Principale Encefalite

Come determinare che il bambino ha una paralisi cerebrale?

Come capire che un bambino ha una paralisi cerebrale? Questo può essere determinato indipendentemente dopo la nascita? Proveremo a rispondere a queste domande.

Immediatamente dopo la nascita, è molto difficile fare una diagnosi. Di solito è possibile capire se un bambino è sano o no, solo dopo qualche tempo, osservando lo sviluppo del bambino. Di solito un bambino si sviluppa come segue.

Calendario di sviluppo del bambino

  • 1 mese. Sdraiato a pancia in giù, il bambino cerca di alzare la testa o addirittura di tenerlo sollevato per diversi secondi.
  • Due mesi. Il bambino alza la testa e il torace, sdraiato a pancia in giù.
  • 3 mesi. Il bambino sta cercando di ottenere l'oggetto che gli piace (ma spesso gli manca). Quando cerca di tirare le mani, alza la testa.
  • 4 mesi. Sdraiato a pancia in giù poggia sulle mani ad angolo retto, raggiungendo vari oggetti. Si gira di lato. Quando tira le mani, le piega ai gomiti, tira su.
  • 5-6 mesi. Passa dalla schiena allo stomaco e alla schiena. Quando sorseggia le mani si siede. Prende un giocattolo dalle mani della mamma
  • Sette mesi. Un bambino può sedere senza supporto, gattonare a carponi.
  • 8 mesi. Il bambino si siede senza aiuto.
  • 9 mesi. Si alza in piedi, aggrappandosi a un supporto, lo supera.
  • 10 mesi. Il bambino striscia rapidamente a carponi, cammina con il supporto per due mani.
  • 11 mesi Il bambino è senza supporto.
  • 12 mesi. Il bambino cammina, tenendosi con una mano, cerca di camminare da solo.

A proposito, è meglio essere periodicamente osservati da un medico al fine di identificare una determinata malattia in una fase precedente e adottare misure. In genere, nei bambini affetti da paralisi cerebrale, è possibile vedere i seguenti sintomi.

Segni di paralisi cerebrale nei bambini di età inferiore a 6 mesi

A 3-6 mesi, le manifestazioni della malattia diventano più evidenti rispetto alla nascita ed è già possibile determinare la presenza di un processo patologico. Naturalmente, è necessario conoscere le caratteristiche dello sviluppo dei bambini in questo periodo, in modo da non confondere una possibile patologia con lo sviluppo naturale del bambino.

Di solito, fino a 6 mesi, i riflessi di base incondizionati di solito scompaiono. Ad esempio, un bambino smette di inclinare la testa e aprire la bocca quando preme un palmo. Se continua a farlo, allora è meglio diffidare.

Puoi verificare la presenza della malattia, concentrandoti sul riflesso della camminata automatica. È un'imitazione del movimento delle gambe quando si sollevano le ascelle. Da tre a sei mesi, le seguenti sfumature sono considerate patologie:

  • Convulsioni, manifestate sotto forma di strani movimenti arbitrari;
  • Ritardo nello sviluppo, che si manifesta nel fatto che il bambino inizia a camminare molto più tardi della data di scadenza;
  • Utilizzare principalmente con una mano. Ciò accade a causa dell'aumento del tono o della paresi del tessuto muscolare dell'altro arto. A causa di questo movimento sembrano estremamente imbarazzanti;
  • Aumento del tono muscolare o debolezza;
  • Strabismo;
  • Incapacità di sedere autonomamente a 6-7 mesi;
  • Giro riflesso della testa quando si cerca di mettere qualcosa in bocca.

Più vicino a un anno, un bambino con paralisi cerebrale può camminare male (o non camminare affatto), parlare poco o non pronunciare altro che suoni incoerenti. Questa è un'occasione per vedere un medico per iniziare il trattamento il più presto possibile..

Segni di paralisi cerebrale nei bambini di età inferiore a 12 mesi

La paralisi cerebrale non può sempre essere rilevata entro 6 mesi, poiché oltre al danno cerebrale derivante da una lesione alla testa, il gruppo a rischio comprende neonati prematuri e neonati nati con peso ridotto. A volte la paralisi cerebrale si verifica a causa di complicazioni durante il parto o di una predisposizione genetica. I primi sintomi possono comparire entro 10-12 mesi. Per la categoria di età fino a 10 mesi, i primi segni di paralisi cerebrale in un bambino saranno i seguenti:

  • Il bambino ha problemi mentre mangia. Gli diventa difficile deglutire;
  • A 1-3 mesi, la risposta alla luce peggiora;
  • A volte i genitori notano come il loro bambino si trova in una posizione chiaramente scomoda;
  • Nei neonati, la paralisi cerebrale si manifesta con un aumento del tono muscolare. I genitori difficilmente possono allargare le gambe o girare la testa del bambino;
  • A 4 mesi, la percezione del suono del bambino si indebolisce. Se accanto a lui fa rumore, non gira la testa;
  • La paralisi cerebrale nei bambini in tenera età può manifestarsi sotto forma di un cenno periodico ripetuto della testa. A volte si blocca in una posizione e non si muove per diversi minuti;
  • Quando provi a girare il bambino sul suo stomaco, inizia ad agire e piangere.

Il trattamento può essere prescritto solo da un medico. Non è necessario auto-medicare, è necessario consultare i medici, determinare il grado di danno cerebrale. Il primo passo è esaminare il bambino. Nel tempo, i sintomi peggioreranno, potrebbero comparire debolezza muscolare, ritardo nello sviluppo muscolare. Succede che i bambini con paralisi cerebrale siano leggermente indietro nel loro sviluppo mentale e fisico dai loro coetanei, anche se non dovresti confondere il ritardo dello sviluppo con alcuna patologia.

Anche se è confermato che tuo figlio ha una paralisi cerebrale, ricorda: questa non è una frase. La paralisi cerebrale è curabile e questo è un dato di fatto. Il nostro sito contiene molte storie di persone che hanno dimostrato che la paralisi cerebrale non è un ostacolo al raggiungimento degli obiettivi, per una vita piena.

Sintomi e segni di paralisi cerebrale nei neonati, come la malattia si manifesta e viene riconosciuta

Nei bambini di età inferiore a 1 anno, i segni di paralisi cerebrale devono essere riconosciuti il ​​più presto possibile. La diagnosi precoce dei sintomi della paralisi cerebrale nei neonati porterà a un trattamento efficace. In questo caso, è possibile prevenire gravi conseguenze della malattia, che impediranno al bambino di svilupparsi normalmente. Dopotutto, una persona con paralisi cerebrale non sarà in grado di muoversi, coordinare i suoi movimenti. Nel suo stato adulto, avrà problemi con la comunicazione, la socializzazione nella squadra.

Caratteristiche della malattia

La paralisi cerebrale è chiamata patologia causata da un danno alle parti del cervello. Come risultato della violazione, sorgono problemi con il coordinamento dei movimenti, difficoltà con l'udito, la parola e la vista. In un bambino, viene rilevato un ritardo nello sviluppo della psiche, possono persino verificarsi convulsioni.

La paralisi cerebrale appare nei neonati più spesso che nei bambini dopo un anno di vita. Una caratteristica della patologia è che i sintomi della malattia non progrediscono. Il danno alle parti del cervello che si è verificato si manifesterà meno in futuro, se presti attenzione alle condizioni del bambino in tempo. Se è precoce rilevare una paralisi cerebrale in un bambino, il trattamento tempestivo con massaggio e fisioterapia ridurrà i disturbi motori.

Le principali cause della patologia

Le cause della patologia del sistema nervoso sono i fallimenti nello sviluppo fetale. Pertanto, i primi segni di paralisi cerebrale si trovano nei neonati immediatamente dopo la nascita.

Non ultimo ruolo nella comparsa di paralisi nei neonati è svolto dalla salute delle donne in gravidanza. Quando si trasporta un feto nelle donne, possono verificarsi infezioni. E l'ipossia durante il parto è attribuita alla principale causa di danno alle parti del cervello del feto.

I casi di paralisi cerebrale si verificano a causa di:

  • infezioni gravi nel bambino;
  • effetti sul corpo dei bambini di radiazioni, raggi X;
  • avvelenare mamma e bambino con droghe, sostanze chimiche, cibo.

Le cause della paralisi cerebrale nei bambini sono associate ad anomalie cromosomiche. Più di quattrocento ragioni provocano un terribile disturbo. Se il neonato ha un tono del tessuto muscolare ridotto o aumentato, è necessario cercare immediatamente l'aiuto di un pediatra.

