Principale Encefalite

Sclerosi multipla - sintomi, segni e manifestazioni

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Sintomi e segni di sclerosi multipla negli uomini e nelle donne

Debolezza generale e affaticamento

La causa della debolezza e della maggiore affaticamento nelle prime fasi della malattia può essere lo sviluppo dello stadio di esacerbazione, mentre nella remissione clinica il paziente può sentirsi bene.

La debolezza durante l'esacerbazione della sclerosi multipla è associata all'attivazione del sistema immunitario, cioè alla sua maggiore attività. Allo stesso tempo, un gran numero di sostanze biologicamente attive viene rilasciato nella circolazione sistemica, che influenza il lavoro di quasi tutti gli organi e sistemi. Allo stesso tempo, le cellule del corpo iniziano a consumare più energia (anche a riposo), la frequenza cardiaca del paziente e la frequenza respiratoria aumentano, la pressione sanguigna nei vasi aumenta, la temperatura corporea aumenta e così via. Tutti gli organi e i sistemi lavorano "per logorarsi", a seguito del quale, dopo poche ore o giorni, le capacità compensative del corpo (comprese le riserve di energia) iniziano a esaurirsi. In questo caso, l'umore di una persona diminuisce in modo significativo, inizia a sentire debolezza, debolezza, affaticamento. Anche la sua disabilità è significativamente ridotta, in relazione alla quale a tale paziente viene mostrato il riposo a letto.

Dopo alcuni giorni, i sintomi dell'esacerbazione si attenuano (sullo sfondo del trattamento, ciò si verifica un po 'più velocemente), in relazione al quale le condizioni del paziente si stanno gradualmente normalizzando e la capacità lavorativa viene ripristinata.

Debolezza muscolare

La debolezza muscolare può verificarsi sia nelle prime fasi della malattia (durante i periodi di esacerbazione), sia nei casi avanzati di sclerosi multipla. Ciò è dovuto a una violazione delle funzioni della sostanza bianca del sistema nervoso centrale (SNC), cioè con un danno alle fibre nervose che innervano i muscoli.

In condizioni normali, i motoneuroni (cellule nervose del cosiddetto sistema piramidale) sono responsabili del mantenimento del tono muscolare e delle contrazioni muscolari volontarie. Nella sclerosi multipla (specialmente nelle forme cerebrali e spinali, caratterizzate da una lesione predominante della sostanza bianca del cervello e del midollo spinale), possono essere colpite le fibre conduttive dei neuroni del sistema piramidale e quindi diminuirà anche il numero di impulsi nervosi che entrano in un particolare muscolo. In tali condizioni, il muscolo non sarà in grado di contrarsi normalmente (completamente), e quindi una persona dovrà compiere ulteriori sforzi per eseguire qualsiasi azione (ad esempio, per salire le scale, sollevare un sacco pesante o persino appena alzarsi dal letto).

Il danno alle fibre nervose durante un'esacerbazione della sclerosi multipla è associato all'edema tissutale che si sviluppa sullo sfondo di un processo infiammatorio autoimmune (quando le cellule del sistema immunitario attaccano la guaina mielinica della fibra nervosa). Questo fenomeno è temporaneo e si attenua dopo alcuni giorni o settimane, in relazione al quale viene normalizzata la conduzione degli impulsi lungo le fibre nervose e viene ripristinata la forza muscolare. Allo stesso tempo, nelle ultime fasi della malattia, si verifica un danno irreversibile alle fibre nervose e quindi la debolezza muscolare persisterà e persino il progresso (aumento).

Paresi e paralisi

Nella sclerosi multipla si possono osservare paresi e paralisi di varie localizzazioni e vari gradi di gravità (in una o entrambe le braccia, in una o entrambe le gambe, contemporaneamente nelle braccia e nelle gambe e così via). Ciò è dovuto alla sconfitta di varie parti del sistema nervoso centrale.

La paresi è una condizione patologica in cui vi è un indebolimento della forza muscolare e difficoltà nell'eseguire qualsiasi movimento volontario. La paralisi è caratterizzata da una completa perdita della capacità di contrarre i muscoli interessati e spostare l'arto interessato. Il meccanismo di sviluppo di questi fenomeni è anche associato alla sconfitta delle fibre conduttive dei neuroni piramidali. Il fatto è che con la progressiva distruzione delle guaine mieliniche, arriva un momento in cui gli impulsi nervosi cessano completamente di essere condotti lungo di esse. In questo caso, la fibra muscolare, precedentemente innervata dal neurone interessato, perde la capacità di contrarsi. Ciò viola la forza muscolare e la precisione nell'esecuzione dei movimenti volontari, cioè si sviluppa la paresi. In questo stato, i movimenti degli arti sono parzialmente preservati a causa dell'attività dei motoneuroni (intatti) rimanenti.

Quando tutti i neuroni che innervano un muscolo sono colpiti, perderà completamente la sua capacità di contrarsi, cioè sarà paralizzato. Se tutti i muscoli di un arto sono paralizzati, la persona perderà la capacità di eseguire movimenti arbitrari con esso, cioè svilupperà la paralisi.

Vale la pena notare che la paresi di diversa gravità può essere osservata durante le esacerbazioni della sclerosi multipla anche nelle fasi iniziali della malattia, che è associata a edema tissutale e compromissione temporanea della conduzione degli impulsi lungo le fibre nervose. Dopo che i fenomeni infiammatori si attenuano, la conduzione viene parzialmente o completamente ripristinata e quindi la paresi scompare. Allo stesso tempo, nelle fasi avanzate della sclerosi multipla, la paralisi è associata alla distruzione irreversibile delle fibre nervose del cervello e / o del midollo spinale ed è irreversibile (cioè rimangono con il paziente fino alla fine della vita).

Spasticità muscolare

Il tono dei muscoli scheletrici è fornito dai cosiddetti motoneuroni, che si trovano nel midollo spinale. La loro attività, a sua volta, è regolata dai neuroni della corteccia cerebrale. In condizioni normali, i neuroni cerebrali inibiscono l'attività dei neuroni del midollo spinale, a seguito della quale il tono muscolare viene mantenuto a un livello rigorosamente definito. Quando la sostanza bianca (fibre conduttrici) dei neuroni cerebrali viene danneggiata, il loro effetto inibitorio scompare, a seguito del quale i neuroni del midollo spinale iniziano a inviare più impulsi nervosi ai muscoli scheletrici. Il tono muscolare aumenta in modo significativo.

