Principale Tumore

Consultazione neurologo

La consultazione di un neurologo è uno dei punti chiave nella prevenzione e nel trattamento dei disturbi neurologici. Un neurologo è un medico le cui responsabilità professionali comprendono la diagnosi e il trattamento di malattie causate da un malfunzionamento del sistema nervoso centrale e periferico. Spesso, le malattie neurologiche sono accompagnate da gravi disturbi mentali e, pertanto, un neurologo potrebbe aver bisogno di consultare uno psicoterapeuta o uno psichiatra.

Lo spettro di queste malattie è estremamente ampio: nevralgia, tumori del cervello e del midollo spinale, epilessia, ictus, neurite, encefalite. Il neurologo tratta anche radicolite, osteocondrosi, lesioni alla testa e alla schiena, morbo di Parkinson, emicrania e malattie del sistema autonomo.

Indicazioni per la consultazione di un neurologo

Il quadro clinico delle malattie del sistema nervoso è rappresentato da molti sintomi. Tuttavia, si possono distinguere diversi segni principali di malattie, che sono la ragione per la consultazione con un neurologo. I sintomi includono:

  • mal di testa;
  • disturbi del sonno;
  • andatura instabile e mancanza di coordinazione;
  • spasmi
  • svenimenti
  • compromissione della memoria, alterazione del comportamento, nervosismo, alterazione dell'attività mentale;
  • mancanza di sensibilità e intorpidimento degli arti;
  • dolore nella parte bassa della schiena, collo, colonna vertebrale;
  • acufene forte;
  • superlavoro cronico;
  • cambiando il tono della voce;
  • difficoltà a deglutire;
  • visione doppia
  • vertigini.

La consultazione neurologica sarà anche richiesta per i pazienti con lesioni cerebrali traumatiche. Il fatto è che tali lesioni possono essere accompagnate da molte complicazioni potenzialmente letali: meningite traumatica, ascesso, encefalite, parkinsonismo, epilessia. L'ambito delle funzioni di un neurologo comprende anche la riabilitazione dei pazienti che hanno subito un ictus. Il medico deve iniziare le misure di riabilitazione immediatamente dopo la fine del trattamento, poiché solo in questo caso è possibile ripristinare completamente le funzioni danneggiate del sistema nervoso e prevenire le complicanze.

Consultazione da parte di un neurologo

Una consulenza gratuita o retribuita di un neurologo a Mosca è suddivisa in diverse fasi: chiarimento dei reclami del paziente, delle sue caratteristiche di vita e della sua storia medica, nonché conduzione di un esame completo. Non appena il paziente entra in ufficio, il medico presta immediatamente attenzione alla sua andatura e alla sua postura. Quindi scopre i sintomi che preoccupano il paziente e chiede anche l'intensità e la localizzazione del dolore, lo stato dell'udito, la vista, l'olfatto, la memoria, il sonno, l'attenzione, la tolleranza dei carichi vestibolari. Dopo aver ascoltato tutte le lamentele, il neurologo chiarisce la frequenza e l'intensità di vari sintomi.

Il paziente deve descrivere tutte le lamentele nel modo più dettagliato possibile, nonché parlare di quando sono comparsi i sintomi e se sono stati fatti tentativi precedenti di esaminare e trattare. Inoltre, il medico può interessarsi al regime della giornata del paziente, alle sue condizioni di lavoro, a precedenti infortuni, a malattie, a stress.

Il medico dovrebbe anche valutare lo stato psico-emotivo del paziente, la capacità di navigare nello spazio e nel tempo. Per fare questo, può chiedere al paziente dove si trova, che mese e anno. Dopo aver raccolto i reclami, il neurologo inizia a esaminare ed esaminare il paziente. Tutti i dati del sondaggio al termine vengono inseriti nella cartella clinica. Vale la pena notare che non tutti i casi richiedono un esame completo - a volte è sufficiente uno schema ridotto per valutare le condizioni del paziente.

  1. Esame Durante l'esame, il medico rivela segni visibili di disturbi neurologici come asimmetria del viso e del corpo, mani tremanti, cambiamenti ipertrofici e atrofici nei muscoli e nella pelle. In questa fase della consultazione, il medico valuta anche le condizioni dei nervi oculomotori (chiede al paziente di monitorare il movimento del malleo), gli odori (rende possibile l'odore di varie sostanze), il nervo lingua-faringeo e i muscoli facciali (chiede di aggrottare le sopracciglia, sopracciglia, sopracciglia, fronte delle rughe).
  2. Revisione della sfera motoria In questa fase di ammissione, il medico esamina il tono, i riflessi e la forza muscolare. Per valutare la forza, il paziente deve eseguire alcune azioni, ad esempio stringere la mano o resistere alla flessione dell'anca. Il controllo del tono muscolare viene effettuato sugli arti rilassati eseguendo movimenti passivi. Con l'aiuto di un martello neurologico, vengono controllati i riflessi delle gambe e delle braccia. A tal fine, un neurologo colpisce nell'area del ginocchio, del polso, del gomito o del tendine di Achille. Il coordinamento dei movimenti può essere valutato durante il serraggio e il rilascio di pugni.
  3. Test di sensibilità Innanzitutto, un neurologo verifica la sensibilità della superficie. Puoi farlo in diversi modi - con un ago o provette di diverse temperature. Lo studio della sensibilità profonda viene effettuato in un altro modo: il medico chiede al paziente di chiudere gli occhi e chiede in che modo ha girato il dito. In questo modo viene controllata la sensibilità muscolo-articolare. Il medico potrebbe anche aver bisogno di valutare la sensazione spaziale tridimensionale. Per fare ciò, un neurologo traccia con il dito i contorni di varie figure sul corpo del paziente, il che a sua volta deve indovinarli. Se il paziente lamenta mal di schiena, vengono controllati i punti di dolore paravertebrale..
  4. Valutazione del coordinamento dei movimenti Innanzitutto, il paziente deve rimanere in piedi per alcuni secondi nella seguente posizione: talloni uniti e calze divaricate, occhi chiusi, braccia distese in avanti. Quindi deve mettere l'indice sulla punta del naso con entrambe le mani contemporaneamente.

Ulteriori esami prescritti da un neurologo

Il neurologo effettua una diagnosi preliminare sulla base dei dati ottenuti durante l'esame del paziente. Tuttavia, la diagnosi finale può essere effettuata solo dopo ulteriori esami diagnostici. Oggi in neurologia vengono utilizzati numerosi metodi diversi, che consentono al neurologo di non sbagliare con la diagnosi..

Metodi di laboratorio

Per chiarire alcune malattie neurologiche, possono essere prescritti la puntura lombare, la biopsia stereotassica, la puntura dei ventricoli del cervello, esami del sangue clinici e biochimici e altri. La puntura lombare è considerata il metodo di laboratorio più accurato, consente di valutare lo stato del liquido cerebrospinale. È prescritto principalmente per la diagnosi di emorragie, infezioni del sistema nervoso centrale, malattie infiammatorie, demielinizzanti e degenerative..