Fasi della malattia

Una malattia come la paralisi cerebrale dei neonati si manifesta gradualmente, sviluppandosi da due mesi a tre anni:

  1. In una fase iniziale in un bambino, si notano ritardi nei movimenti di un pari normale. Anche a quattro mesi, il bambino non raggiungerà i giocattoli, accenderà il suono. Ciò è dovuto a una diminuzione del tono muscolare. Crampi agli arti si trovano in alcuni.
  2. Poiché il cervello del neonato lavora con deviazioni dalla norma, lo sviluppo di un bambino fino a tre anni è caotico. Non riesce a tenere la testa a 8 mesi, ma sta cercando di sedersi.
  3. In una fase avanzata, residua, i segni di paralisi si manifestano chiaramente con deformazione scheletrica, compromissione della coordinazione, ritardo mentale e mentale.

I genitori stessi possono notare deviazioni nel comportamento del bambino. Per fare ciò, monitorare attentamente il comportamento del bambino fin dai primi mesi di vita.

Sintomi principali

È possibile rilevare la malattia, conoscendo i segni della paralisi infantile. I sintomi della paralisi cerebrale nei bambini di età inferiore a un anno sono associati a paralisi e debolezza muscolare, movimenti involontari, compromissione della coordinazione.

Il bambino non mostra una piega tra i glutei, un lato del corpo è asimmetrico rispetto all'altro. Con la paralisi infantile, i muscoli sono rilassati o tesi e si contraggono. E i movimenti del bambino sono innaturali, caotici. Inoltre, c'è ansia nel comportamento del bambino, perdita di appetito.

Più veloce può determinare la paralisi di un bambino più grande. La malattia viene diagnosticata dalla curvatura della colonna vertebrale, disfunzioni dell'anca.

I primi sintomi della paralisi cerebrale sono...

Tra i primi segni di paralisi cerebrale in un bambino fino a un anno ci sono quelli che spingono i genitori a un esame urgente del bambino. In violazione delle funzioni del cervello in un neonato, nota:

  • letargia;
  • ansia;
  • spasmi
  • incapacità di girare la testa in una direzione o nell'altra;
  • tensione o completo rilassamento degli arti superiori e inferiori;
  • asimmetria dei movimenti.

I segni caratteristici di una patologia in via di sviluppo sono associati alla condizione dei muscoli del bambino, alla sua attività motoria.

Sintomi di varie forme di paralisi cerebrale

I segni di paralisi cerebrale di un neonato si manifestano in diversi modi e dipendono da quale forma di paralisi soffre il bambino:

  1. Con diplegia spastica, o malattia di Little, vengono colpiti gli arti inferiori, meno spesso quelli superiori. I sintomi compaiono dai primi mesi di vita. Fare il bagno o fasciare un bambino, trovano in lui un aumento del tono muscolare. I bambini con la sindrome iniziano a camminare più tardi, riorganizzano le gambe con difficoltà, basandosi solo sulle dita dei piedi. Non possono sedersi da soli.
  2. L'emiplegia spastica si sviluppa sullo sfondo di traumi o encefaliti subiti in tenera età. Dopo la fine del periodo acuto con convulsioni, la coscienza ritorna, ma rimane la paralisi di metà del corpo.
  3. Nei pazienti con la forma atonico-astatica di paralisi, oltre all'assenza di movimenti, si notano ritardo mentale, instabilità dello stato della psiche.
  4. Movimenti incontrollati delle dita dei piedi e delle mani, la pubblicazione di suoni involontari caratteristici del tipo ipercinetico di paralisi cerebrale. Insieme all'ipercinesi, si osservano anche sintomi spastici. È difficile per un bambino afferrare oggetti con le mani. Il bambino è cattivo, piange senza motivo.

La prognosi della malattia dipende dal grado di danno cerebrale, dalla tempestività del trattamento della malattia.

Come riconoscere una malattia?

Nei bambini con paralisi cerebrale, le anomalie possono essere rilevate rapidamente se il bambino muove attivamente gli arti su un solo lato del corpo. Inoltre, il bambino non può girare la testa, tenerlo da solo. A seconda dell'età del bambino, viene determinata anche la presenza di paralisi:

  1. Al bambino in due mesi le gambe sono incrociate da forbici, dure. Si nota un aumento del tono dei muscoli delle mani, il tremore degli arti. Seno difficile da succhiare. Non ha riflessi caratteristici. Un cenno costante della testa o il congelamento in una posa sono tipici di un bambino con paralisi cerebrale.
  2. A 3 mesi di vita, la malattia si manifesta spesso con eccessiva letargia o irritabilità. I movimenti della testa sono scarsamente controllati dal bambino. Quando si controlla il riflesso della bocca del palmo, quando il bambino apre la bocca mentre preme il palmo, si nota la sua assenza. Inoltre, quando un bambino sano viene messo in piedi, riposa su tutto il piede. Il bambino malato si alza sulle sue dita. Durante questo periodo si notano ipertonicità dei muscoli da un lato del corpo e mancanza di tono dall'altro.
  3. A 4-5 mesi, un neonato con paralisi cerebrale si muove con una mano e preme l'altra sul corpo. I movimenti del paziente sono imbarazzanti. Anche sul viso, è visibile l'asimmetria dei muscoli. Spesso un bambino soffre di strabismo.
  4. Da 6 a 7 mesi in un bambino, si nota l'incapacità di girare in modo indipendente. Continuo declino nel controllo di alzare la testa.
  5. A 8 mesi, il bambino è in ritardo di sviluppo dai coetanei: non si siede da solo, si muove con difficoltà. A 10 mesi, le deviazioni dalla norma diventano più pronunciate.

Più il bambino diventa vecchio, più determinano i problemi nel suo sviluppo. E qui non soffre solo la funzione motoria, ma anche l'attività mentale.

Più spesso, la presenza di paralisi può essere determinata dall'assenza di riflessi caratteristici.

Ecco il principale di questi riflessi

I genitori possono determinare la presenza di patologia in un bambino controllando il loro riflesso:

  • Moro, quando alzano il bambino, il bambino agita le braccia;
  • strisciando mentre sollevi i talloni con la mano;
  • simulare la camminata stando in piedi.

Non solo la funzione muscolare compromessa è un segno di paralisi. Un bambino malato è caratterizzato da un atteggiamento indifferente nei confronti dei giocattoli, trovando molto tempo in una posa.

I principali metodi per diagnosticare la paralisi cerebrale nei neonati nelle mani di un pediatra, che li useranno per identificare la malattia.

Diagnostica

Iniziano la diagnosi esaminando il bambino, controllando i suoi riflessi, il tono muscolare. I movimenti del bambino differiranno dai normali movimenti dei loro coetanei.

Se c'è un segno di paralisi cerebrale, è necessaria una consultazione di un neuropsichiatra. È possibile differenziare la diagnosi da disturbi simili utilizzando metodi diagnostici come la tomografia cerebrale, l'esame ecografico di un piccolo paziente.

Una diagnosi accurata della paralisi cerebrale dei neonati viene fatta da specialisti che scelgono modi per correggere lo sviluppo del bambino.

Per fare una diagnosi, il pediatra deve:

  • condurre un'analisi anamnestica, concentrandosi sul corso della gravidanza della madre, in particolare sull'aspetto del bambino;
  • esaminare il bambino con un controllo dei suoi riflessi di base;
  • scrivere una direzione per le analisi per determinare le cause della patologia.

La terapia per la paralisi infantile avrà successo e il bambino sarà in grado di vivere felici e contenti se verranno prese misure per riabilitare il bambino.

Come affrontare i problemi?

Per i genitori, la diagnosi di paralisi cerebrale nel loro bambino è considerata una condanna pesante. Ma un sistema di trattamento adeguatamente selezionato farà il trucco. La terapia complessa darà al bambino la possibilità di diventare un membro a pieno titolo della società.

Per la correzione della debolezza muscolare, vengono selezionati ginnastica terapeutica, massaggio, agopuntura. Terapia efficace del cavallo - Ippoterapia.

Insieme al trattamento farmacologico, ai metodi fisici, è possibile una correzione completa di un bambino con paralisi cerebrale. I segni di paralisi non scompariranno completamente, ma il paziente sentirà il gusto della vita, imparerà a superare le difficoltà in termini fisici ed emotivi.

E il ruolo principale qui è svolto dal riconoscimento precoce della malattia e dai primi segni di paralisi infantile..

I primi sintomi di paralisi cerebrale. Paralisi cerebrale nei neonati: sintomi e trattamento

La paralisi cerebrale è una malattia che colpisce il tono muscolare, così come la capacità di una persona di movimenti intenzionali e movimenti coordinati. La paralisi cerebrale è solitamente causata da un danno cerebrale che si verifica prima o durante la nascita di un bambino. Un'influenza non meno grave sullo sviluppo di questa patologia e sui primi anni di vita del bambino.

Nell'articolo esamineremo più in dettaglio le cause dello sviluppo della paralisi cerebrale nei bambini, i sintomi di questa malattia e i metodi per affrontarla.