Poiché i muscoli flessori di una persona sono più sviluppati dei muscoli estensori, l'arto interessato del paziente rimarrà in uno stato piegato. Se un medico o un'altra persona cerca di raddrizzarlo, sperimenterà una forte resistenza a causa del tono crescente delle fibre muscolari.

Vale la pena notare che in caso di danno alle fibre nervose del midollo spinale, si può osservare il fenomeno opposto: il tono muscolare diminuirà, a seguito del quale diminuirà la forza muscolare nell'arto interessato.

spasmi

Disturbi cerebellari (tremore, compromissione della coordinazione dei movimenti e dell'andatura, difficoltà del linguaggio)

Il cervelletto è una struttura del sistema nervoso centrale che fa parte del cervello. Una delle sue funzioni principali è il coordinamento di quasi tutti i movimenti intenzionali, oltre a mantenere in equilibrio il corpo umano. Per svolgere correttamente le sue funzioni, il cervelletto è collegato dalle fibre nervose a un'ampia varietà di parti del sistema nervoso centrale (con il cervello, il midollo spinale).

Un segno di danno cerebellare è il tremore. Il tremore è una condizione patologica del sistema neuromuscolare in cui vi è un rapido, ritmico tremore degli arti (braccia, gambe), testa e / o tutto il corpo. Nella sclerosi multipla, l'insorgenza di tremore è associata a un danno alle fibre nervose che trasmettono informazioni al cervello sulla posizione del corpo e delle sue parti nello spazio. Allo stesso tempo, i centri cerebrali responsabili di specifici movimenti intenzionali non possono funzionare normalmente, a seguito dei quali inviano segnali caotici ai muscoli, che è la causa diretta del tremore patologico (tremore).

Con la sclerosi multipla, potresti riscontrare:

  • Tremore intenzionale. L'essenza del disturbo è che il tremore appare e si intensifica quando il paziente cerca di eseguire qualsiasi movimento specifico e mirato (ad esempio, prendere una tazza dal tavolo). All'inizio (quando il paziente inizia ad allungare la mano verso il cerchio), il tremore sarà assente, tuttavia, più una persona avvicina la sua mano al cerchio, più intensa si stringerà la mano. Se il paziente interrompe il tentativo, il tremore scompare di nuovo..
  • Tremore posturale. Si verifica quando il paziente cerca di mantenere una particolare postura (ad esempio, un braccio esteso davanti a lui). In questo caso, dopo alcuni secondi, inizierà a comparire un leggero tremore nella mano, che aumenterà con il tempo. Se il paziente abbassa la mano, il tremore scompare.
Altri segni di danno cerebellare includono:
  • Disturbi dell'andatura. Mentre si cammina nelle gambe, nelle braccia, nella schiena e in altre parti del corpo, si verificano contemporaneamente contrazioni sincrone e rilassamento di alcuni gruppi muscolari, che è coordinato dalle cellule del cervelletto. Se le loro connessioni con altre parti del cervello si interrompono, l'andatura del paziente è compromessa (inizia a camminare in modo incerto, irregolare, le gambe non gli obbediscono, diventano "di legno" e così via). Nelle fasi successive della malattia, il paziente può perdere completamente la capacità di muoversi autonomamente.
  • Squilibrio. In caso di disfunzione cerebellare, una persona non può stare in piedi in un posto a lungo, andare in bicicletta o eseguire altre azioni simili, poiché il controllo dei muscoli responsabili del mantenimento dell'equilibrio è compromesso.
  • Disturbi del coordinamento dei movimenti (atassia, dismetria). L'essenza dell'atassia è che una persona non può controllare con precisione le braccia o le gambe. Quindi, per esempio, cercando di prendere una tazza dal tavolo, può passarci più volte la mano, signorina. Allo stesso tempo, con la dismetria, i movimenti umani diventano ampi, voluminosi, scarsamente controllati. Quando si tenta di eseguire alcune azioni (ad esempio, per prendere una tazza dal tavolo), una persona non può fermare la mano in tempo, a causa della quale la tazza può semplicemente essere lasciata cadere sul pavimento con un movimento ampio. Entrambi questi sintomi sono anche dovuti al fatto che il cervelletto non riceve segnali tempestivi (in tempo) sulla posizione degli arti nello spazio.
  • Disturbi della scrittura (megalografia). Con la megalografia, anche la calligrafia del paziente si diffonde, le lettere scritte sembrano grandi e allungate.
  • Discorso cantato. L'essenza della patologia è che durante la conversazione il paziente fa lunghe pause tra le sillabe nelle parole, così come tra le parole nella frase. Inoltre, sembra porre l'accento su ogni sillaba in una parola e su ogni parola in una frase.

Intorpidimento degli arti (gambe e / o braccia, viso)

Nella sclerosi multipla, possono essere colpite le fibre nervose responsabili della conduzione degli impulsi nervosi sensibili. Allo stesso tempo, all'inizio, una persona può sentire la parestesia (sensazione di formicolio con gli aghi, "gattonare sulla pelle") in alcune parti del corpo (a seconda di quali fibre nervose particolari sono state coinvolte nel processo patologico). Successivamente, nelle aree di parestesia, la sensibilità può scomparire parzialmente o completamente, cioè la parte interessata del corpo diventerà insensibile (la persona non sentirà il contatto o le iniezioni in un'area intorpidita della pelle).

Intorpidimento può essere osservato in uno, più o contemporaneamente in tutti gli arti, così come nell'addome, nella schiena e così via. Inoltre, i pazienti possono lamentare intorpidimento della pelle del viso, delle labbra, delle guance, del collo. Durante un'esacerbazione della malattia, questo sintomo può essere temporaneo (a causa dello sviluppo di reazioni infiammatorie ed edema delle fibre nervose) e scomparire dopo che il processo infiammatorio si attenua nel sistema nervoso centrale, mentre con la progressione della sclerosi multipla, la sensibilità in alcune parti del corpo può scomparire per sempre.

Dolore muscolare (gambe, braccia, schiena)

Il dolore muscolare con sclerosi multipla è relativamente raro e può essere causato da una violazione dell'innervazione muscolare e dell'atrofia muscolare (diminuzione della massa muscolare). Inoltre, la causa del dolore può essere un danno alle fibre nervose sensibili responsabili della percezione del dolore in una particolare area del corpo. In questo caso, i pazienti possono lamentare dolore alla schiena (principalmente nella regione lombare), dolore alle braccia, alle gambe e così via. Il dolore può essere acuto, cucito o bruciato, tirando, a volte sparando.