Il liquido cerebrospinale selezionato durante la puntura è sottoposto ai seguenti studi: studi microbiologici, virologici, sierologici, glicemici e proteici, marker tumorali. La procedura può essere accompagnata da complicazioni: mal di testa che si verifica stando seduti o in piedi, mal di schiena, sanguinamento.

Test neurofisiologici

  • Elettromiografia: viene eseguita per differenziare tra loro lesioni del nervo periferico, muscoli, plessi, sinapsi neuromuscolari.
  • Velocità di conduzione nervosa - misurata dall'azione di brevi scariche elettriche sul nervo per valutare le lesioni muscolari, oltre a distinguere tra lesioni demielinizzanti e assonali.
  • Elettroencefalografia: questo metodo non invasivo, che viene applicato applicando un gran numero di elettrodi alla testa. I risultati dell'esame sono necessari per lo studio di disturbi parossistici, epilessia e diagnosi di morte cerebrale..
  • Mappatura dell'attività elettrica del cervello - utilizzata principalmente per valutare le condizioni dei bambini con ritardo mentale.
  • Elettistagmografia - un esame del movimento dei bulbi oculari, che viene effettuato per valutare le condizioni del sistema vestibolare.

Esame radiologico

  • La radiografia convenzionale è uno dei metodi diagnostici più semplici e convenienti, che consente uno studio completo della colonna vertebrale e delle ossa del cranio. Questa tecnica consente di diagnosticare fratture della volta cranica, craniosinostosi e anomalie spinali.
  • Tomografia computerizzata - è necessaria per la diagnosi di anomalie congenite del SNC, lesioni spinali e craniocerebrali, malattie che hanno un'eziologia infettiva. La TC, in contrasto con la risonanza magnetica, può fornire una valutazione più accurata delle anomalie ossee e delle lesioni acute..
  • Imaging a risonanza magnetica: consente di vedere chiaramente la struttura del cervello e identificare le formazioni patologiche in esse. Usalo per una diagnosi accurata delle malformazioni congenite del sistema nervoso centrale, dei tumori intraspinali e intracranici..
  • Esame ecografico: ideale per rilevare tumori profondi del cervello e del midollo spinale, nonché fistole e cisti. Un neurologo può anche prescrivere ultrasuoni prenatali per diagnosticare varie malformazioni congenite, come difetti del tubo neurale o idrocefalo.
  • Angiografia cerebrale - viene eseguita introducendo un mezzo di contrasto nelle arterie vertebrali e carotidi. Questa tecnica è indicata per uno studio completo di patologie vascolari, lesioni vascolari traumatiche, malattie cerebrovascolari.
  • Ecocardiografia: esame ecografico del cuore efficace per una valutazione accurata delle condizioni delle sue valvole e dei grandi vasi.

Ulteriori metodi diagnostici consentono di determinare con precisione la diagnosi del paziente. In generale, la diagnosi può durare da 40 minuti a diverse ore. La sua durata è direttamente correlata alle condizioni del paziente, nonché al quadro clinico della malattia. Se il paziente ha rilevato durante il ricevimento sintomi di malattie neurologiche come compressione del midollo spinale, incidente cerebrovascolare, dolore, il medico insisterà sul suo ricovero urgente.

Come è l'esame di un paziente neurologico

L'esame di un paziente neurologico in un policlinico differisce in modo significativo dall'esame di un paziente con un esame accurato di una determinata malattia, quando ha luogo un esame più dettagliato e mirato.

Un neurologo ad un appuntamento presso la clinica conduce un esame neurologico introduttivo, che consente di sospettare una malattia, se presente. Con l'aiuto di questo esame, il paziente esamina le funzioni mentali superiori, i nervi cranici, il sistema motorio, il cervelletto, la sfera sensibile, le reazioni autonome e i riflessi.

Quando una persona entra nell'ufficio di un neurologo, ha luogo la prima valutazione della sua andatura e postura. Un'andatura può essere traballante, accompagnata da cadute, che porta già il medico a una serie di malattie che possono causare un cambiamento nell'andatura.

L'intervista a una persona sui motivi che l'hanno portato a consultare un medico consente al medico di valutare il livello della sua coscienza, se è orientato nel luogo e nel tempo, per identificare disturbi della memoria, nonché se ci sono disturbi del linguaggio (balbuzie, violazione della pronuncia delle parole) e se disturbi mentali del paziente.

Dopo che al paziente viene chiesto di spogliarsi fino alla vita. In questo momento, il neurologo valuta la gamma di movimenti della persona, le sue espressioni facciali, le emozioni, se ci sono atrofie muscolari, contrazioni muscolari, contratture, anomalie del sistema muscoloscheletrico, tremore, sono accompagnati da sindrome del movimento del dolore.

La fase successiva dell'esame è la valutazione degli alunni: forma, dimensione, reazione alla luce. Ognuno di questi segni può essere un sintomo di una malattia. Un cambiamento nella reazione delle pupille alla luce nella maggior parte dei casi indica una lesione organica del sistema nervoso centrale.

Dopo aver valutato gli alunni, il medico procede alla valutazione dei movimenti dei bulbi oculari. In questa fase dell'esame vengono rivelati strabismo, visione doppia, nistagmo, paresi dello sguardo.

Successivamente, andiamo avanti per valutare la simmetria dei muscoli facciali e della lingua. Se ci sono deviazioni, sono già visibili alla prima ispezione. In una persona, l'angolo della bocca può essere omesso, la piega nasolabiale è levigata, la lingua viene deviata lateralmente, una fessura palpebrale è più ampia dell'altra e la palpebra superiore è omessa. La contrazione dei muscoli facciali può essere rilevata..

La fase successiva dell'ispezione è la valutazione della sfera motoria. In primo luogo, vengono valutati il ​​tono muscolare, il volume dei movimenti attivi e la forza degli arti superiori. Al paziente viene chiesto di allungare le braccia davanti a lui, stringere le dita del medico. Il neurologo valuta i riflessi tendinei delle mani. A questo punto, vengono rivelate atrofie dei muscoli delle mani, contratture nelle articolazioni, se vi sono tremori nelle mani, paresi e paralisi. La persona ha difetti e anomalie nello sviluppo delle mani, scolorimento della pelle delle mani, si stima la gamma di movimenti nella cintura della spalla. Gli arti inferiori sono esaminati secondo gli stessi segni degli arti superiori..

La sfera riflessa comprende la valutazione dei riflessi tendinei, nonché l'identificazione dei riflessi patologici che non sono determinati in una persona sana. Alla persona viene chiesto di sdraiarsi sulla schiena per valutare i riflessi addominali. Parte dei riflessi indica una lesione segmentaria del midollo spinale, un'altra parte indica una lesione del cervello.

Per identificare i disturbi del cervelletto, vengono utilizzati test coordinatori:

  1. Alla persona viene chiesto di eseguire movimenti rapidi e ritmici (test per la diacocinesi).
  2. Alla persona viene chiesto di fare curve veloci con i pennelli su e giù..
  3. Chiedono a una persona di raggiungere la punta del naso con gli occhi chiusi..
  4. Esegui il tallone di una gamba lungo la parte inferiore della gamba dalla parte inferiore della gamba.
  5. Alla persona viene chiesto di stare in piedi con le braccia tese in avanti e chiudere gli occhi..