Come si manifesta la paralisi cerebrale nei bambini di età inferiore a un anno?

Se il bambino è nato prematuro o aveva un peso corporeo basso, se la gravidanza o il parto avevano complicazioni, i genitori dovrebbero essere estremamente attenti alle condizioni del bambino in modo da non perdere i segnali di avvertimento dello sviluppo di paralisi.

È vero, i sintomi della paralisi cerebrale fino a un anno non sono molto evidenti, diventano espressivi solo in età avanzata, ma alcuni di loro dovrebbero avvisare i genitori:

  • il neonato ha difficoltà a succhiare e deglutire il cibo;
  • all'età di un mese, non batte le palpebre in risposta a un suono forte;
  • a 4 mesi non gira la testa nella direzione del suono, non raggiunge un giocattolo;
  • se il bambino si blocca in qualsiasi posizione o ha movimenti ripetuti (ad esempio, annuendo con la testa), questo può essere un segno di paralisi cerebrale nei neonati;
  • i sintomi della patologia sono espressi nel fatto che la madre difficilmente può sollevare le gambe del neonato o girare la testa nella direzione opposta;
  • il bambino si trova in pose chiaramente scomode;
  • al bambino non piace essere girato sulla pancia.

È vero, i genitori devono ricordare che la gravità dei sintomi dipenderà in larga misura dalla profondità del cervello del bambino. E in futuro, possono manifestarsi come una leggera imbarazzo quando si cammina e una grave paresi e ritardo mentale.

Come si manifesta la paralisi cerebrale nei bambini a 6 mesi?

Con la paralisi cerebrale, i sintomi a 6 mesi sono più pronunciati rispetto ai bambini.

Quindi, se il bambino fino a sei mesi non sono scomparsi i riflessi incondizionati caratteristici dei neonati: palmo-orale (quando il bambino preme sul palmo della mano, il bambino apre la bocca e inclina la testa), camminata automatica (il bambino sollevato dalle ascelle mette le gambe piegate in piedi, imitando il camminare) È un segnale allarmante. Ma i genitori dovrebbero prestare attenzione a tali deviazioni:

  • periodicamente, il bambino sviluppa crampi che possono essere mascherati da movimenti patologici volontari (la cosiddetta ipercinesia);
  • il bambino più tardi dei suoi coetanei inizia a gattonare e camminare;
  • i sintomi della paralisi cerebrale si manifestano anche nel fatto che il bambino usa spesso un lato del corpo (la mano destra pronunciata o la mano sinistra possono indicare debolezza muscolare o aumento del tono sul lato opposto) e i suoi movimenti sembrano imbarazzanti (non coordinati, a scatti);
  • il bambino ha strabismo, ipertonicità o mancanza di tono muscolare;
  • il bambino a 7 mesi non è in grado di sedersi da solo;
  • cercando di portare qualcosa in bocca, gira la testa;
  • all'età di uno, il bambino non parla, cammina con difficoltà, si appoggia sulle dita o non cammina affatto.

Tipi di paralisi cerebrale: forma diplegica

In medicina, diversi tipi di paralisi cerebrale si distinguono nei bambini. I loro sintomi parlano del grado di danno al sistema nervoso del bambino.

La forma diplegica della paralisi cerebrale appare se il neonato ha subito una lesione del sistema nervoso nel periodo prenatale. Questa patologia si manifesta in un forte aumento del tono muscolare, grazie al quale le gambe del bambino vengono costantemente estese e incrociate.

Nei primi mesi di vita, le briciole hanno una notevole mancanza di movimento degli arti inferiori e l'assenza di tentativi di ribaltamento su un barile o di sedersi. Spesso tali bambini hanno un ritardo nello sviluppo fisico generale..

Quando provi a mettere in piedi il bambino, il suo tono muscolare aumenta bruscamente. Un bambino del genere cammina, appoggiandosi non su tutto il piede, ma in punta di piedi, mentre le sue ginocchia si sfregano l'una contro l'altra e mette un piede di fronte all'altro. Questi bambini sono spesso in ritardo nello sviluppo intellettuale..

Paralisi cerebrale emiplegica: cause e sintomi

Questa patologia è il risultato del danno a uno degli emisferi cerebrali, causato dall'infezione intrauterina o dall'emorragia durante il parto..

Il bambino ha un notevole movimento limitato negli arti e i riflessi profondi e il tono muscolare sono chiaramente aumentati. I movimenti attivi in ​​un bambino del genere sono accompagnati da contrazioni muscolari involontarie nella parte interessata del corpo (ad esempio, tirando la maniglia e spostandola di lato). A proposito, anche i muscoli del corpo si irrigidiscono.

Forma ipercinetica di paralisi cerebrale

Se durante lo sviluppo intrauterino o nel processo di nascita, la briciola ha una lesione dei gangli subcorticali (nodi nervosi) causata dall'incompatibilità immunitaria della madre e del bambino, allora può sviluppare una forma ipercinetica di paralisi.

I sintomi della paralisi cerebrale in questa forma si manifestano nell'instabilità del tono muscolare del bambino, come evidenziato dal suo successivo aumento e normalizzazione. O, al contrario, una diminuzione. Per questo motivo, il bambino è goffo nei movimenti, assume pose pretenziose.

L'intelligenza nel 70% dei pazienti con questa forma di paralisi persiste e le convulsioni sono rare.

Come diagnosticare la paralisi cerebrale nei neonati: sintomi

Se il bambino tira drasticamente le gambe o, al contrario, le tira fuori nel momento in cui viene preso sotto la pancia, non c'è parte inferiore del torace e lordosi lombare (piega) nella sua colonna vertebrale, le pieghe sui glutei sono deboli e asimmetriche, i talloni vengono tirati su, quindi i genitori dovrebbero sospettare lo sviluppo della paralisi cerebrale.

La diagnosi finale viene fatta osservando come si sviluppa un bambino. Di norma, nei bambini con una storia ostetrica allarmante, viene effettuato il controllo sulla sequenza di formazione delle reazioni, sulla dinamica dello sviluppo generale e sullo stato del tono muscolare. Se allo stesso tempo ci sono deviazioni evidenti o sintomi evidenti di paralisi cerebrale, è necessaria un'ulteriore consultazione con un neuropsichiatra.

Come viene trattata la paralisi cerebrale?

Il trattamento della paralisi cerebrale è complesso e dovrebbe iniziare già dalle prime settimane di vita. In un bambino, il cervello ha una grande capacità di recupero, che aiuta a ottenere risultati molto più significativi rispetto alle età più anziane..

Nel trattamento della paralisi cerebrale, i sintomi nei bambini sono di primaria importanza, poiché la terapia è strettamente individuale, a lungo termine e complessa. I suoi principi principali sono ridotti per prevenire lo sviluppo della patologia in futuro, nonché l'insorgenza di processi residui irreversibili.

Nei primi mesi di vita, i farmaci sono usati per trattare la paralisi cerebrale per ridurre la pressione intracranica (disidratazione con un medicinale citrale o diacarbico e la magnesia viene iniettata per via intramuscolare). Insieme a questo, vengono utilizzati farmaci che aumentano i processi metabolici nel cervello di un bambino (vitamine del gruppo B).

Grande importanza viene anche data all'uso di agenti che stimolano lo sviluppo del sistema nervoso (acido glutammico, Aminalon, vitamina B6, Nootropil, ecc.).

Se i sintomi della paralisi cerebrale si manifestano nella maggiore eccitabilità del bambino, allora gli vengono mostrati sedativi e la sindrome convulsiva viene trattata con farmaci come Luminal, Benzonal, Chlorocon, ecc..

Particolare importanza è attribuita alla terapia fisica, al massaggio speciale, nonché alla stimolazione dello sviluppo mentale con l'aiuto della logopedia e della formazione degli insegnanti.

Cosa devono sapere i genitori

I genitori dovrebbero essere molto attenti alle condizioni del loro bambino in modo da non perdere i segni della paralisi cerebrale nei neonati. I sintomi di questa patologia dovrebbero essere presi in considerazione soprattutto se ci sono ragioni per l'ansia sotto forma di gravidanza problematica, parto o malattie sofferte dalla madre.

Se inizi a trattare un bambino prima dei tre anni, la paralisi cerebrale nel 75% dei casi è reversibile. Ma con i bambini più grandi, il recupero dipende dallo stato di sviluppo mentale del bambino.

La paralisi cerebrale non tende a progredire, quindi, nel caso in cui la patologia colpisca solo il sistema motorio del paziente e non ci siano lesioni organiche nel cervello, si possono ottenere buoni risultati.

Invaworld

Esistono molti modi per rendere illimitate le tue possibilità.!

