri reclami e violazioni

Con lo sviluppo di VBI, i pazienti presentano molte lamentele. I più comuni, oltre a quanto sopra, sono:

  1. Mal di testa. Spesso si verifica nella parte posteriore della testa o su un lato della testa, ricorda quello di un'emicrania. La natura del dolore è di solito bruciore o sordo, pulsante.
  2. Memoria compromessa. Incapacità di assimilare nuovo materiale, dimenticanza rapida di eventi, "guasti della memoria".
  3. Disorientamento nel tempo, nel luogo e nella situazione.
  4. Debolezza, affaticamento.
  5. Maggiore irritabilità, sbalzi d'umore frequenti e altri segni di labilità emotiva.
  6. Manifestazioni dal sistema nervoso autonomo: "vampate di calore", aumento della sudorazione, aumento della frequenza cardiaca, ecc..

Il più specifico per l'insufficienza vertebro-basilare è il capogiro in combinazione con gli squilibri, nonché l'udito e la vista.

Diagnostica

Sulla base dei reclami caratteristici del paziente, nonché dei risultati dell'esame e di ulteriori metodi di ricerca.

ispezione

Quando si esamina un paziente, vengono eseguiti vari test neurologici funzionali per chiarire, ad esempio, le vertigini e valutare la gravità delle condizioni del paziente.

Inoltre, dopo l'esame, vengono rivelati segni che indicano la presenza di osteocondrosi di SHOP:

  • dolore e tensione muscolare nella colonna cervicale;
  • disturbi di intorpidimento e sensibilità degli arti superiori, ecc..

Metodi di ricerca aggiuntivi

Per chiarire la diagnosi, sono ampiamente utilizzati metodi diagnostici strumentali. Se sospetti un VBI, applica:

  • Esame a raggi X di SHOP per la diagnosi di osteocondrosi e / o per chiarire la posizione e l'estensione delle lesioni con esso.
  • Tomografia magnetica nucleare e computata (MRI e CT). Sono anche effettuati per la diagnosi dell'osteocondrosi. Sono metodi più moderni e precisi.
  • Angiografia - Radiografia o usando MRI, CT. Il metodo per introdurre il contrasto nella nave, che consente di identificare la sua patologia.
  • Ultrasuoni Doppler. Ti permette di caratterizzare accuratamente i disturbi nella sindrome dell'arteria vertebrale.
  • Audiometria, esame del fondo oculare e altri studi finalizzati alla diagnosi differenziale dei disturbi concomitanti in questa sindrome.

Va nuovamente sottolineato che spesso la diagnosi di insufficienza vertebro-basilare, che si è sviluppata sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale, è un compito piuttosto difficile. Pertanto, solo un medico dovrebbe stabilire una diagnosi e prescrivere un trattamento per VBI.

Trattamento

Quando si inizia il trattamento per la sindrome da insufficienza vertebro-basilare, è necessario prestare attenzione alla terapia disponibile per la causa principale di questa condizione: l'osteocondrosi cervicale. Infatti, in assenza di trattamento della causa principale della malattia, tutte le misure terapeutiche per VBI perdono il loro significato.

È necessario osservare il regime ortopedico: escludere il sovraccarico della colonna cervicale, indossare un collare con Shants.

farmaci

Vengono utilizzati vari gruppi di farmaci. I più comuni sono preparati vascolari che influenzano lo stato dei vasi sanguigni, migliorano la microcircolazione, il deflusso venoso, ecc. (Vinpocetina, Pentossifyline, Sermion, ecc.). Anche i farmaci nootropici che hanno un effetto positivo sui processi metabolici del cervello sono ampiamente utilizzati (Piracetam, Fezam).

Trattamento sintomatico e riparativo.

Fisioterapia

L'uso di droghe è impossibile senza trattamento con fattori fisici, dal momento che le lesioni organiche di SHOP con droghe, sfortunatamente, non possono essere riparate.

La maggior parte di questi metodi di trattamento sono utilizzati solo durante il periodo di riduzione delle manifestazioni cliniche - remissione.

Più spesso con la fisioterapia vengono utilizzati:

  • Terapia manuale e massaggio. Sono i principali metodi di trattamento per l'osteocondrosi.
  • UHF.
  • Trattamento ad ultrasuoni.
  • magnetoterapia.
  • Elettroforesi con vari farmaci.
  • Balneoterapia (bagni terapeutici, docce).
  • Bagni di paraffina e altri trattamenti.

Con insufficienza vertebro-basilare e osteocondrosi cervicale, è obbligatorio l'esercizio regolare di esercizi di fisioterapia con una serie di esercizi appositamente selezionati.

Questi esercizi hanno lo scopo di rafforzare il busto muscolare del collo e di tutto il corpo, migliorare la circolazione sanguigna, ripristinare la mobilità delle vertebre.

In conclusione, dovremmo ancora una volta ricordare la necessità di un trattamento combinato della sindrome VBI e la condizione che l'ha causata - osteocondrosi del rachide cervicale.