Durante i test di coordinamento, il medico valuta l'accuratezza dell'esecuzione, la velocità e l'eventuale presenza di jitter.

L'area sensibile comprende dolore, sensibilità tattile e profonda. La sensibilità al dolore viene esaminata con un ago. Con il suo aiuto, vengono applicati leggeri movimenti di formicolio. La sensibilità tattile, o un senso del tatto, viene controllata con un pennello, applicando tocchi morbidi con esso. La profonda sensibilità è studiata dal medico che conduce movimenti passivi nelle articolazioni. L'intera area sensibile viene valutata con gli occhi di una persona chiusa. All'esame, le violazioni della sensibilità possono essere rilevate fino a una perdita completa in una determinata area del corpo.

Un esame neurologico iniziale in una clinica consente a una persona di sospettare cambiamenti patologici nel sistema nervoso e di indirizzare prontamente il paziente a una diagnosi più completa per una diagnosi finale. Nella maggior parte dei casi, il trattamento del paziente quando compaiono i primi sintomi allarmanti e un esame specialistico competente offre una migliore possibilità di recupero, poiché il trattamento della malattia è iniziato in modo tempestivo.

A. A. Skoromets su un esame neurologico di un paziente:

Chi è un neurologo?

Il sistema nervoso è uno dei più complessi organizzati nel corpo umano. La violazione del suo lavoro può portare a gravi conseguenze e una riduzione significativa del tenore di vita del paziente. Pertanto, il lavoro di un neurologo rimane sempre rilevante.

Un medico che è coinvolto nella diagnosi e nel trattamento delle malattie del sistema nervoso è chiamato neurologo o neuropatologo. Entrambi questi termini sono attivamente utilizzati da entrambi i pazienti e alcuni medici..

Neurologo e neuropatologo: qual è la differenza tra loro? Quali sintomi dovrei contattare con questi specialisti?

Qual è la differenza tra un neurologo e un neurologo?

Può sembrare che si tratti di nomi consonanti di due diversi specialisti. Ma il compito sia di un neurologo che di un neurologo è il trattamento di pazienti con problemi al sistema nervoso: centrale o periferico. Allora qual è la differenza tra i due? In realtà niente. Queste definizioni sono sinonimi. Il termine "neuropatologo" veniva usato in epoca sovietica e nella medicina moderna le malattie nervose sono una prerogativa di un neurologo. Nonostante ciò, molte persone usano ancora il termine obsoleto per abitudine.

Quali malattie possono aiutare un neurologo ?

Questo specialista è impegnato nella prevenzione e nel trattamento delle seguenti condizioni:

  • malattie dei nervi periferici (sciatica, neurite, vari tipi di polineuropatie);
  • patologie vascolari (ictus, insufficienza cerebrovascolare cronica, ipossia del neonato);
  • malattie demielinizzanti, che sono caratterizzate da distruzione della membrana nervosa e alterata conduzione nervosa (un esempio ben noto di una malattia di questo gruppo è la sclerosi multipla);
  • emicrania;
  • epilessia;
  • lesioni del sistema nervoso centrale e dei nervi periferici;
  • malattie del sistema nervoso autonomo (distonia vegetovascolare);

Inoltre, si distinguono una serie di patologie, nell'identificazione di cui il paziente necessita la consultazione di questo specialista. Quali malattie tratta un neurologo con altri medici? Infezioni del sistema nervoso (poliomielite, meningite), neoplasie del sistema nervoso centrale, varie nevrosi. La partecipazione di un neurologo alla diagnosi e al trattamento di queste patologie consente di ottenere risultati positivi del loro trattamento.

In quali casi è necessario contattare un neurologo?

Avendo deciso su cosa sta trattando il neurologo, scopriremo con quali sintomi contattare questo specialista. È necessario fissare un appuntamento se si presentano i seguenti reclami:

  • sensazione di ronzio e acufene;
  • compromissione del coordinamento dei movimenti;
  • mal di testa, vertigini;
  • sensazione di "brividi striscianti", formicolio, intorpidimento degli arti;
  • disordine del sonno;
  • dolore alla schiena, al collo, alla parte bassa della schiena;
  • compromissione della memoria;
  • stanchezza, debolezza generale;
  • dopo traumi cranici.

Se compaiono segni di disturbi neurologici, è inaccettabile automedicare. Una terapia impropria può portare a gravi complicazioni..

Oltre a tutto quanto sopra, ogni neonato durante il primo mese di vita deve essere esaminato da un neurologo pediatrico. Lo specialista valuta il funzionamento del sistema nervoso, verificando la presenza di tipici riflessi nel bambino e prestando attenzione allo stato dei muscoli (tono e simmetria). Se il bambino è sano, potrebbe aver bisogno solo di esami preventivi periodici. Cosa tratta un neurologo nei bambini se rilevano segni di patologia? Il medico prescrive la terapia in base all'età del paziente, può raccomandare sessioni di massaggio e fisioterapia.

Metodi per la diagnosi di malattie nervose

La diagnosi di malattie del sistema nervoso ha una serie di caratteristiche. Terapisti, chirurghi e rappresentanti di altre specialità al fine di riconoscere la malattia, utilizzare l'esame, le percussioni, la palpazione e l'auscultazione dell'area interessata. Tuttavia, il cervello e il midollo spinale non sono disponibili per l'esame diretto utilizzando i metodi sopra indicati. Un neurologo può fare al paziente una diagnosi corretta solo se viene rilevato un disturbo delle funzioni del sistema nervoso..

L'esame inizia sempre con un sondaggio, durante il quale lo specialista valuta lo stato di coscienza del paziente e le caratteristiche dell'attività cerebrale: parola, attenzione, memoria. Chiarendo le lamentele e chiarendo le caratteristiche dell'insorgenza e del decorso della malattia, il neurologo nota la capacità del paziente di comprendere il significato del discorso a lui indirizzato, la capacità di concentrarsi sull'argomento della conversazione.

Cosa controlla il medico per sospetta compromissione della funzione cerebrale? In questo caso, il neurologo chiederà al paziente di eseguire una delle semplici attività: disegnare qualcosa, scrivere o leggere ad alta voce alcune frasi. Per capire se il paziente può eseguire un'azione mirata, il medico suggerisce di mostrare come accendere un fiammifero o lavarsi i denti, per ripetere qualche gesto.

Lo specialista esamina necessariamente i riflessi del paziente con l'aiuto di uno speciale martello neurologico, uno strumento che i medici usano solo in questa specialità. Allo stesso tempo, si nota quanto sia pronunciata e simmetrica la reazione in ciascuna delle aree.

Se si sospetta un danno ai muscoli di un determinato gruppo (paresi), lo specialista chiede al paziente di flettere e piegare l'arto e stimare la quantità di movimento attivo. Un muscolo chiamato dinamometro aiuta a esplorare la forza muscolare. Inoltre, in alcuni casi, un neurologo controlla la sensibilità della pelle con stimoli come un ago piccolo o una spazzola morbida..