Paralisi cerebrale: cause e possibilità di diagnosi

La paralisi cerebrale è una delle diagnosi più spaventose che i genitori di un neonato possano riconoscere. Fino ad ora, la ricerca sulle cause della paralisi cerebrale non si è fermata, così come i tentativi di trovare metodi efficaci di trattamento. In questo articolo, Invaworld.ru ha raccolto fatti su questa malattia a voi noti nella scienza..

Cos'è la paralisi cerebrale e cosa è associato a questo termine

La paralisi cerebrale non è correlata al termine "paralisi infantile". Quest'ultimo è noto in relazione a una malattia come la poliomielite, che era molto comune nel secolo scorso. No, la paralisi cerebrale è un complesso di sintomi che compaiono con disturbi motori. La loro caratteristica è la mancanza di una tendenza alla progressione. Ma ciò non significa che questi sintomi non progressivi non debbano essere trattati..

Se ciò non viene fatto, il bambino soffrirà non solo di disturbi motori, ma anche di disturbi mentali e mentali.

Il classificatore internazionale assegna questo codice di malattia G-80, che appartiene alla classe neurologica e divide la paralisi cerebrale in sottotipi:

  • codice 80. 0 - tono aumentato nelle penne, tetraplegia;
  • 80.1 - aumento del tono muscolare delle gambe, diplegia;
  • 80.2 - sindrome di spasticità, emiplegia;
  • 80.3 - sintomi iper cinetici;
  • 80.4 - sintomi atonici - astatici;
  • 80,8 - sintomi misti;
  • 80.9 - sintomi non specificati.

Cause di paralisi cerebrale nei bambini noti alla scienza

Il motivo principale per la manifestazione di disturbi motori sono le deviazioni nella corteccia e nella parte subcorticale del cervello. Quando il cervello è interessato, si osservano anche anomalie nello sviluppo del sistema nervoso. Tutto questo in un complesso è chiamato termine paralisi cerebrale.

Per quasi cento anni, i medici hanno creduto che le cause della paralisi cerebrale risiedessero nella mancanza di ossigeno per il bambino durante il parto, la cui causa è l'aggrovigliamento del cordone ombelicale. I medici moderni distinguono tre fattori di rischio: il corso patologico della gravidanza, le nascite pesanti e le lesioni postpartum.

I medici possono diagnosticare la paralisi cerebrale prima del parto

La medicina moderna può fare molte diagnosi molto prima della nascita del bambino, ma, sfortunatamente, la paralisi cerebrale è estremamente rara da trovare nella fase di sviluppo fetale. Considerando che il trauma alla nascita è spesso causato da una lesione alla nascita, la preparazione al parto è un passo particolarmente importante.

Durante la gravidanza, ci sono fattori che influenzano l'insorgenza di patologie nel cervello di un bambino ed è molto importante trattare tempestivamente il trattamento e la prevenzione, ma ciò non garantisce che un bambino con paralisi cerebrale non nascerà

Come viene determinata la paralisi cerebrale in un neonato

È possibile determinare la malattia in un neonato solo conducendo uno studio speciale. Molto più tardi, i segni diventeranno evidenti, ma nei primi giorni di vita non sono facili da riconoscere. Il primo segno è una mancanza di ossigeno, che è causata da patologie nella corteccia cerebrale. Il principale fattore determinante è la mancanza di coordinamento dei movimenti. La testa del bambino si inclina all'indietro, ci sono problemi con il tono muscolare, le braccia e le gambe sono lente o viceversa, molto tese, ci sono evidenti riflessi alterati.

Perché la paralisi cerebrale in un bambino può apparire durante la gravidanza

Quasi la metà dei bambini con paralisi cerebrale, in un modo o nell'altro, non ha ricevuto un adeguato sviluppo nel grembo materno. Se il parto difficile si unisce ai fattori sfavorevoli esistenti - la probabilità di paralisi cerebrale aumenta molte volte.

Quali problemi durante la gestazione sono fattori di rischio:

  1. Malattie croniche della donna durante il parto. Quando si pianifica la nascita di un bambino, una donna dovrebbe prima di tutto prestare attenzione alla propria salute. Le minacce gravi possono essere diabete, tiroide e malattie cardiache, ipertensione, sovrappeso e anemia. Ma individualmente, queste malattie non possono provocare disturbi nella formazione del cervello del bambino. Varie infezioni virali e batteriche sono estremamente pericolose durante il portamento di un bambino. Il virus dell'herpes, la sifilide, la toxoplasmosi, la tubercolosi, la meningite e la rosolia: tutte queste malattie possono causare gravi patologie.
  2. Problemi durante la gravidanza. Il rischio di paralisi cerebrale è associato a tossicosi e gestosi durante la gestazione. Questi disturbi possono portare a problemi con la consegna di ossigeno al feto e questo influisce direttamente sulla formazione del suo cervello.
  3. Cattive abitudini durante la gestazione. L'abuso di nicotina, alcool e farmaci non controllati sono tutti fattori di rischio. Inoltre, la futura mamma dovrebbe essere liberata dal duro lavoro e dalle possibili lesioni. È stato dimostrato che su tutti questi motivi aumentano del 10% i rischi di avere bambini con paralisi cerebrale.
  4. Presentazione pelvica. La natura ha prima posto la nascita della testa del bambino, ma ciò non sempre accade. In molte donne, il bambino ha una presentazione pelvica e questo aumenta il rischio di paralisi cerebrale. In questa posizione, durante il parto, le ossa del cranio del bambino possono deformarsi. E spesso i bambini con disabilità dello sviluppo, come l'idrocefalo, hanno solo una presentazione pelvica.

Esiste una predisposizione ereditaria alla paralisi cerebrale? È impossibile rispondere in modo inequivocabile in modo negativo, perché sono in corso ricerche in quest'area, ma è già stato dimostrato che le cause della paralisi cerebrale non possono in alcun modo essere collegate alla sua presenza nella famiglia immediata. D'altra parte, il danno cromosomico può essere un fattore stimolante, e questo è ciò che la scienza sta esplorando attivamente ora..

Cause di paralisi cerebrale durante il parto

Le lesioni durante il parto sono una delle cause più comuni di paralisi cerebrale nei bambini. Cosa può succedere in modo che il bambino riceva un danno cerebrale al momento della nascita:

  1. Il parto è prematuro. I bambini prematuri sono più spesso dei bambini a termine con una diagnosi di paralisi cerebrale. Il problema è che i loro vasi cerebrali sono ancora imperfetti e troppo fragili, il che significa che possono essere feriti alla nascita.
  2. Soffocamento durante la nascita. Un bambino può avere l'asfissia per vari motivi: problemi con la placenta, entanglement del cordone ombelicale e disturbi del travaglio.
  3. Lesioni alla nascita. Se il bambino nasce con le gambe in avanti, le azioni più abili dei medici non garantiscono l'assenza di estensione del collo o deformazione del cranio. Un parto anidro prolungato è anche un pericolo..

Perché la paralisi cerebrale può verificarsi dopo la nascita

È estremamente raro che vengano segnalati casi in cui un bambino apparentemente sano si ammala di paralisi cerebrale. Quali sono le cause della paralisi cerebrale in questo momento:

  1. Conflitto di Rhesus e danno cerebrale tossico. In caso di conflitto Rh, il bambino sviluppa l'ittero e la bilirubina accumulata dal corpo può avvelenare il cervello. È importante iniziare il trattamento in modo tempestivo per prevenire questo rischio..
  2. Le lesioni meccaniche possono causare paralisi cerebrale. Anche il colpo più leggero a una piccola testa può portare a emorragie e compromissione dello sviluppo del cervello..
  3. Avvelenamento con droghe o sostanze tossiche. Un bambino può ottenere sostanze pericolose per lui con il latte materno.
Nicotina, alcol, droghe potenti: tutto ciò può scatenare una malattia

Abbiamo elencato tutte le cause note alla scienza per il verificarsi di paralisi cerebrale, ma ricordiamo che la ricerca è in corso.

In conclusione, un materiale video piccolo ma molto utile su come rilevare la paralisi cerebrale nei bambini fino a un anno:

Come identificare accuratamente i segni di paralisi cerebrale nei bambini di età inferiore a un anno

Il concetto di "paralisi cerebrale" comprende un'intera gamma di sindromi patologiche associate a danni a determinate aree del cervello. Di conseguenza, nei bambini con paralisi cerebrale, la capacità di muoversi normalmente è compromessa. Più spesso la paralisi cerebrale colpisce i ragazzi e la malattia è più pronunciata nel sesso più forte. I segni di paralisi cerebrale sono evidenti nei neonati o compaiono fino a un anno. La malattia non progredisce e, se viene applicato il trattamento corretto, la condizione del bambino in molti casi migliora.