Un'altra causa del dolore muscolare può essere lo sviluppo di crampi e crampi (contrazioni muscolari estremamente forti e prolungate). In questo caso, il metabolismo nel tessuto muscolare è disturbato, che è accompagnato dall'accumulo di sottoprodotti metabolici in esso e dalla comparsa di dolori doloranti. Lo stesso dolore può verificarsi nei muscoli con il loro sovraccarico espresso, sviluppandosi sullo sfondo dell'atrofia muscolare.

Mal di testa e vertigini

Disturbi del sonno (insonnia o sonnolenza)

Compromissione della memoria e compromissione cognitiva

Le funzioni cognitive sono la capacità di una persona di percepire e ricordare le informazioni, oltre a riprodurle al momento giusto, pensare, interagire con altre persone attraverso la parola, la scrittura, le espressioni facciali e così via. In altre parole, le funzioni cognitive determinano il comportamento umano nella società. La formazione e lo sviluppo di queste funzioni avviene nel processo di insegnamento di una persona dalla sua nascita alla vecchiaia. Questo è fornito dalle cellule del sistema nervoso centrale (cervello), tra le quali si formano costantemente molte connessioni neurali (le cosiddette sinapsi).

Si presume che nelle ultime fasi dello sviluppo della sclerosi multipla, il danno si verifichi non solo per le fibre nervose, ma anche per i neuroni stessi (corpi delle cellule nervose) nel cervello. Inoltre, il loro numero totale può diminuire, a causa del quale una persona non sarà in grado di svolgere determinate funzioni e attività. Allo stesso tempo, tutte le abilità acquisite nel processo della vita (compresa la memoria e la capacità di ricordare nuove informazioni, pensiero, parola, scrittura, comportamento nella società e così via) andranno perse..

Insufficienza visiva (neurite ottica retrobulbare, visione doppia)

Altri segni di neurite ottica includono:

  • violazione della percezione dei colori (una persona cesserà di distinguerli);
  • dolore agli occhi (specialmente quando si muovono i bulbi oculari);
  • bagliori o macchie davanti agli occhi;
  • restringimento dei campi visivi (il paziente vede solo ciò che si trova direttamente di fronte a lui, mentre la visione laterale si sta gradualmente deteriorando).
Vale la pena notare che il cosiddetto sintomo di Uthoff può testimoniare a favore della neurite ottica con sclerosi multipla. La sua essenza sta nel fatto che tutti i sintomi della sclerosi multipla (incluso il danno visivo associato a un danno al nervo ottico) aumentano significativamente con l'aumentare della temperatura corporea. Questo può essere osservato quando si visita uno stabilimento balneare, una sauna o un bagno caldo, nella stagione calda al sole, quando la temperatura aumenta a causa di malattie infettive o altre malattie e così via. Una caratteristica importante è il fatto che dopo la normalizzazione della temperatura corporea, l'esacerbazione dei sintomi della malattia si attenua, cioè il paziente ritorna allo stesso stato di prima (prima che la temperatura si alzi).

Vale anche la pena notare che uno dei primi segni di sclerosi multipla può essere la visione doppia (diplopia). Tuttavia, questo sintomo è molto meno comune della neurite ottica..

Nistagmo (contrazioni agli occhi)

Questo è un sintomo patologico che si verifica a seguito di un danno ai nervi dei muscoli oculomotori e di una diminuzione dell'acuità visiva. La sua essenza sta nel fatto che il paziente ha frequenti contrazioni ritmiche dei bulbi oculari. Il nistagmo può essere orizzontale (quando lo strappo si verifica su un piano orizzontale, cioè lateralmente) o verticale quando lo strappo si verifica su un piano verticale. È importante notare che il paziente stesso non se ne accorge..

Per identificare il nistagmo, è necessario posizionarsi di fronte al paziente, posizionare un oggetto o un dito davanti alla sua faccia, quindi spostare lentamente l'oggetto verso destra, sinistra, su e giù. Allo stesso tempo, il paziente deve seguire l'oggetto in movimento con gli occhi, senza girare la testa. Se in qualsiasi momento i bulbi oculari del paziente iniziano a contrarsi, il sintomo viene considerato positivo..

Lesione della lingua

Problemi di minzione (incontinenza o ritenzione urinaria)

Le funzioni degli organi pelvici sono anche controllate dal sistema nervoso del corpo, in particolare dal suo reparto autonomo (autonomo), che garantisce il mantenimento del tono della vescica, nonché il suo svuotamento riflesso durante il riempimento. Allo stesso tempo, lo sfintere della vescica è innervato dal sistema nervoso centrale ed è responsabile del suo svuotamento consapevole. Con danni alle fibre nervose di qualsiasi parte del sistema nervoso, si può osservare una violazione del processo di minzione, cioè incontinenza urinaria o, al contrario, ritenzione e incapacità di svuotare la vescica da sola.

Vale la pena notare che problemi simili possono essere osservati con lesioni dei nervi che innervano l'intestino, cioè il paziente può avere diarrea o costipazione prolungata.

Riduzione della potenza (sesso e sclerosi multipla)

L'effetto della sclerosi multipla sulla psiche (depressione, disturbi mentali)

Con la progressione della sclerosi multipla, è anche possibile la comparsa di alcuni disturbi mentali. Ciò è dovuto al fatto che le aree del cervello responsabili dello stato mentale ed emotivo di una persona sono anche strettamente correlate ad altre parti del sistema nervoso centrale. Di conseguenza, una disfunzione del sistema nervoso centrale può influenzare lo stato psico-emotivo del paziente.

Nei pazienti con sclerosi multipla si può osservare quanto segue:

  • La depressione è un declino a lungo termine e persistente dell'umore, accompagnato da indifferenza per il mondo che ci circonda, bassa autostima e una diminuzione della capacità lavorativa..
  • Euforia - uno stato inspiegabile di conforto mentale, soddisfazione, non correlato a eventi reali.
  • La sindrome da stanchezza cronica è una condizione patologica in cui una persona si sente stanca e stanca per tutto il giorno (anche immediatamente dopo essersi svegliata), anche se non fa assolutamente alcun lavoro.
  • Risate / pianti violenti: questi sintomi sono molto rari e solo nei casi avanzati della malattia.
  • Allucinazioni: una persona vede, sente o sente qualcosa che in realtà non lo è (questo sintomo è anche estremamente raro e di solito con un inizio acuto di sclerosi multipla).
  • Labilità emotiva - il paziente ha instabilità mentale, vulnerabilità, pianto, che può essere sostituito da una maggiore irritabilità e persino aggressività.
Vale la pena notare che con una progressione prolungata della sclerosi multipla, una persona perde la capacità di muoversi e mantenere in modo indipendente e quindi diventa completamente dipendente dagli altri. Può anche contribuire alla violazione del suo stato emotivo e allo sviluppo della depressione, anche se sono assenti altre deviazioni mentali..