Insufficienza vertebro-basilare: sintomi, diagnosi, trattamento

L'arteria vertebrale si trova sul retro della colonna vertebrale e fondendosi con l'arteria vertebrale del lato opposto forma l'arteria basilare. Queste arterie forniscono sangue, ossigeno e sostanze nutritive alle strutture cerebrali vitali come il tronco encefalico, i lobi occipitali e il cervelletto. Disturbo circolatorio nel pool di cui sopra e si chiama - insufficienza vertebro-basilare.

Una condizione chiamata aterosclerosi riduce o arresta il flusso di sangue attraverso il sistema vertebro-basilare. L'aterosclerosi è caratterizzata da restringimento e blocco delle arterie a causa della deposizione di colesterolo in esse. Maggiori informazioni su questo: la placca, che consiste di colesterolo e calcio, si accumula nelle arterie, restringendo il loro lume, forma di placche di colesterolo e, di conseguenza, diminuisce il flusso di sangue al cervello. Le placche di colesterolo possono bloccare completamente il flusso sanguigno nelle arterie causando la loro stenosi assoluta, che può causare un ictus. Questo può accadere in qualsiasi arteria del tuo corpo. Quando questo si verifica nelle arterie del sistema vertebro-basilare, riduce il flusso di sangue alle strutture nella parte posteriore del cervello. Questa condizione è nota come insufficienza vertebro-basilare (VBI).

Cosa causa VBN?

La sindrome da insufficienza vertebro-basilare si verifica quando il flusso sanguigno verso la parte posteriore del cervello diminuisce o si interrompe. L'aterosclerosi è nota per essere la causa più comune della malattia. A sua volta, un importante ruolo eziologico è svolto dall'osteocondrosi cervicale, caratteristiche dello sviluppo dei vasi sanguigni nel bacino vertebro-basilare: aplasia e ipoplasia delle arterie vertebrali o dell'arteria principale, il loro decorso patologico (tortuosità).

Chi è a rischio di sindrome da insufficienza vertebro-basilare?

I fattori di rischio per lo sviluppo di VBI sono simili a quelli associati allo sviluppo dell'aterosclerosi. Questi includono:

  • fumo
  • ipertensione (ipertensione)
  • diabete
  • obesità
  • oltre 50 anni
  • storia famigliare
  • lipidi nel sangue elevati (noti come iperlipidemia, dislipidemia)

Le persone che soffrono di aterosclerosi o malattia dell'arteria periferica hanno anche un aumentato rischio di sviluppare insufficienza vertebro-basilare.

Quali sono i sintomi dell'insufficienza vertebro-basilare?

I sintomi variano a seconda della gravità della condizione. Alcuni sintomi possono durare per alcuni minuti e alcuni possono diventare permanenti. I sintomi comuni dell'insufficienza vertebro-basilare includono:

  • Perdita o compromissione della vista in uno o entrambi gli occhi
  • Visione doppia
  • vertigini (vertigini)
  • intorpidimento o formicolio alle braccia o alle gambe
  • nausea e vomito
  • biascicamento
  • cambiamenti nello stato mentale, inclusa talvolta la confusione
  • la debolezza improvvisa e grave in tutto il corpo ha chiamato un attacco di caduta
  • perdita di equilibrio e coordinazione dei movimenti
  • difficoltà a deglutire
  • debolezza in qualsiasi arto

I sintomi dell'insufficienza vertebro-basilare acuta sono simili a un ictus. Cercare assistenza medica di emergenza se si verificano questi sintomi. Le cure mediche immediate aumenteranno le possibilità di guarigione se questi sintomi sono il risultato di un ictus..

Diagnosi VBI?

Il medico effettuerà un esame neurologico obiettivo, ti chiederà delle tue malattie croniche e, in alcuni casi, può prescrivere:

  • Scansione duplex CT o MRI, BCS
  • angiografia a risonanza magnetica (MRA)
  • esame del sangue, coagulogramma
  • ecocardiografia
  • in rari casi, un medico ospedaliero può anche prescrivere una puntura spinale.

Il ruolo principale nella diagnosi di NMC nella VBB è attualmente la risonanza magnetica e la TC nonché la scansione ecografica dei vasi brachiocefalici. Quando si diagnostica l'insufficienza vertebro-basilare, è necessario tenere conto del fatto che i sintomi della malattia spesso non sono specifici e possono essere il risultato di un'altra patologia neurologica o di altro tipo, che richiede un'attenta raccolta della puntura del paziente, storia della malattia, esami fisici e strumentali per identificare la causa principale della sua insorgenza.

Ultrasuoni dei vasi brachiocefalici

Distingua gli ultrasuoni dei vasi cerebrali e gli ultrasuoni dei vasi del collo. Spesso sono tenuti insieme, questo crea una visione olistica dei vasi che riforniscono il cervello di sangue. La tecnica comprende lo studio delle arterie carotidi, delle arterie succlavia e vertebrale, delle vene del collo e delle arterie principali del cervello.