Cause di paralisi cerebrale nei bambini

La gamma di motivi per cui sono nati bambini con paralisi cerebrale è piuttosto ampia. La maggior parte di essi è associata al fatto che i fattori patogeni influenzano il normale sviluppo fetale.

Le principali cause di paralisi cerebrale nei neonati:

  1. Prematurità (a causa di ipossia e scarso sviluppo di tutti gli organi). Il 40 percento dei bambini nati prematuramente presenta alcuni segni di malattia.
  2. Incompatibilità degli emocromi nella madre e nel bambino (malattia emolitica del neonato).
  3. Disturbi acuti e cronici di una donna incinta. Può essere ipertensione, obesità, diabete mellito, ma i più pericolosi sono le infezioni virali: rosolia, varicella, toxoplasmosi, herpes.
  4. Accettazione di potenti prodotti farmaceutici, nonché tossicodipendenza, alcolismo, fumo.
  5. Violazione del decorso della gravidanza - grave tossicosi, stress, mancanza di una corretta alimentazione e attività fisica.
  6. Una nascita difficile a causa di difetti nella struttura del bacino della donna, posizione impropria del feto, così come il processo rapido o troppo prolungato della nascita di un bambino, asfissia o aspirazione del liquido amniotico.

I fattori avversi includono l'ereditarietà. Più stretta è la relazione con una persona che soffre di un disturbo simile, maggiore è il rischio di sviluppare tali disturbi in un neonato.

L'insorgenza della malattia è possibile non solo nel periodo prenatale, ma anche all'età di un anno. È associato a disturbi funzionali dell'apparato respiratorio e della ghiandola tiroidea, lesioni alla testa, nonché con intossicazione da bilirubina (con grave ittero).

Segni di paralisi cerebrale in un bambino

I sintomi della malattia variano a seconda della gravità della deformazione dei centri cerebrali e della posizione delle aree interessate. I sintomi più comuni includono:

  • Paresi;
  • Deformazione degli arti e delle ossa dello scheletro e dolore associato;
  • Violazione della postura e del tono muscolare;
  • Problemi di deglutizione del cibo;
  • La mancanza di interesse nel neonato per i giocattoli;
  • Diminuzione dell'udito e della funzione visiva
  • idrocefalo;
  • Movimento caotico degli arti;
  • Hypotheriosis;
  • Ritardo della crescita;
  • Peso corporeo eccessivo o, al contrario, basso;
  • Sindrome convulsiva.

I seni con una tale patologia per lungo tempo non possono girare e trattenere autonomamente la testa. Tutti i segni della malattia sono generalmente evidenti già nei primi mesi di briciole di vita.

Forme della malattia

Quali sono le forme di paralisi cerebrale nei bambini? Questa è una classificazione delle varietà della malattia in base alle aree interessate. Il corso del trattamento scelto dal medico dipende da questo per molti aspetti..

Come può manifestarsi la malattia:

Il moduloArea interessataSegni caratteristici
Diplegia spasticaZone del cervello responsabili delle funzioni motorie degli arti.Disturbi del movimento delle gambe e delle braccia, mentre i primi sono più colpiti dei secondi.
Atonic-astaticCervelletto.Problemi di coordinazione dei movimenti e dell'equilibrio, atonia muscolare.
emipareticiCentri subcorticali e corticali di uno degli emisferi che regolano l'attività motoria.Con problemi nell'emisfero sinistro, si sviluppa emiparesi del lato destro, cioè paralisi parziale dei muscoli del corpo e viceversa.
ipercineticoCentri subcorticali del cervello.Movimenti involontari e incontrollati durante l'eccitazione o l'affaticamento. Spesso combinato con diplegia spastica.
Doppia emiplegiaEntrambi gli emisferi contemporaneamente.La forma più grave. La vita di questi bambini dipende dai loro parenti. Lo sviluppo motorio, del linguaggio e mentale è difficile.

La maggior parte dei tipi di paralisi cerebrale viene rilevata immediatamente dopo la nascita. Ma a volte la malattia si manifesta più tardi: nella forma residua iniziale (a 6-24 mesi) e residuo tardivo dopo due anni.

Tecniche diagnostiche efficaci

È importante identificare la paralisi cerebrale nei neonati in ospedale in modo che il trattamento possa iniziare il prima possibile. Quindi sarà il più efficace possibile. Un esame approfondito da parte di un pediatra qualificato rivelerà segnali di pericolo.

È particolarmente importante monitorare i bambini a rischio: prematuri, infetti dalla madre, che hanno subito un infortunio alla nascita o hanno l'ittero.

Se vengono rilevati sintomi allarmanti, vengono prescritti diagnostici hardware: ultrasuoni cerebrali, elettroneurografia, elettromiografia, elettroencefalografia, tomografia computerizzata e risonanza magnetica.

L'osservazione del bambino rientra nella responsabilità di un neurologo. Inoltre, potrebbe essere necessario consultare un otorinolaringoiatra, oculista, psichiatra, epilettologo.

È importante differenziare la patologia dalle caratteristiche individuali delle briciole. Alcuni bambini di età inferiore ai sei mesi hanno un leggero tremore del mento e delle mani, un tono alto degli arti. Normalmente, tale eccitabilità scompare senza lasciare traccia quando il bambino inizia a gattonare e stare in piedi.

Riabilitazione di bambini con paralisi cerebrale

È impossibile curare completamente un bambino di questo disturbo. La speciale riabilitazione dei bambini con paralisi cerebrale aiuta a ridurre i sintomi, in alcuni casi quasi alla norma..

Il complesso di misure deve includere esercizi terapeutici. La terapia fisica per bambini con paralisi cerebrale è sviluppata da un medico individualmente per un giovane paziente. Lo stesso vale per il massaggio. La procedura deve essere eseguita da uno specialista, la versione home potrebbe danneggiare.

Il programma di riabilitazione include necessariamente la fisioterapia:

  • Oxygenobarotherapy;
  • Balneoterapia e fangoterapia;
  • Stimolazione elettrica;
  • elettroforesi.

La terapia animale (terapia con i delfini, ippoterapia per bambini con paralisi cerebrale) è molto popolare. Questa tecnica di sviluppo si basa sulla comunicazione curativa con gli animali, che consente di migliorare il coordinamento e la parola, adattarsi nel mondo esterno.

Lo sviluppo delle capacità motorie nei bambini è fatto in modo giocoso, usando oggetti interessanti e vibranti. Questo può includere raccogliere designer, disegnare e colorare, fare artigianato con materiali naturali..

Importante! In futuro, il bambino avrà anche bisogno di lezioni con un logopedista per normalizzare la funzione del linguaggio.

Per evitare posture patologiche e il successivo sviluppo di contratture (completa immobilità delle articolazioni) aiutare i mezzi tecnici di riabilitazione per i bambini con paralisi cerebrale. Può essere bende, pneumatici, distanziali, verticalizzatori. Per espandere le capacità del motore utilizzare stampelle, inserti di scarpe ortopediche, deambulatori.

In casi difficili, è necessaria una sedia a rotelle per bambini. Ora producono vari modelli di tali apparecchiature mediche: a casa, ricreative, riabilitative. Il passeggino per bambini con paralisi cerebrale può essere dotato di un tavolo per cibo e attività creative, nonché di dispositivi speciali per scaricare i muscoli.

Cure mediche e aiuto dei chirurghi

Con questa malattia, il medico calcola il corso terapeutico individualmente. I farmaci nootropici sono generalmente raccomandati per migliorare l'afflusso di sangue cerebrale, miorilassanti, antidepressivi, antipsicotici, antispasmodici.

Importante! Se il bambino ha convulsioni epilettiche, è necessario un trattamento anticonvulsivante. Per il dolore intenso, vengono prescritti analgesici e tranquillanti.

Il trattamento chirurgico viene utilizzato quando i metodi conservativi sono impotenti. Questa potrebbe essere un'operazione cerebrale per eliminare i difetti neurologici. La rizotomia spinale aiuta ad alleviare l'ipertono muscolare che porta a forti dolori. Per stabilizzare la struttura scheletrica, è possibile il trapianto di tendini o ossa, molto spesso su arti curvi.

La paralisi cerebrale è una malattia cronica, ma non progressiva. Con la giusta terapia, sono possibili notevoli miglioramenti delle capacità motorie del bambino. Ma a causa dell'immobilità dei muscoli e delle articolazioni, il disturbo può portare a conseguenze patologiche: emorragie, problemi con il cibo, malattie somatiche. Pertanto, un bambino del genere richiede cure costanti. È anche importante adattare un bambino speciale nella società in modo che possa godersi la vita, così come i bambini sani.

Ricorda che solo un medico può fare una diagnosi corretta, non automedicare senza consultare e fare una diagnosi da un medico qualificato. essere sano!