Ulteriori metodi di ricerca che un neuropatologo utilizza nella sua pratica includono:

  • Elettroencefalografia (EEG), con cui un medico può analizzare il lavoro del cervello, in base alla sua attività elettrica. La procedura viene eseguita a riposo o usando sostanze irritanti..
  • TC e risonanza magnetica. Questi metodi, grazie alla loro elevata precisione, consentono di determinare la natura e la localizzazione dell'emorragia nel tessuto cerebrale, rilevare la neoplasia del sistema nervoso, valutare il grado di compressione nella sindrome radicolare, ecc..
  • Scansione duplex, che consente la valutazione del flusso sanguigno nei vasi del collo.
  • Elettromiografia, durante la quale vengono registrati i potenziali elettrici dalla superficie dei muscoli.
  • Reoencefalografia, che aiuta a rilevare aree di flusso sanguigno alterato nei vasi cerebrali. Questa procedura può essere prescritta al paziente in caso di controindicazioni a TC e RM più informative..
  • La neurosonografia è un'ecografia del cervello. Può essere eseguito solo da bambini piccoli fino al momento in cui chiudono una grande fontanella.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti con malattie infettive del sistema nervoso richiedono una puntura lombare, durante la quale viene prelevato il liquido cerebrospinale e le sue caratteristiche vengono esaminate. Inoltre, in alcuni casi, per stabilire la diagnosi corretta, il medico indirizza il paziente a una consultazione con specialisti correlati. In questo caso, un oculista, un endocrinologo, un cardiologo e altri medici possono aiutare un neurologo.

Trattamento e prevenzione delle malattie neurologiche

La base di una lotta efficace contro le malattie nervose è un piano terapeutico individuale per ciascuno dei pazienti. Un neurologo tratta le malattie negli adulti e nei bambini con l'aiuto di farmaci, metodi fisioterapici (procedure elettriche, riflessologia), esercizi di fisioterapia.

Al fine di mantenere la salute del sistema nervoso, è necessario aderire ai principi di base di uno stile di vita sano, che includono:

  • modalità di lavoro e riposo;
  • mantenere un livello sufficiente di attività fisica;
  • dieta bilanciata;
  • rifiuto di cattive abitudini.

Un altro modo efficace per evitare malattie del sistema nervoso sono gli esami preventivi di un neurologo. Una visita annuale a uno specialista consente di identificare le possibili deviazioni in una fase precoce, quando il trattamento è il più efficace e semplice.

Quindi, abbiamo parlato di chi sia un tale neurologo e di cosa tratta questo specialista in adulti e bambini. Se compaiono segni di malattie neurologiche, è necessario contattare immediatamente un medico qualificato. Indipendentemente da come si definisce lo specialista, sia un neurologo che un neuropatologo possono aiutare il paziente a riprendersi.

All'appuntamento con un neurologo: poche parole sulla norma e la patologia

Esame neurologico del bambino in 1 mese

Il tuo bambino avrà presto 1 anno o già 1 mese!

Dietro c'era uno dei periodi più difficili della vita di un neonato. In effetti, il primo mese di vita di un bambino diventa per lui il primo periodo critico dopo la nascita: è caratterizzato dall'intenso lavoro di tutti gli organi e sistemi del corpo che sono "responsabili" dell'adattamento (adattamento) del neonato a condizioni ambientali fondamentalmente nuove per lui. Entro la fine di questo periodo, tutti i processi di transizione dovrebbero essere completati, tuttavia, sotto l'influenza di condizioni ambientali avverse, con un corso indebolito di gravidanza e parto, i processi di adattamento naturale per un neonato possono assumere un orientamento patologico e portare a una malattia neurologica del bambino.

È in questo momento che è necessario per la prima volta visitare un neurologo - di solito solo per assicurarsi: il bambino sta bene; ma se questo non è il caso, al fine di identificare, "catturare" la patologia all'inizio, e prevenire lo sviluppo della malattia. Per determinare il livello di sviluppo del bambino ed escludere la patologia neurologica, non solo la valutazione delle reazioni formate alla luce, al suono, all'attività motoria e psico-emotiva del neonato, ma anche il suo aspetto è importante (in realtà, questo articolo sarà principalmente dedicato al mio articolo).

Quindi, a cosa presta attenzione un neurologo quando esamina un bambino di un mese? Sulla forma e le dimensioni del suo cranio, espressione facciale, postura, tipo di pelle. Perché è così importante? Perché le nostre preoccupazioni ed esperienze sono spesso associate alla presenza di deviazioni precisamente dall'aspetto del bambino, specialmente se si tratta di un cambiamento nella forma e nelle dimensioni del cranio? Ciò è dovuto principalmente al fatto che tali cambiamenti possono essere un segno diagnostico di gravi malattie: l'idrocefalo e la microcefalia.

La forma e le dimensioni del cranio

Deviazione dalla norma - una possibile patologia...

L'idrocefalo è un aumento eccessivo delle dimensioni del cranio, fontanelle, causato da un aumento della quantità di liquido cerebrospinale nella cavità cranica. In questa malattia, cambia anche la forma del cranio: la sua regione cerebrale prevale significativamente sul viso, la parte frontale sporge nettamente in avanti, si osserva una pronunciata rete venosa nelle tempie e nella fronte.

La microcefalia è una diminuzione delle dimensioni del cranio e una chiusura precoce delle fontanelle. Con la microcefalia congenita, la dimensione del cranio è piccola dalla nascita, le suture craniche sono ristrette, le fontanelle sono chiuse o piccole. In futuro, c'è un tasso di crescita più lento nella circonferenza della testa, quindi a volte in un bambino di 2-3 anni le dimensioni del cranio sono quasi le stesse della nascita. Con la microcefalia, il cranio ha una forma specifica: la regione cerebrale del cranio è più piccola del viso, la fronte è piccola, inclinata, la linea della fronte e il naso sono smussati.

Condizioni come l'idrocefalo e la microcefalia continuano a ritardare lo sviluppo mentale e fisico e quindi richiedono una correzione fin dalla tenera età.!

...o motivo di ulteriori esami?

Ma qualsiasi deviazione dalla norma dovrebbe indicare chiaramente una condizione patologica? Ovviamente no! Le osservazioni cliniche mostrano che ci sono molti fattori che influenzano la forma e le dimensioni della testa. Certo, anche un piccolo aumento o diminuzione della circonferenza del cranio in un neonato rispetto alla norma di età può essere considerato un fattore di rischio per lo sviluppo dell'idrocefalo o della microcefalia, ma non si deve prendere dal panico, avendo appena scoperto che la testa del bambino è leggermente più grande o più piccola del normale: questo dovrebbe Innanzitutto, un segnale alla necessità di ulteriori esami per escludere condizioni patologiche. Quali sono questi sondaggi?

  • Un metodo assolutamente sicuro e affidabile è la neurosonografia (esame ecografico del cervello attraverso una grande fontanella). Questo studio aiuterà non solo a vedere i cambiamenti nella struttura del cervello e i segni di aumento della pressione intracranica, ma anche a valutare il flusso sanguigno attraverso i principali vasi del cervello.
  • Un metodo ancora più affidabile è la risonanza magnetica nucleare del cervello (NMR), tuttavia, questo studio per bambini viene condotto in anestesia generale, quindi viene eseguito solo secondo indicazioni abbastanza buone.
  • In questo caso, sono necessarie anche consultazioni con un optometrista e un neurochirurgo..