L'immagine ecografica dei vasi della testa e del collo è ottenuta dal fatto che le onde ultrasoniche emesse da speciali sensori ad ultrasuoni, che attraversano un vaso sanguigno, si riflettono in modo diverso dai globuli rossi, a seconda della direzione e della velocità del flusso sanguigno. Le onde riflesse vengono catturate da un sensore a ultrasuoni e, dopo essere state convertite in impulsi elettrici, vengono visualizzate sul monitor in tempo reale sotto forma di grafici e fotografie a colori che rappresentano il flusso di sangue attraverso i vasi sanguigni. L'ecografia vascolare consente di vedere i vasi "dall'interno" e "all'esterno" in tempo reale, rendendo così possibile determinare i cambiamenti nel flusso sanguigno nei vasi associati a spasmo, restringimento o trombosi.

Durante la dopplerografia, è possibile studiare solo una funzione: la pervietà vascolare, per chiarire il grado di occlusione in%, inoltre, la scansione duplex ultrasonica dei vasi (SPL), consente di valutare simultaneamente due funzioni: studiare la struttura dei vasi sanguigni e valutare la velocità del flusso sanguigno e la scansione triplex ultrasonica per studiare tre funzioni :

  • studio della struttura dei vasi sanguigni;
  • stimare il flusso sanguigno
  • valutazione accurata della pervietà vascolare in modalità colore.

Angiografia a risonanza magnetica - MRA

L'MRA o l'angiografia a risonanza magnetica è un metodo informativo e sicuro per la diagnostica delle radiazioni che non utilizza le radiazioni a raggi X, consente di creare un'immagine tridimensionale del letto vascolare del cervello.

Questo studio ci consente di prescrivere il trattamento appropriato in modo tempestivo e, quindi, migliorare la prognosi del decorso della malattia, inoltre, sulla base dei dati MPA, è possibile condurre un esame preoperatorio in caso di stent o angioplastica.
Utilizzando l'angiografia RM, diagnosticano:

  • aneurismi e anastomosi patologiche;
  • stenosi vascolare e occlusione;
  • malformazioni vascolari;
  • alterazioni aterosclerotiche nelle arterie del collo e del cervello.

L'angiografia RM delle arterie del cervello viene eseguita senza contrasto: questo è un vantaggio decisivo.

Per chiarire il livello e il grado di danno al tratto uditivo, viene prescritto uno studio sui potenziali evocati uditivi. Le consultazioni di uno specialista ORL, di un audiologo, di un audiogramma sono prescritte ai fini della diagnosi differenziale.
Risonanza magnetica della colonna cervicale per effetti vertebrali sull'arteria vertebrale.

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

Il medico può raccomandare diverse opzioni di trattamento a seconda della gravità dei sintomi. Possono anche essere consigliati cambiamenti nello stile di vita, tra cui:

  • smetti di fumare se fumi
  • cambiamenti dietetici per controllare il colesterolo nel sangue
  • perdita di peso se si è in sovrappeso o obesi
  • stile di vita più mobile, esercizi di terapia fisica

Inoltre, il medico può prescrivere farmaci per aiutare a ridurre il rischio di ictus, la gravità degli effetti dell'ischemia cerebrale cronica nel WBD. Nel caso di aterosclerosi stenotica delle arterie della testa, un'elevata probabilità di trombosi o embolia, il rischio di re-ictus nei pazienti sottoposti a un attacco ischemico transitorio nel WB, vengono prese misure preventive per eliminare i fattori di rischio esistenti.

  • Questi farmaci hanno lo scopo di:
  • controllo della pressione arteriosa
  • controllo della glicemia
  • abbassando il colesterolo nel sangue
  • miglioramento della circolazione sanguigna
  • riduzione della coagulazione del sangue

In caso di un deficit neurologico acuto - sindromi alternate, insufficienza cerebellare, bovino negativo, il paziente deve essere urgentemente ricoverato nel centro vascolare dal dipartimento neurologico per escludere un ictus nella Banca Mondiale.

Secondo i farmaci più efficaci per la prevenzione secondaria dell'ictus ischemico:

  • acido acetilsalicilico
  • dipiridamolo
  • iklopidin
  • carillon
  • clopidogrel.

Il gold standard per la prevenzione dell'ictus fino ad oggi rimane l'aspirina alla dose di 75-150 mg / die..