Sintomi di paralisi cerebrale nei neonati e nei bambini fino a un anno, le cause della paralisi cerebrale e della forma

La paralisi cerebrale è un fenomeno comune e nessuno ne è al sicuro. Pertanto, è molto importante conoscere i metodi per prevenire la paralisi cerebrale, le cause e i principali sintomi di questa patologia, nonché i modi per combatterla. Oggi questa malattia è considerata incurabile. Tuttavia, secondo molti medici, può essere corretto con un adeguato lavoro con il paziente secondo una certa tecnica. Pertanto, prima è possibile riconoscere i sintomi della paralisi cerebrale nei neonati, meglio è.

Cos'è la paralisi cerebrale e quali sono le sue cause?

La paralisi cerebrale è caratterizzata da una violazione del sistema muscoloscheletrico dovuta alla patologia del sistema nervoso, molto spesso al cervello. In altre parole, un bambino con paralisi cerebrale ha un disturbo di coordinazione, non può fare certi movimenti, gli è difficile stare in piedi, il linguaggio, l'udito e la vista a volte soffrono e lo sviluppo mentale e mentale è in ritardo. Tutto ciò accade perché le cellule nervose del cervello responsabili dell'esecuzione delle funzioni motorie sono danneggiate o non sviluppate affatto. Di conseguenza, alcuni muscoli non si contraggono, mentre altri hanno un tono aumentato, il che porta a movimenti imbarazzanti e caotici. La malattia non progredisce per tutta la vita, perché il danno cellulare locale non si estende alle strutture vicine..

Le cause della paralisi cerebrale sono divise in due categorie: prenatale (sviluppo intrauterino durante la gravidanza) e postnatale (durante o dopo il parto). Tuttavia, ci sono così tanti fattori che influenzano la violazione delle cellule cerebrali che sarà più facile considerarle combinandole nei seguenti gruppi:

  • ragioni ereditarie. Qualsiasi mutazione e violazione genetica dei cromosomi della madre o del padre può portare a paralisi cerebrale in un bambino;
  • carenza di ossigeno nel cervello fetale. Può verificarsi, ad esempio, con anemia in gravidanza o con distacco di placenta in diverse fasi della gravidanza. Il bambino potrebbe non avere abbastanza ossigeno se la consegna non è gestita correttamente;
  • effetto dell'infezione. Ognuno di loro durante la gravidanza può lasciare un segno negativo nello sviluppo del feto. Inoltre, la causa della paralisi cerebrale nei bambini può essere malattie infettive trasmesse in giovane età;
  • azione delle tossine. Le donne incinte devono fare molta attenzione quando assumono farmaci e consultare sempre un medico al riguardo. Perché le sostanze presenti in essi possono avere un effetto tossico sul cervello di un bambino. Il lavoro e la vita di una donna incinta dovrebbero escludere il contatto con veleni e altri prodotti chimici;
  • fattori fisici. Ciò include gli effetti dannosi sul feto di radiografie o radiazioni durante lo sviluppo fetale;
  • ragioni meccaniche. Sono associati a una lesione cerebrale nel bambino, sia durante lo sviluppo fetale, sia durante il parto o dopo.

Come identificare i sintomi della paralisi cerebrale nei neonati?

I seguenti segni esterni richiedono un'attenzione speciale nei primi periodi di sviluppo:

  • il bambino non ha una curva lombare della colonna vertebrale;
  • non ci sono pieghe caratteristiche sul culo;
  • pieghe sul sacerdote e fianchi asimmetrici;

Se viene rilevato uno dei suddetti sintomi, consultare immediatamente un medico per un consiglio. Stabilirà l'osservazione del bambino, monitorerà lo sviluppo, il tono muscolare. Con evidenti segni di paralisi cerebrale, saranno necessarie ulteriori consultazioni con un neuropsichiatra..

Segni di patologia nei bambini (fino a 6 mesi) nel comportamento

Di norma, questa malattia non si manifesta quasi nei neonati ed è difficile da diagnosticare. Inoltre, i riflessi naturali del bambino e la sua bassa attività in tenera età possono essere fonte di confusione. Tuttavia, in ogni caso, devi essere attento alle tue briciole. I seguenti segni possono indicare la presenza di questa malattia:

  • il neonato non allatta bene, ha difficoltà a deglutire e spesso soffoca;
  • all'età di 1 mese non mostra una reazione ai suoni forti, ma dovrebbe battere gli occhi;
  • all'età di 4 mesi non gira la testa verso la fonte del rumore;
  • vedendo un giocattolo, il bambino non cerca di raggiungerlo;
  • di volta in volta si notano movimenti ripetuti ciclici degli arti o della testa;
  • il bambino si blocca in una posizione;
  • quando le gambe vengono divaricate o si gira la testa, si avverte resistenza muscolare;
  • il bambino assume ovviamente posizioni scomode e innaturali;
  • al bambino non piace mentire sulla sua pancia;
  • il bambino tira bruscamente le gambe verso di lui o le tira bruscamente quando viene preso dalla pancia.

Come si manifesta la malattia nei bambini fino a un anno?

All'età di 6 mesi, i sintomi sono molto più facili da identificare, perché il bambino diventa più attivo e il ritardo in un'area o nell'altra si manifesta più chiaramente. I sintomi della malattia possono includere i seguenti:

  • il bambino ha riflessi naturali, che non dovrebbero avere un'età di sei mesi. Ad esempio, se si preme un dito sul palmo di un bambino, apre la bocca e quando viene raccolto dalle ascelle, piega le gambe e imita i passi;
  • il bambino ha spesso crampi. Possono essere inespressi, sotto forma di lievi contrazioni di alcuni muscoli, ma dovrebbero allertare i genitori;
  • i movimenti del bambino sono goffi, a volte caotici, a scatti;
  • lo strabismo dovrebbe anche prestare molta attenzione a se stesso. È necessario identificare le sue cause il più presto possibile, cioè scoprire se si tratta di paralisi cerebrale o problemi nell'apparato visivo;
  • all'età di 7 mesi, il bambino non si siede da solo;
  • quando un bambino porta qualsiasi oggetto in bocca, la sua testa si allontana automaticamente;
  • il bambino ha già un anno, ma non vuole parlare o camminare.

Forme di paralisi cerebrale

  • forma emiplegica (è interessato solo un lato del cervello, quindi i movimenti sono disturbati a destra o a sinistra);
  • diplegico (forma grave con danno a entrambi gli emisferi del cervello, che è esternamente caratterizzato da gambe piegate, girate verso l'interno e andatura delle dita dei piedi);
  • forma ipercinetica (movimenti caotici incontrollati più linguaggio ritardato e sviluppo mentale sono un segno).

Leggi anche:

Se durante la gravidanza c'erano patologie, ad esempio, veniva fatta una diagnosi di "ipossia fetale", una donna aveva la rosolia o altre malattie infettive, era spesso stressata, devi essere particolarmente attento al tuo bambino. Prima vengono rivelati i sintomi della paralisi cerebrale in un neonato, prima i medici inizieranno a trattarla. Con misure tempestive, si possono ottenere buoni risultati..

Leggi altre intestazioni interessanti.

Cause di paralisi cerebrale

Attualmente, la paralisi cerebrale sta diventando una malattia comune che colpisce molti bambini. Nessuno è al sicuro dalla nascita dei bambini con questo disturbo. Possono apparire in famiglia con genitori assolutamente sani e possono esserci diversi motivi per questo. Cos'è la paralisi cerebrale, i suoi sintomi, segni, tipi e cause di apparenza, la diagnosi e il trattamento - diremo ulteriormente.

Cos'è questa malattia?

La paralisi cerebrale non è chiamata malattia, ma una serie di sintomi che compaiono per diversi motivi. La somiglianza dei segni è che tutti influenzano il cervello e compromettono l'attività motoria del paziente. Molto spesso, la malattia colpisce i bambini nel loro primo anno di vita in un momento in cui il cervello è in una fase attiva di sviluppo. Se un bambino o un adolescente ha una lesione alla testa, anche la sua attività motoria diminuirà, ma questa non può essere definita una malattia..

Un'altra caratteristica della paralisi cerebrale è che i sintomi di questa malattia non peggiorano nel tempo, ma rimangono gli stessi. Inoltre, è possibile ripristinare una ridotta attività motoria. Ma ricorda che se questi bambini non sono adeguatamente curati e non coinvolti con loro, ciò può portare a conseguenze pericolose.

Processo di malattia

La compromissione dell'attività motoria si verifica nell'uomo per i seguenti motivi:

  • il verificarsi di cambiamenti nei neuroni del cervello normale;
  • manifestazione di disturbi primari nella struttura del cervello.

I fattori negativi agiscono sui neuroni, che portano alla comparsa di vari difetti. Questo perché le strutture cerebrali che si stanno attualmente sviluppando hanno una maggiore vulnerabilità. Per questo motivo, il movimento degli arti superiori e inferiori è disturbato nel paziente.