La febbre alta si verifica nella sclerosi multipla?

Con la sclerosi multipla si può notare un aumento insignificante (fino a 37 - 37,5 gradi), meno espresso (fino a 38 - 39 gradi) nella temperatura corporea. Il motivo potrebbe essere un processo infiammatorio autoimmune durante il quale le cellule del sistema immunitario attaccano la guaina mielinica delle fibre nervose. In questo caso, le cellule immunocompetenti vengono distrutte, rilasciando sostanze biologicamente attive nell'ambiente. Queste sostanze, così come i prodotti di decomposizione cellulare, possono stimolare il centro di termoregolazione nel cervello, che è accompagnato da un aumento della produzione di calore e da un aumento della temperatura corporea..

Vale la pena notare che un aumento della temperatura corporea può essere causato non solo dal processo autoimmune stesso, ma anche da altri fattori. Quindi, ad esempio, un'infezione virale o batterica può essere la causa principale dell'esacerbazione della sclerosi multipla, mentre un aumento della temperatura sarà dovuto alla reazione del corpo all'invasione di un agente estraneo in esso. Allo stesso tempo, dopo che l'esacerbazione della malattia si attenua, così come durante la fase di remissione clinica, la temperatura corporea del paziente rimane normale.

Come è l'esacerbazione (attacco) della sclerosi multipla?

Nella stragrande maggioranza dei casi, la malattia ha un esordio acuto, provocato dall'esposizione a vari fattori (ad esempio, un'infezione virale o batterica).

I primi segni di esacerbazione della sclerosi multipla possono essere:

  • deterioramento della salute generale;
  • debolezza generale;
  • fatica;
  • mal di testa;
  • dolore muscolare
  • aumento della temperatura corporea;
  • brividi (tremore in tutto il corpo, accompagnato da una sensazione di freddo);
  • parestesia (sensazione di mostrare o gattonare in varie parti del corpo) e così via.
Una condizione simile persiste per 1-3 giorni, dopo di che (sullo sfondo dei sintomi elencati) iniziano a comparire segni di danno a determinate fibre nervose (tutti i possibili sintomi sono stati elencati sopra).

Dopo alcuni giorni, i segni del processo infiammatorio si attenuano, le condizioni generali del paziente si normalizzano e scompaiono i segni di danno al sistema nervoso centrale (dopo il primo attacco di solito passano completamente e senza lasciare traccia, mentre con ripetute esacerbazioni, disturbi della sensibilità, attività motoria e altri sintomi possono parzialmente persistere).

Vale la pena notare che a volte la malattia inizia con una forma subacuta. In questo caso, la temperatura corporea può aumentare leggermente (fino a 37 - 37,5 gradi) e i segni generali del processo infiammatorio saranno lievi. I sintomi del danno alle singole fibre nervose possono comparire dopo 3-5 giorni, ma scompaiono anche senza lasciare traccia dopo un certo periodo di tempo..

La nausea può verificarsi nella sclerosi multipla??

La nausea non è un segno caratteristico della malattia, sebbene il suo aspetto possa essere associato alle peculiarità del decorso o del trattamento della patologia..

La causa della nausea nella sclerosi multipla può essere:

  • disfunzione digestiva;
  • malnutrizione;
  • vertigini;
  • assunzione di alcuni farmaci (per il trattamento della malattia di base);
  • depressione (in cui la motilità del tratto gastrointestinale è compromessa, che è accompagnata da ristagno di cibo nello stomaco).

Perché perdi peso con la sclerosi multipla?

Caratteristiche della sclerosi multipla nei bambini e negli adolescenti

I primi segni della malattia in bambini e adolescenti praticamente non differiscono da quelli di un adulto. Allo stesso tempo, vale la pena notare che nei bambini la forma progressiva primaria di sclerosi multipla (che è una delle più gravi) è estremamente rara. Nella maggior parte dei casi, la malattia si sta risolvendo in natura (con periodi alternati di esacerbazioni e remissioni cliniche) e anche complicanze gravi si sviluppano relativamente raramente. I principali problemi di bambini e adolescenti con sclerosi multipla sono disturbi mentali ed emotivi (depressione frequente, sindrome da affaticamento cronico, aumento della fatica e così via).

Lo sviluppo della malattia (e la sua transizione allo stadio della progressione secondaria) si osserva, in media, dopo 25-30 anni dal momento della diagnosi, dopo di che il decorso della sclerosi multipla non differisce da quello dei pazienti più anziani.

Sclerosi multipla, che cos'è? Sintomi e trattamento nel 2019

La sclerosi multipla è una malattia cronica autoimmune progressiva del sistema nervoso in cui si verifica la demielinizzazione delle membrane delle fibre nervose (assoni), del cervello e delle cellule del midollo spinale..

Va notato che il termine non ha nulla a che fare con la distrazione, come tratto di personalità, e non è anche una "sclerosi" in senso familiare, quando vogliono ricordare l'oblio.

In questo caso, il nome "sclerosi" caratterizza i cambiamenti morfologici nel tessuto nervoso, in cui la membrana nervosa viene sostituita dal tessuto cicatriziale, cioè subisce la sclerosi. E la parola "dispersi" significa che questa malattia non ha un solo obiettivo di localizzazione, come, ad esempio, in un ictus.

Cos'è?

La sclerosi multipla è una patologia neurologica caratterizzata da un decorso progressivo con lesioni multiple nel sistema nervoso centrale e con meno lesioni nel sistema nervoso periferico.

Le donne sono spesso malate, anche se circa un terzo dei casi di sclerosi multipla si trova nella popolazione maschile del pianeta. La patologia si manifesta più spesso in giovane età, colpendo le persone attive dai 20 ai 45 anni - questo è quasi il 60% di tutti i casi. Molto spesso, la sclerosi multipla viene diagnosticata nelle persone coinvolte nel lavoro intellettuale..

Inoltre, gli scienziati in questo momento stanno rivedendo i limiti di età del debutto della malattia nella direzione della loro espansione. Quindi, in medicina, i casi di sviluppo della sclerosi multipla sono descritti all'età di due anni e all'età di 10-15 anni. Il numero di pazienti nell'infanzia varia in base a dati diversi dal 2 all'8% del numero totale di pazienti. Il gruppo a rischio comprende ora persone con più di 50 anni.