L'insufficienza vertebro-basilare cronica è spesso accompagnata da colesterolo elevato e (o) dislipidemia, possono verificarsi aterosclerosi delle arterie basilari o vertebrali. In questa situazione, dato il livello di colesterolo,% di stenosi delle arterie del bacino vertebro-basilare e delle arterie carotidi, la patologia di accompagnamento può sollevare la questione della necessità di statine, ad esempio atorvastatina alla dose di 10 mg / die. LDL di 1,0 mmol / L riduce il rischio di tutti i colpi del 10% e di 1,8 mmol / L - del 17%. In generale, secondo una serie di studi, l'uso di statine per 3-5 anni può ridurre il rischio di ictus del 24-36% nel VBI cronico.
Gli esercizi di fisioterapia e l'esercizio moderato riducono significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e ictus.È statisticamente notato che le persone con attività moderata o alta hanno un tasso di ictus inferiore rispetto alle persone che soffrono di inattività fisica. Inoltre, una moderata attività fisica aiuta a ridurre il rischio negli uomini e nelle donne del 20%, un'elevata attività fisica - del 27%. Ciò è dovuto al fatto che c'è una tendenza a ridurre la pressione sanguigna e il peso corporeo, i vasi sanguigni si espandono, la tolleranza al glucosio migliora.

Correzione dello stress ossidativo e terapia neurometabolica per VBI

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare con mexidol. Il mexidol è costituito da due composti legati e funzionalmente significativi: 2-etil-b-metil-3-idrossipiridina e acido succinico. La presenza di 3-idrossipiridina nella struttura di Mexidol fornisce un complesso dei suoi effetti antiossidanti e membranotrol, la capacità di ridurre la citotossicità del glutammato, regolare il funzionamento dei recettori, che distingue fondamentalmente Mexidol da altri farmaci contenenti acido succinico.
La presenza di succinato nella struttura del mexidol lo distingue dall'emoxipina e da altri derivati ​​della 3-idrossipiridina, poiché il succinato è funzionalmente significativo per molti processi nel corpo e, in particolare, è un substrato per aumentare il metabolismo energetico nella cellula. La combinazione di due composti con le proprietà necessarie nella struttura del mexidol assicura il suo buon passaggio attraverso la barriera emato-encefalica, elevata accessibilità ed effetti su vari bersagli, il che si traduce in una vasta gamma di effetti farmacologici e un elevato potenziale terapeutico. Mexidol viene prescritto 500 mg / die per via parenterale per 2 settimane, seguito da un passaggio a una società di compresse da 125-250 mg (1-2 compresse) 3 volte al giorno per almeno 1 mese. Inoltre, vengono utilizzati farmaci neurometabolici gliatilin, neuromidin, combilipen..

Viene utilizzato un farmaco con effetto antiipossico della citoflavina.

Sullo sfondo di un trattamento complesso di pazienti con insufficienza vertebro-basilare usando citoflavina, ci sono dinamiche positive di sintomi clinici: vertigini, disturbi visivi, sindrome cefalica. È caratterizzato da un tasso accelerato di normalizzazione rispetto ai metodi tradizionali di terapia. La citoflavina ha un effetto regolatorio su
resistenza circolatoria periferica nelle arterie vertebrali, reattività vasomotoria nell'arteria principale, che indica un miglioramento della reattività cerebrovascolare e un aumento delle capacità compensative del flusso sanguigno nel pool WBB.

Correzione significativa della pressione arteriosa, terapia disaggregante per vari disturbi del ritmo cardiaco.

Trattamento chirurgico dell'insufficienza vertebro-basilare

In alcuni casi, il medico può raccomandare una consultazione con un angiosurgeon che può prescrivere un'operazione per ripristinare il flusso sanguigno nella parte posteriore del cervello. Shunt o endarterectomia come opzioni. L'endarterectomia è la rimozione di una placca aterosclerotica dall'arteria colpita..

Con l'aterosclerosi cerebrale stenotica, in caso di stenosi critica delle arterie, vengono eseguiti i seguenti interventi chirurgici:

  • angioplastica delle navi corrispondenti
  • stenting delle navi corrispondenti
  • endoarteriectomia
  • imposizione di anastomosi extracraniche e intracraniche.

Prevenzione VBN?

A volte una malattia non può essere prevenuta. Ciò può verificarsi nelle persone anziane che hanno avuto un ictus precedente. Tuttavia, ci sono misure che riducono lo sviluppo di aterosclerosi e VBN.

Questi includono:

  • smettere di fumare
  • controllo della pressione arteriosa
  • controllare lo zucchero nel sangue
  • seguendo una dieta sana ricca di frutta, verdura, cibi integrali
  • attività fisica

Qual è la prospettiva a lungo termine di una malattia?

La prognosi dipende dai sintomi attuali, dallo stato di salute fisica e dall'età. I pazienti più giovani che manifestano lievi sintomi di insufficienza vertebro-basilare possono controllarli con cambiamenti dello stile di vita e terapia farmacologica e di solito hanno una buona prognosi. La vecchiaia, un corpo indebolito e le malattie concomitanti croniche possono influenzare negativamente il corso del processo patologico. Parla con il tuo medico di trattamenti e farmaci per aiutare a prevenire o ridurre i sintomi della VFD..

VBN sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Da questo articolo imparerai: le cause e il meccanismo di sviluppo dell'insufficienza vertebro-basilare sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale (VBN abbreviato). Sintomi, caratteristiche e possibili complicanze della patologia. Metodi di trattamento.