I medici notano che il più delle volte la paralisi cerebrale appare in un bambino o neonato nato a 33 settimane e ha un sottosviluppo nelle strutture del cervello e delle arterie. Se è nato in tempo, quindi con la fame di ossigeno, il sangue viene distribuito in modo tale che il cervello non soffra. Se il bambino è nato prematuro ed è stato sotto il ventilatore per molto tempo, allora non ha tale protezione. Per questo motivo, molte parti del cervello muoiono per carenza di ossigeno e al loro posto rimangono delle cavità vuote. Ciò rappresenta una minaccia allo sviluppo di questa malattia..

Perché appare

Esistono diversi gruppi di fattori che portano alla comparsa di paralisi infantile nel bambino. Consideriamoli in modo più dettagliato..

Paralisi cerebrale e cause durante la gravidanza:

  • Insufficienza fetoplacare. Spesso è lei che porta alla comparsa nel bambino di una tale patologia come la carenza cronica di ossigeno.
  • La sconfitta dell'infezione del sistema nervoso del paziente. Spesso la causa è lo sviluppo nel bambino di una malattia come la rosolia.
  • La presenza di un grave conflitto tra la madre e il feto.
  • La comparsa di mutazioni cromosomiche e scarsa ereditarietà.

Le principali cause di paralisi cerebrale in un bambino durante il parto:

  • La comparsa di asfissia. Di solito, l'ossigeno cessa di fluire verso il bambino se è intrecciato con un cordone ombelicale, si verifica un distacco della placenta o il cordone ombelicale viene pizzicato dalle ossa pelviche.
  • Il verificarsi di lesioni alla testa durante il parto. La lesione si verifica quando il parto passa molto rapidamente, il bambino non sta mentendo bene, la futura mamma ha un bacino troppo stretto. Un bambino si ferisce la testa durante il parto quando un medico commette azioni errate.

Le ragioni che portano allo sviluppo della malattia, dopo la nascita del bambino:

  • Frequenti lesioni alla testa, specialmente nei bambini di età superiore a 1 anno. Ciò è dovuto al fatto che le ossa del bambino sono molto fragili e cadendo a una determinata età porta a una commozione cerebrale e lesioni in essa.
  • Lo sviluppo nel corpo di un'infezione che è stata trasmessa durante il parto o nei primi anni di vita.
  • Avvelenamento con medicine e altre sostanze tossiche.

Classificazione dei tipi di malattia

I medici dividono questa malattia in diversi tipi:

  1. Lo sviluppo della diplegia spastica. Durante questo, focolai di morte, neoplasie cistiche compaiono nel cervello. Lo sviluppo di questa sindrome porta alla nascita di un bambino prima del previsto, alla carenza di ossigeno, alla comparsa di infezione nel suo corpo e a un malfunzionamento della ghiandola tiroidea.
  2. La comparsa di tetraplegia spastica. Nel cervello, sviluppo di leucomalacia periventricolare, focolai multipli di morte, malformazioni. Questa sindrome appare a causa della carenza di ossigeno, dello sviluppo di infezione, dei disturbi della ghiandola tiroidea, dell'insorgenza di disturbi nello sviluppo del feto.
  3. Lo sviluppo dell'emiplegia. È caratterizzato dalla comparsa di emorragie nel cervello. La progressione dell'emiplegia è facilitata da una compromissione della coagulazione del sangue, dalla presenza di gravi malattie ereditarie e da malformazioni nel bambino, dalla comparsa di un'infezione nel corpo.
  4. L'aspetto della forma extrapiramidale. Con esso, i disturbi compaiono in alcune aree del cervello. Questa forma si sviluppa a causa della carenza di ossigeno nel feto, con lo sviluppo di ittero grave, se il feto ha malattie mitocondriali.

Con diplegia spastica in un paziente, i movimenti di entrambi gli arti, di solito nelle gambe, sono disturbati. Nelle mani dell'attività salvata in tutto o in parte. Questo modulo è considerato il più comune. Con questa paralisi cerebrale nei bambini, le violazioni sono già visibili nei primi anni di vita, specialmente durante la scansione:

  • Il bambino può normalmente muovere gli arti superiori e quelli inferiori si stringono costantemente. Con una forma grave della malattia, un bambino malsano non può strisciare.
  • Le gambe di un bambino malato hanno un tono aumentato, i riflessi tendinei sono molto pronunciati. Questi segni di paralisi cerebrale vengono rilevati da un neurologo.
  • Se la madre tiene le ascelle del bambino, allora inizia a incrociare le gambe.
  • Il bambino inizia a camminare tardi e cammina principalmente in punta di piedi.
  • In un caso grave, il bambino malato inizia a rimanere indietro a camminare.

Allo stesso tempo, l'intelligenza e l'attività vocale sono sviluppate normalmente. A differenza di altri tipi di malattia, le sindromi convulsive con diplegia spastica compaiono molto raramente. Se il bambino sviluppa la malattia in forma lieve, può servire se stesso e acquisire nuove conoscenze.

La tetraplegia spastica è caratterizzata da un danno a tutti e quattro gli arti. I medici definiscono questa forma della malattia la più grave e scarsamente curabile. Questo stadio appare dovuto al fatto che ci sono molti fuochi di danno nel cervello. Con lei, il bambino è in ritardo nello sviluppo mentale e spesso ha convulsioni di epilessia. In questa forma di malattia, è difficile per un bambino deglutire dalla nascita, ha un tono aumentato e tutti gli arti possono ferire da un lato, è difficile strisciare o non striscia affatto, non cammina. Inoltre, compaiono convulsioni epilettiche, l'attività del linguaggio, l'intelligenza e la visione sono compromesse. Esternamente, è evidente che il bambino malato ha una piccola dimensione della testa e ci sono altre malformazioni. Con questa forma di malattia, la maggior parte dei bambini ha un ritardo mentale..

Con l'emiplegia, l'attività motoria negli arti superiori e inferiori è compromessa da un lato. Gli arti superiori sono più colpiti. Con l'emiplegia, il bambino mantiene tutti i riflessi, ma quando il bambino cresce, l'attività motoria degli arti dal lato interessato diminuisce.

Inoltre, compaiono i seguenti sintomi:

  • nell'arto interessato un tono alto, è spesso piegato nell'articolazione e premuto sul corpo;
  • l'equilibrio, la seduta, la camminata appaiono in tempo;
  • l'intelligenza si sviluppa normalmente, le convulsioni raramente compaiono.

Lo sviluppo in un bambino di una forma extrapiramidale o ipercinetica della malattia è definito dai medici il più pericoloso. Questa malattia si sviluppa spesso in caso di incompatibilità tra madre e bambino o con prematurità profonda..

Inoltre, i seguenti sintomi sono caratteristici di questa forma di malattia:

  • il bambino ha un tono ridotto, non tiene bene la testa;
  • c'è ipertonicità periodica, movimenti violenti;
  • il bambino può camminare a 4-6 anni;
  • la sua deglutizione è compromessa, pronuncia male i suoni e le parole;
  • l'intelligenza si sta sviluppando normalmente.

Con questa forma di malattia, si verificano i seguenti movimenti violenti:

  • Coreico: movimenti rapidi e acuti di fianchi e spalle.
  • Athetoide: sono a forma di verme, molto lenti, caratterizzati da contorcersi nei movimenti di ossa e piedi.
  • Forma mista: caratterizzata dallo sviluppo congiunto di atetosi e corea.

Se il bambino si trova in una situazione stressante o in un'esperienza emotiva, i suoi movimenti violenti potrebbero intensificarsi.

La malattia ha gradi?

Ricorda che il grado di sviluppo della malattia dipende dall'influenza del cervello. Lo sviluppo della malattia è anche influenzato dalla rapidità con cui i genitori si sono rivolti a uno specialista, sono stati sottoposti a diagnosi e trattamento e quale tipo di misure correttive affrontano con il loro bambino.

  1. Facile. Con lui, il bambino può eseguire autonomamente qualsiasi movimento, svolgere compiti a casa, frequentare un istituto di istruzione e apprendere la professione.
  2. Media. Un bambino non può fare nulla senza l'aiuto di estranei, ma può adattarsi socialmente.
  3. Pesante. Un bambino non può fare nulla senza estranei, non può nemmeno fare il self-service.

Come va la diagnosi?

Ricorda che prima verranno eseguite la diagnosi e il trattamento, meno pericolose saranno le complicazioni. Per questo motivo, i medici esaminano il bambino dopo la sua nascita..

A rischio includono:

  • neonati prematuri e piccoli;
  • bambini con malformazioni congenite;
  • bambini che vengono infettati nell'utero con un'infezione;
  • i bambini che sono nati usando una pinza medica, estrattori sotto vuoto;
  • bambini che dopo la nascita erano collegati alla ventilazione meccanica;
  • bambini che hanno ricevuto un punteggio Apgar basso dopo la nascita.