Cause di sclerosi

La tragedia della malattia risiede in gran parte nel fatto che i pazienti con sclerosi multipla sono giovani dell'età più fiorente. Molte malattie del sistema nervoso centrale colpiscono gli anziani (ictus, parkinsonismo, demenza).

RS "falcia" la parte più abile della popolazione, dai 18 ai 45 anni. Dopo 50 anni, il rischio di debutto della malattia è significativamente ridotto.

Poiché la causa esatta dell'insorgenza della sclerosi multipla non è stata ancora identificata, i ricercatori prestano attenzione a tutti i fattori che possono almeno dire qualcosa sull'aumento del rischio di malattia.

E 'stato trovato che:

  • la popolazione dei paesi del nord è malata più spesso delle persone ai tropici. Alcuni scienziati ritengono che ciò sia dovuto alla mancanza di esposizione al sole e ad una carenza di vitamina D;
  • anche nelle donne, la sclerosi multipla è quasi tre volte più comune che negli uomini. Ma allo stesso tempo, la SM maschile si presenta in una forma molto più grave;
  • più probabilità di ammalare persone di nazionalità europea e persone della razza mongoloide non hanno praticamente familiarità con questa malattia;
  • coloro che vivono in grandi agglomerati e centri industriali sono malati più spesso che nei villaggi. Forse questo è dovuto alla scarsa situazione ambientale;
  • nei pazienti con SM, i livelli di acido urico nel sangue sono quasi sempre abbassati. Pertanto, le persone con gotta e iperuricemia non devono preoccuparsi..
  • Inoltre, molti ricercatori tendono a considerare la causa lo stress e la depressione gravi e gravi, il fumo e le frequenti malattie infettive..

Come si può vedere dai fatti di cui sopra, la natura della SM è ancora un mistero..

Classificazione

A seconda del tipo di decorso del processo patologico, si distinguono le varianti di base e rare (benigne, maligne) dello sviluppo della sclerosi multipla.

Le principali opzioni per il decorso della malattia:

  • remissione (riscontrato nell'85-90% dei casi). I sintomi della malattia compaiono periodicamente e poi scompaiono quasi completamente. Questa è una caratteristica dei giovani pazienti;
  • progressivo primario (osservato nel 10-15% dei pazienti). I segni di danno al sistema nervoso sono in costante aumento senza periodi di esacerbazioni e remissioni;
  • progressivo secondario. Sostituisce il corso di rimessa, la malattia inizia a progredire con periodi di esacerbazione e stabilizzazione.

Per il rimedio della sclerosi multipla, sono evidenti periodi di esacerbazione e remissione. Durante un attacco della malattia, l'esacerbazione persistente dei sintomi della sclerosi multipla dura fino a 24 ore. I prossimi 30 giorni, le condizioni del paziente con sclerosi multipla sono generalmente stabili.

Con un tipo progressivo secondario di malattia, i sintomi neurologici della sclerosi multipla aumentano spasmodicamente durante i periodi di esacerbazione. Diventano più frequenti e presto i periodi di remissione della malattia diventano lievi. Un tipo progressivo secondario di malattia si sviluppa in pazienti con remissione della sclerosi multipla in media 10 anni dopo l'insorgenza della malattia in assenza di trattamento.

Con la sclerosi multipla progressiva primaria, i sintomi aumentano rapidamente dall'inizio della malattia. Non ci sono periodi di esacerbazione e remissione in questo caso..

Un altro tipo di malattia, la sclerosi multipla progressivamente progressiva, è caratterizzata da un forte aumento dei sintomi durante i periodi di attacco, a partire dalla fase iniziale della malattia.

Primi segni

L'insorgenza della malattia di solito procede rapidamente, poiché vi è una forte distruzione della mielina (la guaina delle cellule nervose) e la stessa brusca violazione della conduttività degli impulsi nervosi.

Le prime lamentele di pazienti con sclerosi multipla:

  • ridotta capacità di lavorare, aumento della fatica, "sindrome da affaticamento cronico",
  • la debolezza muscolare appare periodicamente (di solito in metà del corpo),
  • può verificarsi improvvisa paralisi a breve termine,
  • parestesia (intorpidimento e formicolio),
  • vertigini frequenti, andatura instabile, neurite facciale, ipotensione,
  • disturbi dell'apparato visivo: calo dell'acuità visiva, visione doppia, cecità transitoria, nistagmo, strabismo, ecc..,
  • problemi con la minzione (svuotamento incompleto della vescica, urgenza improvvisa, minzione intermittente o difficile, altro
  • produzione di urina di notte).

Sintomi della sclerosi multipla

La malattia può iniziare inaspettatamente e rapidamente o può manifestarsi gradualmente, in modo che il paziente per lungo tempo non presti attenzione al deterioramento e non ricorra alle cure mediche. Nella maggior parte dei casi, la sclerosi si verifica tra 18 e 40 anni.

Con lo sviluppo della malattia, si manifestano sintomi persistenti di sclerosi multipla. I più comuni sono:

  1. Fallimenti nel funzionamento del sistema piramidale (percorsi piramidali). La principale funzione muscolare viene preservata, tuttavia, aumento della fatica, moderata perdita di forza nei muscoli, varie paresi non sono rare nelle fasi successive. Gli arti inferiori di solito soffrono più di quelli superiori. Violazioni di riflessi: addominale, periostale, tendineo, periostale. Cambiamenti del tono muscolare, i pazienti hanno ipotensione, distonia;
  2. Danno al cervelletto (compromissione della coordinazione). Può apparire leggermente e in modo poco appariscente: vertigini, grafia irregolare, lieve tremore, andatura instabile instabile. Con lo sviluppo della malattia, i sintomi peggiorano, compaiono disturbi più gravi: atassia, nistagmo, canto del linguaggio, tremore cerebellare (intenzionale), disartria cerebellare. Il motore, le funzioni del linguaggio sono disturbate, una persona perde la capacità di prendere cibo da sola;
  3. Disfunzione del nervo cranico. A seconda della posizione delle placche (intracerebrale, extracerebrale), i sintomi clinici sono centrali o periferici. Il più delle volte osservato in pazienti con disturbi del nervo oculomotore e ottico (strabismo, visione doppia, vari nistagmi, oftalmoplegia), viso, trigemino;
  4. Compromissione sensoriale. Questa serie di sintomi è caratteristica della sclerosi multipla insieme a movimenti alterati. Molti pazienti avvertono intorpidimento agli arti, alle guance e alle labbra. Si osserva la sindrome di Lermitt - una sensazione di lombalgia nei muscoli, dolore muscolare;
  5. Disturbi dello sfintere (funzione pelvica). Frequente, o viceversa, raro bisogno di urinare e defecare, nelle fasi successive - incontinenza urinaria;
  6. Cambiamenti intellettuali I pazienti deteriorano la memoria, l'attenzione, la capacità di pensare e percepire le informazioni, c'è una stanchezza rapida con l'attività intellettuale, difficoltà nel spostare l'attenzione da una lezione all'altra. Dal punto di vista psico-emotivo, i pazienti spesso soffrono di depressione, ansia, apatia, nervosismo ed euforia. In rari casi, i pazienti sviluppano demenza;
  7. Fallimenti della funzione sessuale. Diminuzione della libido, nelle donne - cambiamenti nel ciclo mestruale, negli uomini - impotenza.