Autore dell'articolo: Victoria Stoyanova, medico di seconda categoria, responsabile del laboratorio presso il centro diagnostico e terapeutico (2015-2016).

L'insufficienza vertebro-basilare (VBI) è un complesso di sintomi che si verificano quando vi è una violazione dell'apporto di sangue ad alcune parti del cervello.

La causa del VBI è un restringimento del lume dell'arteria vertebrale, che si verifica con osteocondrosi cervicale progressiva. L'insufficienza vertebro-basilare è una complicanza comune dell'osteocondrosi cervicale. Con osteocondrosi toracica o lombare, non si verifica, poiché è nel collo che i vasi che forniscono sangue al cervello passano e vengono compressi.

Non abbastanza ossigeno e sostanze nutritive penetrano in alcune parti del cervello a causa della compressione del lume della nave:

  • sporgenza erniaria del disco intervertebrale (ernia);
  • escrescenze ossee, che alla fine si formano lungo i bordi dei corpi vertebrali nell'osteocondrosi;
  • tessuti infiammati, gonfi o spasmodici.
Compressione dell'arteria vertebrale sinistra da un ernia del disco. Clicca sulla foto per ingrandire Escrescenze ossee lungo i bordi dei corpi vertebrali (osteofiti): 1 - normale; 2,3,4 - osteofiti di varie dimensioni

Di conseguenza, le funzioni cerebrali sono compromesse. Una persona ha vari sintomi di insufficienza vertebro-basilare: si sviluppa mal di testa, disturbi sensoriali, coordinazione, vestibolopatia.

La vestibulopatia è una delle manifestazioni del VBI cronico. Questa è una combinazione di sintomi causati da un funzionamento alterato dell'apparato vestibolare (il corpo responsabile dell'equilibrio, dell'orientamento spaziale). Questa sindrome è caratterizzata da insorgenza improvvisa di vertigini, che è accompagnata da nausea, vomito e si intensifica con eventuali movimenti della testa.

I sintomi di VBI compaiono nel 60-70% dei pazienti con osteocondrosi cervicale, più spesso dopo 40 anni.

  • donne (gli uomini soffrono 3 volte meno spesso);
  • persone che trascorrono molto tempo in una posizione scomoda sul desktop, sul computer (impiegati).

L'osteocondrosi cervicale non può essere curata. Ma le sue complicazioni, se i cambiamenti non sono diventati irreversibili, puoi sbarazzartene. Tuttavia, molto spesso l'insufficienza vertebrale-basilare diventa cronica e peggiora regolarmente (i sintomi si attenuano e poi si intensificano).

La patologia è pericolosa: può causare un ictus (carenza di ossigeno acuto delle cellule cerebrali con grave compromissione delle sue funzioni).

Se compaiono segni di VBI, dovresti consultare un neurologo, neurologo.

Il meccanismo di sviluppo della patologia

Le arterie vertebrali (o vertebrali) sono grandi vasi accoppiati che si alzano dal collo alla testa. Iniziano alla base del collo e passano attraverso i fori nei processi trasversali delle vertebre su entrambi i lati della colonna vertebrale.

Piscina vertebro-basilare: quattro parti (segmenti) dell'arteria vertebrale accoppiata e dell'arteria basilare. Clicca sulla foto per ingrandirla

Alla base del cranio, queste navi si fondono in una grande arteria basilare, che fornisce le aree del cervello che sono responsabili di funzioni come:

  1. Audizione.
  2. Sensibilità di alcune parti del corpo.
  3. Orientamento allo spazio.
  4. Attenzione, memoria, coordinazione dei movimenti.

A causa della loro compressione, il flusso sanguigno della nave si restringe e la quantità di sangue, e con essa i nutrienti (glucosio) e l'ossigeno, diminuiscono.

Ciò porta a metabolismo alterato e funzione del tessuto nervoso del cervello. Maggiore è l'area "affamata", maggiori sono i sintomi dell'insufficienza basilare in una persona.

Cosa può ridurre il lume della nave con osteocondrosi cervicale? I cambiamenti nella struttura del disco intervertebrale portano gradualmente al fatto che la sua parte esterna (membrana fibrosa) si spezza, perdendo densità.

E la parte interna, sotto la pressione dei corpi vertebrali, viene gradualmente "forzata" attraverso il guscio verso l'esterno (sporgenza), e quindi lo spezza completamente (ernia).

Fasi di ernia del disco: sporgenza, ernia formata

Nell'area della sporgenza, i muscoli sono tesi, durante l'esacerbazione, si forma un focus di infiammazione asettica, appare l'edema.

Nel tempo, i bordi dei corpi vertebrali adiacenti al disco intervertebrale danneggiato sono ricoperti da crescite ossee (mentre il corpo cerca di ridurre la pressione sul disco intervertebrale).

Tutte queste formazioni e formazioni (edema, spasmo muscolare, punte ossee, protrusione erniale, tessuto che fuoriesce dal disco intervertebrale durante la sporgenza) possono comprimere l'arteria e ridurre il lume della nave.