Compiti per i genitori

Inoltre, fin dalla nascita, puoi controllare indipendentemente l'aumento della circonferenza della testa del bambino, che è uno dei principali indicatori di norma e patologia. Come farlo con competenza?

  • Misura la circonferenza della testa del bambino settimanalmente e registra i numeri su un taccuino appositamente avvolto.
  • Durante la misurazione, posizionare il nastro di centimetro lungo i punti più sporgenti del cranio (tubercoli frontali e occipitali).
  • Al fine di evitare equivoci, la misurazione deve essere eseguita dalla stessa persona..

Oltre all'aumento della circonferenza della testa, puoi controllare l'aumento della circonferenza del torace, che è uno degli indicatori antropometrici generali dello sviluppo del bambino. Per questo:

  • misurare settimanalmente la circonferenza del torace nello stesso giorno in cui si misura la circonferenza della testa;
  • posizionare il nastro di centimetro a livello della linea dei capezzoli del bambino.

Perché abbiamo bisogno di tale "iniziativa"? Effettuando queste semplici misurazioni, aiuterai il medico a fare un quadro oggettivo dello sviluppo del bambino e puoi calmarti, eliminando la possibilità di sviluppare gravi malattie (un normale aumento mensile della circonferenza della testa per i primi tre mesi in un bambino a termine non deve superare i 2 cm al mese; fino a una circonferenza di un anno circa 1 cm in più rispetto alla circonferenza della testa del bambino).

Bene, ora alcune parole su ciò che può e dovrebbe essere normale e che cos'è una patologia. Conversazione su questo argomento ho cercato di vestire sotto forma di risposte a domande che molto spesso stimolano i giovani genitori.

Ciò che determina la forma del cranio?

Normalmente, quando un bambino passa attraverso il canale del parto, le ossa del cranio si sovrappongono. Le caratteristiche del corso del processo di nascita influenzano il cambiamento nella forma del cranio. Con un complicato certificato di nascita, può verificarsi una forte scoperta delle ossa del cranio l'una sull'altra, e questo porterà alla sua deformazione, che rimarrà per un tempo sufficientemente lungo.

Un cambiamento nella forma del cranio può essere espresso nel preservare il gonfiore dei tessuti molli della testa nel punto in cui il bambino si è spostato in avanti lungo il canale del parto. Il gonfiore scompare durante i primi 2-3 giorni. Il cefalogematoma (emorragia del periostio) cambia anche la forma del cranio. Si risolve più lentamente del gonfiore e questo processo richiede la supervisione di specialisti (neurologo, chirurgo).

La modifica della forma del cranio è anche associata a caratteristiche legate all'età. In un neonato, il cranio è allungato nella direzione anteroposteriore e dopo alcuni mesi la dimensione trasversale del cranio aumenterà e la sua forma cambierà.

Un certo cambiamento nella forma e nelle dimensioni del cranio può verificarsi durante lo sviluppo normale nei neonati prematuri, o quando il bambino è spesso sdraiato sullo stesso lato o quando il bambino è sdraiato sulla schiena per molto tempo.

Come cresce la testa?

In un neonato, la circonferenza media della testa è di 35,5 cm (l'intervallo di 33,0-37,5 cm è considerato normale). L'aumento più intenso della circonferenza della testa nei neonati a termine si osserva nei primi 3 mesi - una media di 1,5 cm per ogni mese. Quindi la crescita diminuisce leggermente e entro l'anno la circonferenza della testa del bambino è in media 46,6 cm (l'intervallo normale è 44,9-48,9 cm).

La circonferenza della testa in un bambino prematuro aumenta più velocemente rispetto a un bambino a termine, e l'aumento è più pronunciato durante il periodo di aumento di peso attivo e entro la fine del 1 ° anno di vita raggiunge valori normali. L'eccezione sono i bambini profondamente prematuri.

Tuttavia, dovresti sempre tenere presente che anche con il normale sviluppo del bambino, potrebbero esserci deviazioni fisiologiche dai valori medi, che sono spesso associati a caratteristiche costituzionali o influenze ambientali.

Cosa sono le fontanelle?

Le fontanelle si trovano nell'area di convergenza delle ossa del cranio. La grande fontanella anteriore si trova tra le ossa frontale e parietale. Alla nascita, ha dimensioni da 2,5 a 3,5 cm, quindi diminuisce gradualmente di 6 mesi e si chiude a 8-16 mesi. La fontanella posteriore piccola si trova tra le ossa parietali e occipitali. È piccolo e si chiude per 2-3 mesi di vita.

Nei processi patologici accompagnati da un aumento della pressione intracranica, le fontanelle si chiudono più tardi e accade che riaprano. Le piccole dimensioni della fontanella anteriore possono essere una variante della norma, se non sono accompagnate da una diminuzione della circonferenza del cranio, dal suo tasso di crescita e dallo sviluppo psicomotorio ritardato.

I suddetti sintomi non limitano l'intera varietà di possibili deviazioni in un bambino piccolo. Tuttavia, va tenuto presente che qualsiasi versione insolita dell'aspetto del bambino richiede un attento esame e monitoraggio della sua crescita e sviluppo.

Quando e come un neurologo dovrebbe esaminare un bambino?

Lo sviluppo di un bambino piccolo è un segno molto sensibile dello stato del corpo. Dipende sia dalle caratteristiche ereditarie sia da un insieme complesso di condizioni sociali e richiede un'osservazione dinamica da parte dei medici. Non dimenticare di mostrare il tuo bambino agli specialisti in tempo - 1, 3, 6, 12 mesi!

Se inviti uno specialista a casa tua, devi considerare quanto segue:

  • l'esame del bambino deve essere effettuato su un fasciatoio o altra superficie morbida, ma non flettente;
  • la situazione dovrebbe essere calma, se possibile escludere le distrazioni;
  • l'ispezione viene preferibilmente effettuata 1,5-2 ore dopo l'alimentazione;
  • la temperatura dell'aria nella stanza dovrebbe essere di circa 25 ° C, illuminazione - luminosa, ma non fastidiosa.

In conclusione dell'articolo, voglio ricordare ancora una volta: non rimandare la visita al neurologo, ricorda che la valutazione tempestiva di tutte le misure sanitarie, preventive e terapeutiche volte a garantirne il normale sviluppo dipende dalla corretta valutazione della salute del neonato e solo uno specialista può dare una valutazione corretta!

Per domande di carattere medico, assicurati di consultare prima il medico.

Neurologo: quale malattia tratta e come è l'esame

Sommario

I neurologi sono coinvolti nella diagnosi, nella prevenzione e nel trattamento di una vasta gamma di malattie del sistema nervoso centrale e periferico e stanno curando alcune patologie del sistema muscolo-scheletrico. La maggior parte delle visite a questi specialisti sono associate a patologie come neurite, osteocondrosi e radicolite. Nella loro pratica, i medici si concentrano sempre sui moderni metodi di esame e trattamento, utilizzano strumenti speciali e farmaci efficaci. Se necessario, i neurologi possono indirizzare i loro pazienti a interventi chirurgici. Di norma, il trattamento chirurgico viene eseguito con fasi avanzate della malattia, quando la terapia conservativa non dà l'effetto desiderato..