I sintomi della sclerosi multipla sono condizionatamente suddivisi in diversi gruppi: primario (insorgenza della malattia), secondario (principale) e terziario (complicanze). I segni della sclerosi sono molto diversi, a seconda della posizione delle placche, e quindi il quadro clinico può essere molto diverso.

Aggravamento

La sclerosi multipla ha un numero molto elevato di sintomi, in un paziente solo uno di essi può essere osservato o più contemporaneamente. Si verifica con periodi di esacerbazioni e remissioni.

Qualsiasi fattore può provocare un'esacerbazione della malattia:

  • malattie virali acute,
  • lesioni,
  • fatica,
  • errore nella dieta,
  • abuso di alcool,
  • ipotermia o surriscaldamento, ecc..

La durata dei periodi di remissione può essere superiore a una dozzina di anni, il paziente conduce uno stile di vita normale e si sente assolutamente sano. Ma la malattia non scompare, prima o poi accadrà sicuramente un nuovo aggravamento.

La gamma di sintomi della sclerosi multipla è abbastanza ampia:

  • da lieve intorpidimento della mano o sconcertante quando si cammina per l'enuresi,
  • paralisi,
  • cecità e difficoltà respiratorie.

Succede che dopo la prima esacerbazione della malattia non si manifesta in alcun modo nei prossimi 10, o anche 20 anni, una persona si sente completamente in salute. Ma la malattia successivamente prende il suo pedaggio, l'esacerbazione si ripresenta.

Diagnostica

Metodi strumentali di ricerca consentono di determinare i focolai di demielinizzazione nella sostanza bianca del cervello. Il più ottimale è il metodo di risonanza magnetica del cervello e del midollo spinale, con il quale è possibile determinare la posizione e le dimensioni dei fuochi sclerotici, nonché il loro cambiamento nel tempo.

Inoltre, i pazienti sottoposti a risonanza magnetica del cervello con l'introduzione di un mezzo di contrasto a base di gadolinio. Questo metodo consente di verificare il grado di maturità dei fuochi sclerotici: l'accumulo attivo di materia si verifica in nuovi fuochi. La risonanza magnetica cerebrale con contrasto consente di determinare il grado di attività del processo patologico.

Per diagnosticare la sclerosi multipla, viene eseguito un esame del sangue per la presenza di un titolo aumentato di anticorpi verso le proteine ​​neurospecifiche, in particolare per la mielina.

In circa il 90% delle persone con sclerosi multipla, le immunoglobuline oligoclonali vengono rilevate durante l'esame del liquido cerebrospinale. Ma non dobbiamo dimenticare che la comparsa di questi marcatori si osserva in altre malattie del sistema nervoso..

complicazioni

Tra le complicanze si osservano più spesso polmonite, cistite seguita da pielonefrite, meno comunemente piaghe da decubito.

La durata del corso varia ampiamente. Ad eccezione dei casi acuti che si verificano con fenomeni tabloidi, la morte si verifica per malattie intercorrenti, urourosepsis e sepsi associate ad ampie piaghe da decubito.

Trattamento

Il trattamento della sclerosi multipla dipende dalla natura del decorso della malattia. Con il decorso recidivante della malattia, è necessario trattare le esacerbazioni, prevenire le esacerbazioni, rallentare la transizione allo stadio della progressione secondaria, nonché il trattamento sintomatico della depressione, i sintomi del dolore, i disturbi della minzione, la sindrome da affaticamento cronico, ecc. Oltre al trattamento sintomatico, lo scopo del tipo progressivo secondario di sclerosi multipla è rallentare la progressione malattia. Nella sclerosi multipla progressiva primaria, viene prescritto un trattamento sintomatico [32].

È necessario un approccio individuale per trattare un paziente con sclerosi multipla. Ciò significa che il medico in diagnosi dovrebbe essere il più vicino possibile a capire a quale stadio della malattia è attualmente il paziente - attivo, inattivo, stabilizzante o quando si sposta da uno stadio all'altro. Ciò richiede un esame MRI del paziente in dinamica, nonché un esame del sangue immunologico. Indicatori immunologici insieme a dati clinici e risonanza magnetica ci consentono di giudicare l'attività del processo patologico in un paziente in un determinato momento. Ciò consente di risolvere la questione dello scopo, della durata dell'uso e della possibilità di annullare gli immunosoppressori attivi, come ormoni steroidei, citostatici, ecc. Questi stessi metodi diagnostici monitorano anche il trattamento.

Ulteriori metodi di diagnosi e controllo del trattamento sono metodi elettrofisiologici: elettromiografia, nonché studi di potenziali cerebrali evocati visivi, uditivi e somatosensoriali. I metodi elettrofisiologici ci consentono di giudicare il livello e il grado di danno alle vie conduttive del sistema nervoso. Inoltre, i cambiamenti identificati utilizzando questi metodi aumentano l'affidabilità della diagnosi di sclerosi multipla. In caso di danni al percorso ottico, è consigliabile l'osservazione costante da parte di un optometrista. Se necessario, dopo l'esame da parte di un neuropsicologo, viene prescritto un trattamento psicoterapico per i pazienti e spesso i loro familiari.

Pertanto, per il successo del trattamento di un paziente con sclerosi multipla, è necessario il contatto costante di questo paziente con un numero di specialisti: neurologo, immunologo, elettrofisiologo, neuropsicologo, neurophthalmologist, urologo.