Inoltre, lo spostamento delle vertebre o la debolezza dei legamenti che tengono in posizione le vertebre può portare alla compressione dell'arteria. Ciò porta al fatto che i fori attraverso i quali passano i vasi sono deformati, cambiano forma, creando un ostacolo al normale flusso sanguigno.

Compressione vertebrale dell'arteria vertebrale

Cause di VBI nell'osteocondrosi

Il motivo principale per lo sviluppo dell'insufficienza vertebro-basilare è una violazione del flusso sanguigno causata dalla compressione dell'arteria vertebrale (vertebrale):

  • muscoli tesi;
  • tessuto infiammato ed edematoso durante l'esacerbazione dell'osteocondrosi cervicale;
  • ernie e sporgenze dei dischi intervertebrali nel collo;
  • punte ossee (osteofiti), che circondano i corpi vertebrali;
  • vertebre spostate (con instabilità della colonna cervicale).

Sintomi e loro caratteristiche

I sintomi di VBN sono molto diversi e numerosi. A volte non sono molto pronunciati e dopo un po 'passano da soli. Ma allo stesso tempo possono essere ripetuti con la successiva esacerbazione dell'osteocondrosi.

Nel decorso cronico della malattia, le convulsioni (esacerbazione dei sintomi) sono sostituite da periodi di remissione, durante i quali il paziente mantiene di solito alcuni sintomi residui della malattia (ad esempio, deficit dell'udito o della memoria).

Manifestazioni acute di insufficienza vertebro-basilare si verificano se il lume della nave si chiude improvvisamente più del solito (ciò accade con l'osteocondrosi cervicale dovuta alla mobilità del collo).

In questo caso, i sintomi aumentano rapidamente. In una persona, appare un mal di testa e si intensifica rapidamente, si verificano vertigini, l'orientamento spaziale è disturbato, ecc. Tali attacchi sono chiamati attacchi ischemici transitori (che si verificano con carenza acuta di ossigeno nei tessuti e funzionalità compromessa, in breve - TIA). Nel 30% dei casi, portano allo sviluppo di ictus ischemico..

L'insufficienza basilare influisce notevolmente sulla qualità della vita del paziente.

Durante convulsioni:

  • panico;
  • è difficile muoversi (l'andatura diventa insicura, il paziente può oscillare da un lato all'altro, non naviga nello spazio, può perdere conoscenza e cadere);
  • è difficile girare la testa (a causa del dolore);
  • può mescolare, vomitare, vomitare;
  • ci sono disabilità visive (al posto degli oggetti, una persona vede punti sfocati o luminosi, punti, mosche) e l'udito (fino a quando la sordità temporanea, come se un cuscino fosse posizionato sull'orecchio).

I segni più comuni di VBI contro l'osteocondrosi cervicale:

Vestibulopatia (una sindrome causata da un danno all'apparato vestibolare)

Vertigini improvvise, aggravate dal girare la testa, che a volte è accompagnata da nausea, vomito

Mal di testa (sindrome cefalica)

Dolore pulsante o sordo nella parte occipitale della testa, diverso per forza e intensità

Sfarfallio di mosche o punti luminosi davanti agli occhi, oscuramento, cecità temporanea (oggetti sfocati), diplopia (una persona inizia a raddoppiare nei suoi occhi, non riesce a focalizzare gli occhi)

Tinnito (di varia intensità), congestione, perdita dell'udito (spesso da un lato)

Mancanza di coordinazione dei movimenti

Incapacità di navigare nello spazio, movimenti incerti, instabilità, barcollamento mentre si cammina

Improvvisa funzione motoria e caduta

La condizione ricorda un svenimento, durante il quale una persona non perde conoscenza

Perdita di coscienza a breve termine

Letargia, debolezza, sbalzi d'umore, ipersensibilità e affaticamento

Disturbi del linguaggio, della memoria, della deglutizione, della sensibilità del cuoio capelluto e del collo

Con VBI contro l'osteocondrosi, tutti i sintomi possono apparire all'improvviso e in qualsiasi combinazione.

Cosa è pericoloso VBN? Con ogni nuovo attacco, aumenta la probabilità di sviluppare un ictus, disabilità, disabilità e persino la morte.

Nel VBI, sullo sfondo di un'altra patologia (ipertensione, anomalie delle vertebre o delle arterie vertebrali), si verificano gli stessi sintomi. È impossibile stabilire la causa del VBI sulla base di semplici segni. È necessario un ulteriore esame: radiografia, TC o risonanza magnetica della colonna cervicale, cervello.

Diagnostica

Caratteristiche caratteristiche che consentono di sospettare VBI durante l'interrogatorio e l'esame del paziente:

  1. Presenza di più sintomi contemporaneamente (triade diagnostica): vertigini, disturbi visivi e compromissione della coordinazione dei movimenti.
  2. La presenza di nistagmo: movimenti oscillatori involontari e fluttuanti degli occhi quando distoglie lo sguardo lateralmente.
  3. Esecuzione incerta del coordinamento (esercizi di coordinamento) e altri test diagnostici.