Cosa tratta un neurologo?

I neurologi trattano mal di testa, osteocondrosi (cervicale e altri dipartimenti), ernie spinali, infiammazione del trigemino, ecc..

Gli specialisti vengono contattati con:

  • Osteocondrosi di varie parti della colonna vertebrale
  • Strokes
  • Epilessia
  • Malattie di Alzheimer e Parkinson
  • Insonnia e altri disturbi del sonno
  • Pressione sanguigna alta e bassa

I professionisti si occupano di disturbi associati a disturbi genetici provocati da ipossia fetale e altre complicazioni durante la gravidanza e il parto, lesioni, malattie infiammatorie (inclusa la meningite), disturbi distrofici nella colonna vertebrale, cartilagine articolare, ecc..

I neurologi prestano particolare attenzione alle complicanze del periodo perinatale. Gli specialisti dei bambini conducono una diagnosi e una terapia complete della paralisi cerebrale e di altre lesioni del sistema nervoso. Alcune patologie (ad esempio mal di testa) vengono eliminate dai neurologi insieme ad altri medici. In casi particolarmente gravi, vengono convocate consultazioni di medici che decidono la terapia conservativa o la chirurgia. Gli specialisti svilupperanno una metodologia per la gestione del paziente, che garantisce la conservazione della sua salute.

Quando contattare un neurologo?

Prendi un appuntamento con uno specialista quando:

  • Mal di testa. È particolarmente importante prendere un appuntamento il prima possibile se i dolori sono improvvisi e acuti, si accumulano gradualmente e non sono alleviati dai farmaci standard.
  • Frequenti vertigini, svenimenti e svenimenti
  • Dolore al viso, al collo, alla schiena, agli arti, in tutto il corpo
  • Debolezza muscolare
  • Violazioni del sonno, della parola, della memoria, della concentrazione
  • Agitazione dell'andatura e violazione generale del coordinamento dei movimenti
  • Movimenti incontrollati di arti (comprese le zecche)

Con un bambino dovrebbe consultare un medico il più presto possibile se il bambino:

  • Stringe le dita dei piedi quando si è in piedi o camminando
  • Avere difficoltà ad addormentarsi, spesso si sveglia
  • Sparsi e incapaci di concentrarsi
  • Stanco rapidamente
  • Soffre di perdita di memoria
  • Cattivo a scuola
  • Difficoltà a comunicare con i colleghi

Importante! Non ritardare la visita di un medico fino a dopo. Alcune delle malattie che sono di competenza dei neurologi progrediscono rapidamente e sono irreversibili. La loro terapia efficace è possibile solo nelle prime fasi. In questa fase, è possibile interrompere la progressione del processo patologico e rimuovere alcuni sintomi.

Com'è l'accoglienza?

La ricezione dal neurologo inizia sempre con una conversazione con il paziente. È importante che uno specialista raccolga un'anamnesi.

Per questo, il paziente deve informare il medico di:

  • Predisposizione genetica a determinate malattie
  • Sintomi inquietanti, loro gravità e frequenza di manifestazione
  • Assunzione di droghe

All'appuntamento del neurologo, è consigliabile portare tutti i risultati degli esami (se presenti), estratti e altra documentazione medica. Ciò consentirà al medico di effettuare la diagnosi più accurata il più presto possibile e di iniziare il trattamento.

Importante! Se il paziente non è in grado di esprimere in modo indipendente i propri pensieri, un parente o un altro rappresentante viene necessariamente con lui alla reception. È lui che risponderà a tutte le domande. Preparare una consultazione in anticipo.

Dopo la conversazione, il medico effettua un esame.

Il neurologo deve valutare:

  • Attività fisica
  • Simmetria degli arti e delle spalle
  • Caratteristiche della postura
  • Il grado di tremore delle mani e del corpo nel suo insieme

Lo specialista controlla i riflessi e la forza muscolare, la temperatura e la sensibilità al dolore della pelle. Determinato anche dal coordinamento dei movimenti, dalla capacità di valutare correttamente la posizione spaziale del corpo, dalla stabilità in varie pose. Oggi, i neurologi hanno nel loro arsenale una serie di semplici test. Danno un'idea generale dello stato del sistema nervoso..

In alcuni casi, il medico può immediatamente fare una diagnosi e iniziare il trattamento della patologia identificata. Se ciò non è possibile, viene effettuato un esame completo..

Diagnosi di un neurologo

L'esame completo comprende sia metodi di laboratorio che strumentali.

  • Sangue (generale e biochimico)
  • urina
  • Ultrasuoni dei vasi sanguigni (scansione Doppler). Lo studio è condotto con l'obiettivo di valutare il flusso sanguigno nei vasi sanguigni, valutare l'ampiezza del loro lume, identificare la stenosi
  • Radiologia Tale studio ci consente di valutare le condizioni delle strutture muscoloscheletriche e di altre strutture, identificare lesioni, rilevare le loro conseguenze, ecc..
  • CT La tomografia computerizzata viene eseguita per rilevare l'atrofia della corteccia cerebrale, la compressione delle sue strutture, l'idrocefalo, ecc..
  • MRI La risonanza magnetica consente di ottenere immagini dettagliate di tutte le strutture nervose e determinarne la funzionalità al fine di identificare una serie di malattie
  • Echoencephalography. Questo studio sostituisce la TC e la risonanza magnetica durante l'esame di bambini di età inferiore ai 2 anni e la diagnosi di emorragie nei pazienti a letto
  • COLPETTO. Tale studio è particolarmente informativo per ictus, epilessia, tumori cerebrali.

Se necessario, vengono effettuati altri esami. Sulla base dei loro risultati, il neurologo determina quale trattamento prescrivere a un particolare paziente..

Vantaggi del contatto con un neurologo MEDSI

  • Specialisti esperti. I nostri neurologi migliorano costantemente le loro qualifiche, seguendo corsi di formazione in importanti centri russi e stranieri. Gli specialisti adottano con successo esperienza internazionale e mettono in pratica il proprio autore
  • Metodi diagnostici tradizionali e moderni. Un esame completo può essere eseguito in un solo giorno. Grazie a questo, il trattamento da parte di un neurologo di qualsiasi patologia - dal mal di testa all'ernia intervertebrale - inizierà nel prossimo futuro
  • Terapia efficace per una vasta gamma di malattie. Solo i metodi e i farmaci moderni sono sempre usati per il trattamento. La terapia viene eseguita utilizzando protocolli internazionali e non causa complicazioni.
  • Opportunità per la consultazione di neurologi, traumatologi e neurochirurghi. Se necessario, una consultazione dei medici
  • Una vasta gamma di tecniche utilizzate per la terapia. La clinica offre trattamenti fisioterapici, massaggi, metodi di riflessologia applicati.
  • La presenza di attrezzature moderne. Abbiamo strutture per massaggi elettrici e altre procedure

Se si desidera fissare un appuntamento con un neurologo e sottoporsi a un trattamento per l'osteocondrosi della colonna vertebrale (cervicale e altri dipartimenti), ernia intervertebrale, infiammazione del trigemino, mal di testa da tensione, emicrania e altre patologie, chiamare

Appuntamento neurologo a Mosca: quali malattie tratta questo medico??