Gli obiettivi principali del trattamento:

  1. Stop all'esacerbazione della malattia;
  2. Agendo sui punti focali dell'infiammazione autoimmune, stimola lo sviluppo o il rafforzamento dei meccanismi compensativi-adattivi;
  3. Prevenire o ritardare lo sviluppo di nuove esacerbazioni nel tempo, o ridurne la gravità e, di conseguenza, il conseguente deficit neurologico nel paziente;
  4. Influenzare i sintomi che ostacolano la capacità di lavorare, condurre uno stile di vita familiare (trattamento sintomatico);
  5. Scegliere misure che consentano al paziente di adattarsi alle conseguenze esistenti della malattia al fine di rendere la sua vita il più semplice possibile. E sebbene questa area sia più sociale che medica, il più delle volte il paziente chiede consiglio a un medico per un consiglio su questo argomento, ed è il medico che determina il tempo di attuare alcune raccomandazioni basate sulle capacità del paziente e sulla prognosi della malattia.

Preparazioni Sperimentali

Alcuni medici riportano un effetto positivo di basse dosi (fino a 5 mg per notte) di naltrexone, un antagonista del recettore degli oppioidi che è stato usato per ridurre i sintomi di spasticità, dolore, affaticamento e depressione. Uno studio non ha mostrato effetti collaterali significativi di basse dosi di naltrexone e una riduzione della spasticità in pazienti con sclerosi multipla progressiva primaria. [46] Un altro studio ha anche mostrato un miglioramento della qualità della vita dalle indagini sui pazienti. Tuttavia, troppi pazienti in dimissione riducono il potere statistico di questo studio clinico..

L'uso di farmaci che riducono la permeabilità della BBB e rafforzano la parete vascolare (angioprotettori), agenti antipiastrinici, antiossidanti, inibitori degli enzimi proteolitici, farmaci che migliorano il metabolismo dei tessuti cerebrali (in particolare vitamine, aminoacidi, nootropici) è giustificato patogeneticamente..

Nel 2011, il Ministero della salute e dello sviluppo sociale ha approvato il farmaco per il trattamento della sclerosi multipla Alemtuzumab, il nome russo registrato Campas. Alemtuzumab è attualmente utilizzato per il trattamento della leucemia linfatica cronica, un anticorpo monoclonale contro i recettori delle cellule CD52 sui linfociti T e sui linfociti B. Nei pazienti con un decorso recidivante di sclerosi multipla nelle prime fasi, Alemtuzumab si è rivelato più efficace dell'interferone beta 1a (Rebif), ma sono stati osservati più spesso effetti collaterali autoimmuni gravi, come porpora trombocitopenica immune, danno tiroideo e infezione.

La National Society of Multiple Sclerosis Patients negli Stati Uniti pubblica regolarmente informazioni sugli studi clinici e sui loro risultati. Dal 2005, il trapianto di midollo osseo (da non confondere con le cellule staminali) è stato efficacemente usato per trattare la SM. Inizialmente, al paziente viene impartito un corso di chemioterapia per distruggere il midollo osseo, quindi viene trapiantato il midollo osseo del donatore, il sangue del donatore passa attraverso uno speciale separatore per separare i globuli rossi.

Prevenzione delle esacerbazioni della sclerosi multipla

È prodotto utilizzando farmaci che sopprimono l'attività del sistema immunitario..

I farmaci di questo gruppo sono diversi: ormoni steroidei, farmaci che rallentano i processi di divisione cellulare (citostatici), alcuni tipi di interferoni.

I preparati steroidi (prednisone, Kenalog, desametasone) hanno un effetto immunosoppressivo. Questi farmaci riducono l'attività dell'intero sistema immunitario, sopprimono i processi di divisione delle cellule immunitarie, l'attività di sintesi degli anticorpi e riducono la permeabilità della parete vascolare. Ma insieme a tutte le proprietà positive, i farmaci steroidi hanno una serie di effetti collaterali che non consentono a questo gruppo di farmaci di essere utilizzati per il trattamento a lungo termine. Effetti collaterali degli steroidi: gastrite, aumento della pressione intraoculare e del sangue, aumento del peso corporeo, psicosi, ecc..

Preparazioni dal gruppo di citostatici (azatioprina, ciclofosfamide e ciclosporina, metotrexato e cladribina). Ho un effetto immunosoppressivo in questo modo, ma l'alto livello di effetti collaterali simili a quelli con i farmaci steroidi rende questa classe di farmaci inadatta per un uso a lungo termine..

Interferone-p (IFN-p) Questo farmaco ha un effetto immunomodulante, che influenza l'attività del sistema immunitario. Un elenco di effetti collaterali è accettabile per raccomandare questo farmaco come trattamento profilattico della sclerosi multipla..

Quanti vivono con la sclerosi multipla?

Sclerosi multipla: quanti vivono con essa? L'aspettativa di vita del paziente dipende dalla tempestività dell'inizio del trattamento, dalla natura del decorso della sclerosi e dalla presenza di patologie concomitanti.

Se non esiste una terapia, il paziente non vivrà più di 20 anni dal momento della diagnosi. Quando i fattori di impatto negativo sono ridotti al minimo, la durata media della vita umana viene ridotta di una media di 7 anni rispetto all'aspettativa di vita di una persona sana.

Inoltre, l'età in cui si è manifestata la malattia influenza l'aspettativa di vita. Più la persona è anziana, maggiore è il rischio di un rapido sviluppo della sclerosi e dell'insorgenza della morte nei primi cinque anni.

Raisa

Oggi era con un amico. Lo spettacolo non è per i deboli di cuore! L'ho incontrata nel 2011. A quel tempo ero un po 'sorpreso dal suo comportamento. Ad esempio, risate forti inadeguate. Ho attribuito questo alla sua immediatezza. Oggi una donna non può camminare senza l'aiuto di un dispositivo di supporto; è tutta tremante, con problemi di linguaggio. Esiste una diagnosi consolidata di sclerosi multipla. Correre in aiuto dell'ospedale, una persona muore, non c'è aiuto medico! E in cambio, qual è il punto! Non puoi aiutarla e non c'è cura, e ci sarà ancora, presto mentirà e poi morte, e un dio sa quanto Dio le ha dato. Non riesco a credere che non sia qualcosa da trattare, ma semplicemente per migliorare la qualità della vita residua del paziente!

Anonimo
Anonimo

10 anni dalla diagnosi della figlia. Oggi è costretta a letto, praticamente non mangia né beve - non c'è riflesso di deglutizione. Nelle ultime due settimane ho perso metà del mio peso - circa kg. Non può nemmeno prendere la medicina. Abbiamo pugnalato senza shpu quando mi fanno male lo stomaco e il sebazon, quando iniziano gli attacchi di panico (la scorsa settimana). Quanto durerà tutto - solo Dio lo sa!