Gli studi strumentali possono chiarire la diagnosi.

Per questo, al paziente viene prescritto:

  • TC o risonanza magnetica del cervello e della colonna cervicale.
  • Angiografia o reoencefalografia (studio dei vasi sanguigni e del flusso sanguigno).
  • Dopplerografia (studio della velocità del flusso sanguigno).
  • Radiografia della colonna vertebrale.
1 - RM del cervello; 2 - dopplerografia ad ultrasuoni; 3 - reoencefalografia (REG); 4 - radiografia del rachide cervicale

Gli esami di laboratorio (esami del sangue) possono escludere altre malattie in cui può verificarsi VBI (ad esempio l'aterosclerosi).

Se si verificano sintomi come problemi alla vista o all'udito, il paziente viene consultato da specialisti correlati (oculista, medico ORL).

Metodi di trattamento

È difficile curare l'insufficienza basilare nell'osteocondrosi cervicale, entrambe le malattie progrediscono, peggiorano periodicamente e con ogni nuova esacerbazione, lo stato del cervello e le sue funzioni peggiorano.

Tuttavia, l'accesso tempestivo a un medico (al primo segno) consentirà:

  • raggiungere la remissione a lungo termine del VBI (decorso o periodo asintomatico con deboli segni di compromissione);
  • in alcuni casi, eliminare completamente i sintomi delle complicanze (se è possibile eliminare la causa della compressione dell'arteria vertebrale).

Il trattamento per l'insufficienza vertebro-basilare dipende dalla causa della malattia. Il regime di trattamento è determinato dalla patologia sottostante, ma sono prescritti agenti sintomatici aggiuntivi indipendentemente dalla causa:

  1. Ad esempio, con VBI sullo sfondo dell'osteocondrosi, sono indicati la somministrazione di miorilassanti (Midocalm, Tolperisone), esercizi di fisioterapia, fisioterapia, massaggio.
  2. Con il VBI causato dall'ipertensione arteriosa, vengono prescritti farmaci per ridurre la pressione sanguigna (Enalapril, Dopegit).

Oltre a questi farmaci, sia nell'osteocondrosi che nell'ipertensione, vengono utilizzati agenti sintomatici: vasodilatatori, neuroprotettori, angioprotettori (di seguito sono riportati esempi di questi farmaci).

Terapia farmacologica

Per il trattamento dell'insufficienza basilare (oltre al trattamento della malattia principale - osteocondrosi cervicale), vengono utilizzati agenti che possono migliorare l'afflusso di sangue, il metabolismo, il ripristino e la funzione delle cellule cerebrali.

Questi farmaci includono:

  • neuroprotettori che migliorano il metabolismo e stimolano il ripristino delle cellule cerebrali (Actovegin, Cerebrolysin);
  • farmaci vasodilatatori (niacina, pentossifillina, vinpocetina);
  • agenti antipiastrinici che prevengono la trombosi (Aspirin Cardio, Cardiomagnyl);
  • angioprotettori che rafforzano le pareti vascolari (dipiridamolo, diosmina, detralex).

Per il trattamento sintomatico (per alleviare i sintomi principali), applicare:

  • con vertigini - Betaserc, Meklosin, Betagistin;
  • con nausea e vomito - Domperidone, Metoclopramide, Tserukal;
  • per dolore - Baralgin, Analgin, Ketonal.

Durante le convulsioni, al paziente viene raccomandato un rigoroso riposo a letto..

In caso di instabilità del rachide cervicale - Colletto con gambo (colletto ortopedico che rimuove il carico).

Fisioterapia

Con VBI sono efficaci varie procedure fisioterapiche:

  1. Massaggio terapeutico della zona del colletto.
  2. Elettroneurostimolazione percutanea (ripristino della circolazione sanguigna e del metabolismo nel tessuto nervoso e muscolare mediante brevi impulsi elettrici di bassa frequenza).
  3. Magnetoterapia (con osteocondrosi cervicale, il trattamento del campo magnetico migliora la microcircolazione e stimola la riparazione dei tessuti).
  4. Terapia laser (trattamento del flusso ottico).
  5. Ultrafonoforesi (somministrazione di farmaci attraverso la pelle mediante ultrasuoni).

Quando i sintomi di VBI sono indeboliti, si raccomanda al paziente di esercitare esercizi di fisioterapia volti ad allungare i muscoli (flessione regolare, girando la testa in diverse direzioni).

Aiutano a migliorare la circolazione sanguigna nel collo, alleviano i muscoli e la tensione. Questo complesso può anche essere usato per prevenire la malattia in presenza di osteocondrosi..

Se il trattamento conservativo di VBI è inefficace (se i sintomi non scompaiono), le condizioni del paziente vengono migliorate con metodi chirurgici (rimozione di ernie, punte, plastica dell'arteria vertebrale).