Quasi ogni persona ha avuto forti mal di testa, mal di schiena, disturbi del sonno, vertigini o altri disturbi che richiedono l'attenzione di uno specialista. Una persona che viene in un istituto medico con problemi simili viene indirizzata a un neurologo o neurologo.

I neurologi dell'ospedale Yusupov prescrivono uno speciale complesso terapeutico per il trattamento, che tiene conto delle caratteristiche del paziente. Il complesso di solito consiste in terapia farmacologica, fisioterapia e misure di riabilitazione. Ciò può migliorare significativamente la qualità della vita di una persona con una malattia neurologica..

Chi è neurologo e neuropatologo

Un neurologo è uno specialista che si è laureato presso un'università o un istituto di medicina, dopo di che ha completato uno stage o una specializzazione primaria in neurologia. Un neurologo è coinvolto nella diagnosi e nel trattamento di malattie e condizioni patologiche associate a un funzionamento alterato del sistema nervoso umano. È specializzato in malattie del sistema nervoso centrale e periferico. Queste malattie includono neurite, nevralgia, ictus e microstrokes, epilessia, demenza, encefalite, neoplasie nel cervello e nel midollo spinale. Se non si verificano disturbi mentali durante lo sviluppo di tali malattie, il neurologo è responsabile dell'eliminazione dei disturbi. Altrimenti, uno psichiatra si unisce al trattamento del paziente.

Neurologo è un nome obsoleto per un neurologo. Il concetto è stato utilizzato in URSS per designare uno specialista che ha ricevuto un'istruzione medica superiore e una qualifica nella specialità "Neurologia". Il concetto di "neuropatologo" è stato ampiamente utilizzato fino agli anni '80 del XX secolo. Ora questo termine non è praticamente utilizzato. Raramente è visto in letteratura specializzata. La moderna nomenclatura delle specialità mediche utilizza solo il concetto di "neurologo" per designare tale specialista.

La differenza tra un neurologo e un neurologo

Dopo aver determinato il significato dei concetti "neurologo" e "neuropatologo", possiamo concludere che si tratta in realtà dello stesso specialista. Solo il termine "neurologo" è già obsoleto ed è praticamente fuori uso, e il termine "neurologo" è attivamente utilizzato nella moderna pratica medica.

Va notato che entrambi i concetti sono ancora usati all'estero, ma sono in qualche modo diversi. Un neurologo (neurologo) è impegnato nella diagnosi e nel trattamento delle malattie del sistema nervoso e un neuropatologo (neuropatologo) è uno specialista che studia la patomorfologia del sistema nervoso. Il campo di attività di un neuropatologo (neuropatologo) riguarda la patologia anatomica, la neurologia e la neurochirurgia. Lo specialista studia malattie e diagnostica patologie neurologiche mediante esame microscopico dei tessuti del paziente.

Quali malattie tratta un neurologo?

I neurologi dell'ospedale di Yusupov sono i maggiori esperti nel campo delle malattie del sistema nervoso centrale e periferico. Trattano i pazienti con patologia del sistema nervoso centrale e periferico. Le malattie si manifestano con paralisi, perdita di temperatura, dolore, sensibilità tattile, convulsioni o disturbi della salute mentale. Le seguenti condizioni appartengono alla competenza dei neurologi:

  • mal di testa;
  • crisi epilettiche;
  • coscienza alterata;
  • mal di schiena;
  • lesioni alla testa e alla colonna vertebrale.

I neurologi dell'ospedale Yusupov trattano le seguenti malattie:

  • Morbo di Parkinson - una malattia demielinizzante in cui i movimenti sono rallentati, il tono muscolare aumenta, appare il tremore;
  • Il morbo di Alzheimer;
  • incidente cerebrovascolare transitorio, ictus emorragico e ischemico;
  • sciatica - neurite del nervo sciatico, manifestata da dolore acuto nella regione lombare e nell'osso sacro;
  • meningite - infiammazione della membrana meningea del midollo spinale;
  • la miastenia grave è una malattia genetica in presenza della quale progrediscono debolezza muscolare e affaticamento patologico;
  • mielite - infiammazione del midollo spinale di origine infettiva;
  • sclerosi multipla;
  • distrofia muscolare - una malattia degenerativa causata da un danno alle fibre muscolari scheletriche;
  • SLA - sclerosi laterale amiotrofica o malattia dei motoneuroni.

L'aiuto di un neurologo è anche necessario per nevralgia, neurite o polineuropatia, neoplasie del cervello o del midollo spinale. I pazienti con sindrome hanno bisogno di consultazione e supervisione da parte di un neurologo:

  • gambe irrequiete;
  • sindrome da deficit di attenzione e iperattività;
  • fatica cronica.

Meningite tubercolare, sindrome del tunnel, disturbi extrapiramidali, encefalite ed encefalopatia: si tratta di malattie in presenza delle quali è necessario l'aiuto di un neurologo. Un neurologo-vegetologo studia il sistema nervoso autonomo, i suoi disturbi, le cause delle malattie e prescrive il trattamento.

Segni di malattia neurologica

Le malattie del sistema nervoso non compaiono immediatamente, ma si sviluppano lentamente e gradualmente. Conducono a pericolose conseguenze gravi e irreversibili: paralisi, disabilità, perdita di intelligenza. Con l'età, questo rischio aumenta solo..

Con la paralisi periferica, la contrattilità dei muscoli viene persa, una persona non può muoversi autonomamente, non controlla la propria. La paresi è una parziale perdita di attività muscolare da parte dei muscoli. In entrambe le condizioni, si sviluppa l'atrofia muscolare, il volume muscolare diminuisce, i riflessi tendinei sono assenti, il tono muscolare si perde.

La paralisi centrale si manifesta con un aumento del tono muscolare, un aumento della velocità dei riflessi tendinei. Con la sconfitta dei gangli della base, che si trovano nella sostanza bianca del cervello, vi è una violazione della regolazione della funzione motoria e autonomica, che influisce sulla motilità dei movimenti. Rallentano, diventano involontari, appaiono tremori (tremore), cambiamenti di tono muscolare. In caso di danno al cervelletto, la coordinazione dei movimenti è compromessa, il linguaggio diventa sfocato e lento, gli arti si indeboliscono.

Quando è necessario contattare un neurologo

Uno dei sintomi più comuni, in presenza del quale è necessario consultare un neurologo, è un mal di testa. Può essere il risultato di superlavoro, stress costante, aumento dell'ansia, aterosclerosi, microstroke, ecc. Quasi sempre, questa condizione viene trasferita "sui piedi" e viene eliminata dagli antidolorifici. Un tale viaggio può portare a conseguenze negative, poiché un mal di testa è un segnale del corpo sullo sviluppo della patologia. Ci sono molte malattie, un segno del quale è un mal di testa. Solo un neurologo qualificato sarà in grado di determinare la causa principale del disturbo e scegliere il trattamento appropriato..