Ricorda che durante il test, gli specialisti studiano tutti i riflessi e il tono nei muscoli del neonato.

Inoltre, vengono utilizzati metodi strumentali per esaminare il bambino:

  • Ultrasuoni della testa. Viene eseguito se i neonati hanno sintomi di paralisi cerebrale o i genitori lamentano sintomi spiacevoli..
  • Elettroencefalografia. È usato quando il bambino è spesso turbato da crampi..
  • TC e risonanza magnetica. Questi metodi sono usati per idrocefalo, neoplasie cistiche, focolai di emorragia, tumori maligni e benigni nella testa.

Ricorda che sulla base dei dati ricevuti, il medico fa una diagnosi: "encefalopatia". Contribuisce allo sviluppo della malattia. A volte i medici commettono errori, poiché una maggiore irritabilità, tremore agli arti e al mento e un aumento del tono degli arti possono verificarsi in quasi tutti i bambini di età inferiore ai 6 mesi. Questa è una caratteristica individuale del bambino, non è necessaria per trattare una tale condizione, passa da sola. Pertanto, i genitori devono trovare un pediatra davvero bravo in grado di fare una diagnosi accurata e scoprire la malattia in una fase precoce..

Quando viene rilevata una malattia

I medici possono sospettare una paralisi cerebrale in un neonato, ma non ha sempre sintomi tipici. Allo stesso tempo, l'attività motoria diminuisce, il bambino dorme molto. In una fase iniziale, vengono rilevati solo tipi gravi di disturbo.

Quando la paralisi si verifica nel bambino, solo in 3-4 mesi, i riflessi dei bambini scompaiono. Grazie a ciò, i bambini con paralisi cerebrale possono crescere normalmente e apprendere nuove conoscenze. A questa età compaiono anche i seguenti segni, in base ai quali è possibile riconoscere la malattia:

  • Il bambino è molto letargico, deglutisce male, non riesce a succhiare, non ha movimenti spontanei.
  • Il bambino rimane riflesso moro. È caratterizzato dalla dispersione degli arti superiori quando si solleva il bambino e lo si abbassa bruscamente.
  • Il bambino sta ancora gattonando se i genitori gli mettono una mano ai piedi.
  • Prendere un bambino in posizione verticale e inclinarlo in avanti lo porta a iniziare a camminare.

Ricorda che questi riflessi sono infantili e dovrebbero scomparire quando il bambino cresce..

I genitori non dovrebbero dimenticare che se un bambino di 4-6 mesi è molto letargico, non apprende bene le nuove abilità e non rispetta le scadenze, non può sedersi e stare in piedi asimmetricamente, proteggere un lato, quindi deve contattare uno specialista. Inoltre, devi andare dal medico quando un bambino di età superiore a 1 anno fa movimenti involontari.

Sintomi tipici della malattia

Il sospetto di paralisi cerebrale in un bambino appare in presenza dei seguenti sintomi:

  • soffre di crampi e idrocefalo;
  • visione alterata e udito, coordinazione ed equilibrio;
  • c'è un ritardo nello sviluppo del linguaggio o si sviluppa l'alalia;
  • è difficile emettere suoni;
  • la lingua scritta è violata;
  • balbetta, ci sono violazioni nella sfera emotiva e volitiva;
  • difficile da scrivere, leggere e contare.

Come curare un disturbo

Ricorda che è impossibile eliminare completamente il DOC. Ma se ti rivolgi a uno specialista in tempo e prendi le giuste misure, puoi ottenere risultati eccellenti e insegnare ad un bambino malato alcune abilità.

Perché viene somministrata la terapia? Mira a:

  • stimolazione del bambino per ottenere nuove abilità di cura di sé, movimento;
  • ridurre il rischio che il bambino abbia posture errate, curvatura della colonna vertebrale;
  • creazione di condizioni per il normale sviluppo del linguaggio e dell'attività psicoemotiva.

Ricorda che il trattamento dipende dalla forma della malattia, dalla sua gravità, dalla presenza di altre capacità, dal livello di sviluppo del bambino, dalla sua età e da altre malattie.

I medici distinguono diversi modi per trattare un disturbo:

  1. L'uso di medicine. Prescrivere l'uso di anticonvulsivanti. Solo un epilettologo può prescriverli e vengono usati sotto il suo controllo. Inoltre, è prescritto l'uso di farmaci rilassanti: Diazepam, Baclofen. Questi farmaci sono usati per dolorosi crampi muscolari..

Ricorda che farmaci come: Cavinton, Cinnarizina, Actovegin, Cortexin, Cerebrolysin, Piracetam, Pantogam, Phenibut e altri medicinali omeopatici sono indesiderabili. I loro produttori affermano di poter ripristinare le regioni del cervello morto, ma non sono in grado di farlo. Inoltre, un bambino malato non dovrebbe assumere nootropi, vitamine e farmaci che aiutano a migliorare la circolazione sanguigna nel cervello. Fino ad ora, la loro efficacia non è stata dimostrata dai medici. I genitori non devono acquistare uno dei medicinali sopra indicati per il loro bambino malato.

Solo un medico prescrive farmaci e la sua scelta dipende dalla gravità e dalla forma della malattia, dai sintomi della malattia.

  1. Applica esercizi di massaggio e fisioterapia. Se la madre del paziente eseguirà il massaggio, prima deve prendere gli esercizi con il medico e imparare la tecnica per eseguirli. Se gli esercizi o il massaggio vengono scelti in modo errato, le condizioni di salute del bambino potrebbero peggiorare.
  2. Posizioni errate corrette. Spesso, un bambino malato ha un tono nei muscoli e questo lo aiuta a entrare nella posizione sbagliata. Questo porta a effetti irreversibili. La correzione delle pose è possibile con l'aiuto di stivaletti, pneumatici, rulli, scudi, bende, verticalizzatori.
  3. L'uso di metodi di correzione chirurgica. Per questo, viene eseguita un'operazione sul tendine di Achille, sui muscoli nella regione lombare. Aiuta a ridurre i crampi..
  • Fisioterapia. Aiuta a ridurre il dolore quando si verificano crampi muscolari..
  • Correzione dei disturbi del linguaggio. Per questo paziente portare a un logopedista.
  • Rimozione dell'esclusione sociale.
  • Terapia dell'ippopotamo e delfino. Tali metodi aiutano a migliorare la parola, il coordinamento dei movimenti e aiutano i bambini ad adattarsi alla vita più velocemente..

Ricorda che le procedure correttive e il trattamento della malattia saranno eseguiti dal bambino per tutta la vita.

Molti genitori chiedono al medico chi tratta questa malattia? Il trattamento viene eseguito da un neurologo, fisioterapista, medico di terapia fisica, chirurgo, logopedista, psicologo.

Inoltre, non bisogna dimenticare che in molte città ci sono centri per la riabilitazione di bambini "speciali". Hanno specialisti che aiuteranno il bambino a guarire completamente. Con l'aiuto di medici e parenti esperti, un bambino sarà in grado di apprendere nuove competenze, acquisire una professione, socializzare e diventare un membro a pieno titolo della società. Attualmente, i bambini malati in tale clinica possono essere curati sia gratuitamente che a pagamento..

Quali sono le complicazioni

Ricorda che le aree del cervello interessate non diventano più, ma se il bambino assume una postura sbagliata, le sue condizioni di salute possono peggiorare. Inoltre, se non frequenta la scuola, non comunica con i coetanei e non si occupa di specialisti, può spesso avere disturbi del linguaggio e delle emozioni e altre complicazioni:

  • Arti superiori e inferiori costantemente compressi. Questa condizione appare a causa della presenza del tono muscolare. Inoltre, può essere molto lungo e persino portare alla dislocazione delle articolazioni..
  • Il bambino inizia a camminare solo sulle dita dei piedi. Se i genitori cercano di mettere correttamente il bambino malato, questo porta alla comparsa di sensazioni e dolore spiacevoli.
  • La colonna vertebrale è piegata, le ossa pelviche sono contorte. Tali distorsioni appaiono dovute all'adozione da parte del bambino di una postura sbagliata mentre si cammina, si è seduti.
  • Il linguaggio è disturbato, compaiono problemi psicologici. Ciò è dovuto al fatto che il bambino non comunica con i coetanei, non frequenta le istituzioni educative, è completamente separato dalla società.

Pertanto, dare alla luce un bambino malato è una grande paura per i genitori. E per capire e amare un bambino del genere, potrebbe volerci molto tempo. Per questo motivo, i problemi possono iniziare in famiglia e l'aiuto di uno psicologo sarà il benvenuto.

Leggi Vertigini