Rimedi popolari

I metodi alternativi non possono eliminare completamente i sintomi del VBI sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale. Tuttavia, con il loro aiuto è possibile migliorare il metabolismo e la circolazione del sangue nei tessuti (incluso il cervello), rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

Ricette di rimedi popolari:

  • Brodo curativo con biancospino e pervinca. Prendi 1 cucchiaio. l foglie di pervinca asciutte e versare 2 cucchiai. acqua bollente, lascia bollire e lascia sobbollire per 5 minuti. Alla fine (in 1-2 minuti) getta nell'acqua 1 cucchiaio. l frutti di biancospino. Quando è pronto, lasciarlo fermentare prima di raffreddare, filtrare, bere ½ tazza 3 volte al giorno, 30 minuti prima dei pasti.
  • Tè alle erbe. Mescolare in proporzioni uguali le foglie di pervinca e melissa, semi di cumino, fiori di biancospino, radice di valeriana. 1 cucchiaio. l mescolare la miscela con 1 cucchiaio. acqua bollente, filtrare e bere 1 ora dopo la cottura (tariffa giornaliera - 2 bicchieri).
1 - foglie essiccate di pervinca; 2 - frutti di biancospino

Entrambe le formulazioni sono prese per 3 settimane. Dopo una settimana di pausa, il trattamento può essere ripetuto.

Prevenzione

Per prevenire lo sviluppo di VBI, è necessario adottare una serie di misure in modo che l'osteocondrosi non progredisca:

  1. Rendi comodo il posto di lavoro e di sonno riducendo il carico sul collo (alza o abbassa il monitor del computer, ottimizzando così l'angolazione della testa, acquista un materasso ortopedico e un cuscino).
  2. Scegli ed esegui regolarmente una serie di esercizi di terapia fisica per la colonna cervicale, vai a nuotare (allevia la tensione muscolare, il carico sui dischi intervertebrali).
  3. Esegui piccoli allenamenti sul posto di lavoro, allevia la tensione nella zona del colletto con l'auto-massaggio (2–5 minuti, 2-3 volte al giorno).
  4. Rifiuta l'alcool e il fumo (l'intossicazione costante stimola i processi distruttivi nei dischi intervertebrali).

Riepilogo e previsioni

L'insufficienza vertebro-basilare è un disturbo vascolare comune. I suoi sintomi sono familiari al 70% dei pazienti con osteocondrosi cervicale..

La prognosi per VBI dipende da quanto sia facile eliminare la causa della compressione dell'arteria vertebrale.

Se consulti un medico al primo segno di disturbi vascolari, puoi eliminare completamente i sintomi del VBI. Il processo in questo caso richiederà da 2 settimane a diversi mesi.

Tuttavia, poiché l'osteocondrosi cervicale progredisce e peggiora regolarmente, c'è sempre il rischio di compressione dell'arteria vertebrale e lo sviluppo di VBI.

Nel 70–80% dei casi, VBI diventa una patologia cronica. È caratterizzato da convulsioni periodicamente ricorrenti (aumento dei sintomi) ed effetti residui (lievi segni di VBI) tra gli attacchi.

L'obiettivo della terapia farmacologica è mantenere l'afflusso di sangue al cervello e prevenire lo sviluppo di ictus (tale complicazione minaccia il 30% dei pazienti con VBI).

Per questo, al paziente vengono prescritti farmaci (a lungo termine, da 1 a 6 mesi), quindi il trattamento viene ripetuto (dopo un certo tempo, dipende dalle condizioni del paziente).

Con l'inefficacia dei metodi conservativi, i disturbi vascolari vengono eliminati con metodi chirurgici (rimuovendo la formazione che comprime l'arteria, i vasi di plastica e altri metodi).

Fonti di informazione primarie, materiale scientifico sull'argomento

  • Patologia del sistema vertebrale-basilare e incidente cerebrovascolare. Vereshchagin N.V., M.: Medicine, 1980.
  • Osteocondrosi cervicale. Popelyansky Y. Yu. M.: Medicina, 1966. pagg. 194-198, 221.
  • Discircolazione nel sistema vertebro-basilare con patologia del rachide cervicale. Salazkina V.M., Bragina L.K., Kalinovskaya I. Ya., M.: Medicine, 1977, p. 46, 77, 123.
  • Osteocondrosi della colonna vertebrale. Yumashev G. S., Furman E., M.: Medicine, 1984, pp. 167–172.
  • Malattie vascolari del cervello e del midollo spinale. Schmidt E.V., Lunev D.K., Vereshchagin N.V. M.: Medicine, 1976, p. 124, 153–170, 212.
  • Osteocondrosi della colonna vertebrale, diagnosi, trattamento, prevenzione. Una guida pratica Epifanov V.A., M.: MEDpress Inform, 2008, pagg. 127-174.
  • Osteocondrosi cervicale. Velikanov I.I., Proskurnin G.K. San Pietroburgo: Nestor-Istoriya, 2010, pp. 44–50.
Leggi Vertigini
Sintomicaratteristiche