Prendi un appuntamento con un neurologo anche se hai i seguenti sintomi:

  • vertigini;
  • debolezza;
  • oscuramento periodico o sfocatura davanti agli occhi;
  • disturbi del sonno (insonnia, incubi, sonnambulismo);
  • dolore muscolare
  • compromissione del coordinamento dei movimenti;
  • instabilità dell'andatura;
  • menomazione del linguaggio;
  • deficit visivo;
  • perdita di conoscenza;
  • un attacco singolo o ripetuto;
  • osteocondrosi;
  • malattie del sistema cardiovascolare.

Sarà utile visitare un neurologo per la prevenzione a coloro che sono esposti a fattori che provocano patologie neurologiche:

  • stress frequente;
  • lavoro che richiede maggiore attenzione;
  • cattive abitudini (fumo, abuso di alcool);
  • età avanzata (dopo 60 anni, aumenta il rischio di sviluppare demenza);
  • predisposizione ereditaria alle malattie neurologiche.
Il paziente deve consultare un neurologo se ha rallentato la reazione motoria, c'è una sensazione di rigidità nel corpo, tremanti mani e piedi, contrazioni muscolari convulsive. Anche il dolore alla schiena, alle spalle, alle braccia e alle gambe, la ridotta sensibilità in alcune aree della pelle, l'intorpidimento e il formicolio richiedono un esame da parte di un neurologo. In caso di compromissione della memoria, cambiamento del senso dell'olfatto, alterazione del gusto, è necessaria la consultazione di un buon neurologo. Questo medico aiuterà anche i pazienti che soffrono di attacchi senza causa di paura, panico, palpitazioni cardiache, brividi o sensazione di calore in tutto il corpo..

Ricevimento dal neurologo

Alla reception, un neurologo chiede quali lamentele ha il paziente, scopre quando compaiono i primi sintomi della malattia, se progrediscono. Quindi il neurologo scopre se c'erano sintomi simili nel parente più prossimo del paziente.

Esegue un esame esterno, determina se esiste un'asimmetria del viso o di altre parti del corpo. Per studiare il lavoro del nervo oculomotore, suggerisce che il paziente segua i movimenti del malleus senza girare la testa. Per testare i riflessi, chiede al paziente di stropicciare la fronte, dire "A" o tirar fuori la lingua.

La sensibilità del viso viene controllata con un ago. Per determinare il tono muscolare e la forza muscolare, il medico chiede al paziente di stringere la mano, per resistere quando cerca di piegare il gomito. I profondi riflessi delle braccia e delle gambe sono controllati dai colpi del martello sui tendini. Esamina i riflessi superficiali irritando la pelle della parete addominale anteriore con un ago.

Uno studio approfondito dei muscoli e delle articolazioni di un paziente con gli occhi chiusi. Il medico prende il dito del paziente in diverse direzioni e chiede un nome esatto in quale direzione lo fa. Per determinare la condizione dei punti di dolore paravertebrale e dei nervi spinali, disegnare varie figure, numeri o lettere sulla pelle del paziente aiuta.

Affinché il medico controlli il coordinamento dei movimenti, il paziente prende la posa di Romberg. Sta in piedi con i piedi uniti, le braccia tese in avanti e gli occhi chiusi. Il neurologo chiede di portare lentamente a turno l'indice di ogni mano al naso. In questo studio, una persona non deve vacillare ai lati. Per valutare la memoria, il medico può porre alla persona sotto inchiesta domande specifiche sull'account o sulla conoscenza delle date.

Ulteriori studi neurologici

Dopo aver chiarito i reclami, l'anamnesi della malattia e della vita, l'esame generale e neurologico, i medici della clinica di neurologia dell'ospedale di Yusupov elaborano uno schema di esame completo, che comprende:

  • tomografia computerizzata - rivela aree di emorragia, malformazioni di arterie o vene, consente di vedere i cambiamenti dei tessuti, il loro ammorbidimento o edema in caso di trauma cranico o attacco cardiaco;
  • la risonanza magnetica è un moderno metodo diagnostico che fornisce informazioni più dettagliate a causa della maggiore risoluzione dell'apparato;
  • angiografia - uno studio radiografico di contrasto che rileva i cambiamenti nei vasi sanguigni del cervello;
  • tomografia multispirale - un metodo non invasivo di visualizzazione dei vasi cerebrali;
  • ultrasuoni: consente di ottenere un'immagine dettagliata dei grandi vasi del collo.
La puntura lombare e l'analisi del liquido cerebrospinale vengono eseguite con meningite, emorragie, neoplasie delle meningi. Uno studio a raggi X usa il contrasto. Alle radiografie, il radiologo può vedere le ernie intervertebrali dei dischi, le escrescenze dei corpi vertebrali e i processi tumorali. Lo studio fornisce una chiara idea dello stato dello spazio subaracnoideo del midollo spinale.

L'elettroencefalografia consente di registrare biopotenziali cerebrali. Utilizzando l'elettroneuromiografia, vengono determinati lo stato dei nervi e dei muscoli periferici, la localizzazione del processo patologico e il grado di danno alle fibre nervose. In neurologia vengono utilizzati metodi diagnostici come la biopsia dei muscoli e dei tessuti nervosi, studi genetici, esami del sangue clinici e biochimici.

Dove conduce un neurologo e un neuropatologo a Mosca

Per fissare un appuntamento con un neurologo e neurologo a Mosca, chiama l'ospedale Yusupov. La clinica offre una gamma completa di servizi medici - dalla consultazione iniziale al trattamento ospedaliero. L'ospedale è dotato delle ultime tecnologie. Utilizza apparecchiature ad alta tecnologia di produttori europei e giapponesi, che si sono affermati nel mercato globale delle apparecchiature mediche. Nell'ospedale Yusupov, opera un ospedale, dove tutto è stato creato per un soggiorno confortevole e cure mediche di qualità. L'ospedale ha il suo centro scientifico e pratico, chirurgia e terapia intensiva.

Il dipartimento di neurologia dell'ospedale Yusupov è specializzato nella prevenzione e nel trattamento della malattia di Parkinson, Alzheimer, demenza, ictus, sclerosi multipla, epilessia e altre patologie neurologiche. Qui lavorano i principali neurologi della Russia, candidati e dottori in scienze che sono autori di libri e articoli scientifici sulla neurologia. Pubblicano relazioni scientifiche a conferenze russe e internazionali su temi di attualità della neurologia. Gli scienziati stanno studiando gli ultimi farmaci, quindi i pazienti hanno l'opportunità di ricevere farmaci moderni, sicuri ed efficaci.

Neurologi altamente qualificati presso l'ospedale di Yusupov trattano pazienti di qualsiasi complessità, anche quelli che sono stati rifiutati da altri medici. Una vasta esperienza nell'eliminazione di patologie neurologiche in combinazione con attrezzature moderne e le più recenti tecniche di trattamento e riabilitazione possono ottenere i massimi risultati. Le attività del centro scientifico e pratico contribuiscono alla formazione di nuovi approcci nel trattamento anche delle patologie più complesse.

Puoi chiedere aiuto, fissare un appuntamento e ottenere una consulenza specialistica chiamando l'ospedale Yusupov, il medico coordinatore risponderà a tutte le tue domande.

Leggi Vertigini