Sergei

I primi segni nel 2009. La diagnosi nel 2020. L'intorpidimento scompare per un mese, la paresi della gamba sinistra non scompare affatto. È strano che sia stabilita la natura autoimmune della malattia e gli effetti pratici sul sistema immunitario sono appena discussi..

Esacerbazioni e remissione nella sclerosi multipla

La sclerosi multipla (SM) è una malattia del sistema nervoso. La SM può causare una vasta gamma di sintomi. Non esiste un "sintomo tipico della sclerosi multipla", poiché ogni persona ha una diversa manifestazione della malattia..

Che cos'è un aggravamento??

Esacerbazione - la comparsa di un nuovo sintomo (o gruppo di sintomi) o un chiaro peggioramento dei sintomi esistenti dopo che le condizioni neurologiche del paziente erano stabili o migliorate per un mese o più;

  • Clinicamente, le esacerbazioni della SM possono manifestarsi in modi diversi, a seconda dei processi che si verificano in quel momento nel cervello.
  • L'esacerbazione può essere associata alla comparsa di nuovi fuochi, nonché all'attivazione di quelli esistenti..

Come capire che ho un aggravamento?

I sintomi della sclerosi multipla possono apparire e scomparire a lungo, la loro ripresa è sempre considerata una esacerbazione. I sintomi possono variare in gravità. È importante ricordare che:

  • le esacerbazioni e i sintomi di ogni persona sono individuali;
  • vari sintomi possono manifestarsi durante ogni nuova esacerbazione;
  • la gravità dell'esacerbazione può essere sia lieve che abbastanza grave.

Le manifestazioni di alcuni sintomi sono facili da riconoscere, soprattutto se hanno un effetto significativo su varie funzioni del corpo. La presenza di altri sintomi può essere difficile da determinare. Ad esempio, se si verificano problemi di vista, gli oggetti iniziano a raddoppiare, puoi facilmente capire che una ricaduta è iniziata. Allo stesso tempo, un sintomo come la fatica sarà più difficile da associare a una manifestazione di esacerbazione..

Quanto spesso si verificano esacerbazioni?

Può essere difficile determinare se un sintomo esistente è persistente durante la sclerosi multipla o è una esacerbazione temporanea.

  • l'emergere di un nuovo sintomo o gruppo di sintomi, nonché un chiaro aumento dei sintomi che erano precedentemente disponibili, dopo che la condizione neurologica era stabile o migliorata per almeno 1 mese;
  • la comparsa di un deficit neurologico oggettivo, della durata di almeno 24 ore, mentre la durata dell'esacerbazione varia da 24 ore a 2 mesi in assenza di febbre o segni di una malattia infettiva.

Di norma, le esacerbazioni si manifestano dai sintomi entro poche settimane, meno spesso - mesi, dopo di che arriva un miglioramento - remissione.

Cosa scatena le esacerbazioni?

Le esacerbazioni sono causate dall'infiammazione nel cervello e nel midollo spinale, con conseguenti danni alla guaina mielinica delle fibre nervose. La trasmissione degli impulsi nervosi viene rallentata e confusa. Per questo motivo, scoppiano i sintomi della sclerosi multipla..

Gli studi hanno dimostrato che lo stress può aumentare il rischio di esacerbazioni. Nel momento in cui i pazienti hanno manifestato eventi stressanti, il numero di esacerbazioni è raddoppiato. Qualsiasi evento che, secondo i pazienti, è stato la causa dello stress emotivo ha influenzato direttamente lo scoppio dei sintomi. Inoltre, durante il test, i ricercatori hanno scoperto che il rischio di esacerbazioni rimane elevato 4 settimane dopo l'evento che ha causato lo stress.

Lo sviluppo di una recidiva può essere influenzato dallo sviluppo dell'infezione, poiché il sistema immunitario è attivato e la risposta delle cellule immunitarie alle strutture mieliniche è migliorata.

Esiste anche il concetto di "falsa esacerbazione" - intensificazione di vecchi sintomi sotto l'influenza di fattori esterni - elevata temperatura corporea o ambientale, raffreddori, superlavoro, ecc. La differenza fondamentale tra falsa esacerbazione e vero è una chiara correlazione tra fattori peggioranti e provocatori..

In alcuni casi, si distingue anche "esacerbazione latente" - non manifestandosi come sintomi di un deficit neurologico. Di norma, un'esacerbazione nascosta può manifestarsi come una sensazione di affaticamento persistente, sonnolenza e altri sintomi generali non specifici. Inoltre, sullo sfondo di tali sintomi "cancellati", c'è il pericolo di saltare l'attivazione del vecchio focus o la comparsa di uno nuovo. Si ritiene che circa 2/3 pazienti in diversi periodi della malattia abbiano avuto la tendenza a un corso nascosto di esacerbazioni.

Commento del dottore

  • cosa accadrà se la sclerosi multipla non viene trattata;
  • l'importanza dei farmaci che cambiano il corso della sclerosi multipla;
  • sintomi reversibili e irreversibili

Che cos'è la remissione??

Remissione: una chiara riduzione o scomparsa dei sintomi neurologici, della durata di almeno un mese.

  • Entrare in remissione non significa che i sintomi siano completamente scomparsi. Alcune persone tornano al loro stato precedente, che era prima dell'inizio dell'esacerbazione, qualcuno ha sintomi che persistono, ma rimangono meno pronunciati rispetto a durante l'esacerbazione.
  • Più lungo è il periodo di esacerbazione e più breve è il periodo di remissione, più veloce si accumula il deficit neurologico e le condizioni del paziente peggiorano.

Il periodo di remissione, a seconda del tipo di corso e dell'attività del processo, può durare da diversi mesi a diversi anni. L'assenza di nuovi sintomi e le condizioni stabili del paziente, di regola, non sono un motivo per interrompere la terapia PITRS. I farmaci che cambiano il corso della sclerosi multipla devono essere assunti per lungo tempo secondo il programma prescritto e il trattamento annullato o adeguato solo in consultazione con il medico curante.

Va ricordato che la condizione principale per mantenere la remissione è l'uso tempestivo dei farmaci prescritti. Maggiori dettagli sulle regole e raccomandazioni per l'uso di PITRS sono disponibili nella pagina “Controllo. Le regole di trattamento della sclerosi multipla ".

Circa il 90% dei pazienti ha una forma recidivante-remittente del decorso della malattia. Questa forma è caratterizzata da ricadute ed esacerbazioni alternate. Nel tempo, i sintomi si accumulano durante le esacerbazioni e le condizioni del paziente peggiorano. La terapia consente di limitare il numero e la profondità delle esacerbazioni, rallenta la disabilità dei pazienti.

Leggi Vertigini